martedì 16 marzo 2021

La difesa del talento

Tra gli scopi, a volte diretti a volte indiretti, che ho sempre cercato di veicolare sul mio blog, c’è la difesa del talento. In una società in cui la volgarità e il pressappochismo sembrano essere gli unici aspetti presi in considerazione, darsi da fare e spingere verso valori che possano aiutare a esprimere in peno le proprie qualità non credo sia cosa di poco conto. Cercate di capirmi, non è un qualcosa scritto a caso carico di retorica: continuate a leggere e capirete cosa intendo. 

 

È cambiato molto il mio modo di fare blogging e di vedere la gente, e forse ho impiegato troppo a cambiare. Purtroppo con gli anni mi sono accorto che non riesco più a interagire con le persone senza talento o che si vergognano di averlo. 

Non riesco più a legare con chi si lascia travolgere dai meccanismi della massa, assecondando senza un minimo di elaborazione critica personale ciò che vive e sperimenta, negando le proprie doti soltanto perché è più comodo e sicuro. 

Non riesco più a parlare con chi si sposa con la mediocrità senza cercare di eccellere. Non riesco a rapportarmi con chi non ha nessuna visione etica ricca di prospettive

Non amo chi non preme l‘acceleratore sulle proprie attitudini

Provo una sorta di fastidio verso chi non ha una vera morale e segue una strada maestra come uno zombie, soltanto perché sembra più facile e per nulla compromettente e sotterra inesorabilmente le proprie doti

Non riesco più a far finta di nulla con la volgarità che soffoca il talento. Mi disturba e mi irrita e mi fa ribollire il sangue questo tipo di incuria. 

Non riesco più a rapportarmi con chi vive di luoghi comuni e attacca gratuitamente ciò che non è in grado di comprendere soltanto per pigrizia. Non tollero lo squallore dei pensieri e delle frasi fatte, quando non c‘è il desiderio di migliorarsi. 

Mi rendo conto che non ho più tempo da perdere con chi non è interessato al proprio talento. Non ho più tempo da buttar via per la gente superficiale. Il talento è un qualcosa che abbiamo tutti e non dobbiamo vergognarci. 

Il talento va difeso sempre. Il talento va protetto sempre. Il talento va aiutato sempre. Il talento è un qualcosa che abbiamo tutti e dobbiamo coltivarlo. È quello che ci rende unici

Ma è un attimo negarlo a noi stessi. 

 

“Grazie per la lettura” 

 

Immagine - “Gesù azzurro” di Nino di Mei 

 

2 commenti:

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy