domenica 14 marzo 2021

Mangiare fiori

Mangiare fiori è un qualcosa di ricorrente del mio mondo fantastico. Nel primo romanzo che ho scritto, il protagonista, esule su un esopianeta abitale, si nutre di fiori eduli. Anche da bambino, nella baita che usavamo come capanna per i nostri giochi, io e i miei cugini mettevamo nei piatti e nello scodelle dei fiori e fingevamo fossero pietanze commestibili. In realtà, tolti i fiori di zucca in pastella, non ho mai mangiato dei fiori ma so che si usano in cucina. 

 

Il primo romanzo che ho scritto si intitola La porta del trionfo

Da qualche parte devo aver scritto che è una via di mezzo - da prendere con le pinze - tra Guerre stellari e I promessi sposi, una storia d’amore mista a un romanzo di formazione e che senza presunzione ricorda un paio di saghe letterarie tanto in voga in questo secolo. 

Il protagonista è un adolescente che da Agadir per una serie di motivi si ritrova a vivere in un lontano pianeta fuori dal sistema solare. Il romanzo non lo possiedo in formato digitale. 

È scritto a mano con delle matite su una decina di notes a quadretti. Un’impresa pazzesca allora, che la dice lunga su come fosse in quel periodo la mia passione per la scrittura. Devo averli da qualche parte, quei quaderni, e magari un giorno mi prenderò l’onere di riscrivere la stessa storia al computer. 

Non lo so. 

Il nostro eroe, in ogni caso, deve nutrirsi di fiori ed è questa immagine che mi ha suggerito questo spuntino letterario. Un’immagine, tuttavia, avvallata nel romanzo dai miei giochi di allora. 

Già. 

Da bambino, su al maggengo, io, mio fratello e i miei cugini potevamo utilizzare una vecchia baita e spesso nelle nostre avventure, nel finto pranzo, mettevamo dei fiori nelle scodelle

Ma non li mangiavamo, era solo una finta. Ma è un’immagine che faccio fatica a dimenticare e mi ha seguito per talmente tanto tempo da costringermi a immortalarla in un romanzo

Ora so che ci sono molti fiori eduli. So che alcuni di essi vengono aggiunti alle insalate. Certi fiori si mettono sulla pizza. Molti altri sono utili per i dolci e per le tisane. Io purtroppo non sono mai andato oltre i fiori di zucca, fritti in pastella. Un qualcosa che apprezzo ancora adesso. 

Magari questo post mi spingerà a mangiare rose e margherite. D’altra parte la primavera è appena dietro l’angolo e magari potrà suggerirmi qualche piatto. 

 

“Grazie per la lettura” 

 

Immagine - “Vaso di fiori” di Nino di Mei 

 

6 commenti:

  1. Il disegno è delicato e molto bello, i fiori li ho provati nella camomilla

    RispondiElimina
  2. Mia sorella ha raccolto delle violette nel nostro terreno e le ha fatte zuccherate :
    Si usano per guarnire i dolci. Sanno di fiori...
    Il romanzo sembra interessante, digitalizzalo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche una persona su linkedin mi ha suggerito fiori usati per guarnire dolci.

      Sarà una faticaccia quel lavoro di digitalizzazione, è u n romanzo molto immaturo

      Elimina
  3. Ciao Ferruccio, ho visto a Masterchef, un super cuoco che cucinava tantissimo coi fiori! Penso anche se li faccia pagare profumatamente!
    Buona serata
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhh, immagino siano davvero profumatamente cari
      Grazie Anna

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy