venerdì 16 aprile 2021

I quadri e i disegni di mio padre

Sul mio blog il traffico è molto eterogeneo, ma non esce quasi mai dai contesti e dalle tematiche trattate in maniera specifica. Ora sto notando che molti utenti trovano i quadri e i disegni di mio padre tra le immagini indicizzate e posizionate tra i motori di ricerca e mi fa piacere scoprire che non ho sbagliato, un po’ di tempo fa, a puntare anche su questo aspetto per allargare il mio progetto letterario. 

 

Prima del 2017 non avevo mai pensato di usare il mio blog per promuovere l’arte di mio padre. Mi bastava quello che già esisteva fuori dal web, poi durante una fase piuttosto delicata della mia vita è nato dentro di me il bisogno di scrivere dei racconti che avessero come ispirazione i lavori di Nino di Mei, e mettere assieme arte e letteratura è stato quasi naturale. 

Se ci penso infatti, il primo racconto è nato in un momento davvero triste e drammatico per me. 

È nato mentre osservavo mia madre in un letto di una camera d’ospedale. Si sottoponeva a dei cicli di chemioterapia e nel silenzio della camera del nosocomio suppongo che cercassi di orientare le mie energie verso un qualcosa di creativo per sopportare il dolore psicologico che mi affliggeva. 

Credo mi abbia aiutato molto allora e credo che ciò che sto ottenendo in cambio è molto più di ciò che mi aspettassi. 

Già, quando poco più di tre anni fa ho iniziato a pubblicare sul mio blog le opere di mio padre, non pensavo che nel giro di poco tempo si sarebbero fatte apprezzare in rete e in altri contesti. 

Non immaginavo di poter convogliare sul mio blog tutto questo traffico di lettori con i quadri e con i disegni di mio papà e non immaginavo di suscitare neppure tutto questo interesse indirettamente fuori dal web. 

Ora ci sono decine e decine di immagini che rimandano ai miei post. C’è addirittura una pagina facebook dedicata a mio padre. 

Quasi sempre sono opere legate a miei racconti e a mie riflessioni, ma sono davvero stupefatto per ciò che questa arte personale e di casa mi ha spinto a fare. Ecco perché mi sento in dovere di ringraziare tutti coloro che cliccano su un disegno o su un lavoro a olio e che poi mi ritrovo sul blog a leggere. 

La vostra presenza mi dà molto di più di ciò che immaginate. 

 

“Grazie per la lettura” 

 

Immagine - “Messa domenicale” di Nino di Mei 

 

4 commenti:

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy