lunedì 8 marzo 2021

La prima donna della letteratura italiana

L’otto marzo, come ben tutti immagino sanno, si celebra la Festa della Donna e per l’occasione pubblico un post con un Record Culturale che ritengo in tema: la prima donna della letteratura italiana. Una voce, prima della stesura di questo articolo, a me del tutto sconosciuta: la poetessa in volgare Compiuta Donzella. 

 

Ho cominciato a ricercare un Record culturale che potesse essermi utile due settimane fa, appena mi sono reso conto che l’otto marzo cadeva in questa giornata utile anche per la mia rubrica. 

Adesso non è stato molto semplice trovare una risposta alle mie domande. Non è stato semplice venire a capo delle mie ricerche. Ma alla fine ci sono riuscito con una semplice parola chiave, la stessa usata per il titolo, ed eccomi come sempre sul pezzo. 

Si parla di Compiuta Donzella

Da quello che ho potuto ricavare leggendo diverse fonti - anche se non tutte riportate visto che le informazioni sono quasi sempre le stesse - non si sa se Compiuta Donzella fosse veramente il suo nome o se fosse soltanto uno pseudonimo. A quanto pare non si conosce molto di lei. 

Ora il nome Compiuta era alquanto comune in quel periodo a Firenze, città dove la poetessa - primatista del Record culturale odierno - visse nella seconda metà del 1200 e morì probabilmente agli inizi del 1300. 

Non si sa molto neppure della sua opera, della quale non è rimasto molto. 

Si rimandano ai tempi moderni e alla letteratura italiana soltanto tre sonetti, ma le sue doti stilistiche dovevano essere talmente eccelse da meritare l’apprezzamento di molti altri esponenti artistici del suo tempo. 

Probabilmente si trattava di una nobildonna, assai probabile, d’altra parte l’educazione e la cultura rara che la contraddistinguevano non erano di norma tra le donne in quel periodo, quasi tutte analfabete. 

Be’ alla fine mi è uscito un record culturale che non avevo mai trattato e che ben si associa con la giornata odierna, tuttavia. 

Ovviamente non ho nessuna intenzione di trattare l’aspetto critico dei suoi sonetti. 

Credo di non essere nemmeno capace di farlo, e in fondo non è lo scopo dei miei Record che si limitano soltanto a una menzione e a classificarla come Prima donna della letteratura italiana

In fondo se volete approfondire vi basta seguire le fonti citate in coda a questo articolo o fare una ricerca specifica. 

Io non vado oltre. 

 

“Grazie per la lettura” 

 

Immagine - “Ragazza che studia” di Nino di Mei 

 

Fonti: 

- Compiuta Donzella 

 

4 commenti:

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy