lunedì 28 dicembre 2020

L'esordio narrativo di Paperon de' Paperoni

Se l’anno scorso in questo periodo, per i miei primati letterari, avevo postato un articolo inerente a il Canto di Natale di Dickens, citandolo come il Natale più famoso della letteratura, non posso fare a meno di ricordarlo anche in questo post visto che il protagonista della storia, Ebenezer Scrooge, ha ispirato la nascita e l’esordio narrativo nel mondo dei fumetti di Paperon de’ Paperoni… 

 

Siamo ancora in periodo natalizio, perciò lasciatemi pubblicare questo Record culturale, anche se a qualcuno possa far strabuzzare gli occhi, d’altra parte questo post l’ho preparato la settimana prima di Natale

Ora non so se mi posso permettere di passarlo come tale, inteso come Record culturale, ma nella storia a fumetti Il Natale di Paperino sul Monte Orso ha fatto il suo esordio narrativo Paperon de’ Paperoni e mi pare giusto segnalarlo e catalogarlo nei miei primati (d’altra parte non è la prima volta che seleziono o che parlo di fumetti). 

La storia, realizzata da Carl Barks, venne pubblicata nel 1947, sul numero 178 della rivista statunitense Four Color

Come ho già scritto, fu quella la prima volta in cui comparve Paperon de’ Paperoni e da allora il papero spilorcio e avaro, poco alla volta, nonostante il suo carattere e la sua figura, è diventato un beniamino dei fumetti Disney

Forse però non tutti sanno che il personaggio di Paperon de' Paperoni, “il papero più ricco del mondo”, è ispirato al protagonista del Canto di Natale di Dickens: quel vecchio e avaro banchiere londinese che odia il Natale, lo stesso personaggio rappresentato nell’immagine allegata a questo post (non me la sono sentita di inserire un'immagine Disney, visto la loro attenzione per il copyright). 

Insomma, nonostante tutto, mi pare un Record Culturale a tutti gli effetti. 

Vero? 

Un Record culturale del tutto accettabile e perfetto per questo periodo. 

Vero? 

Magari, per una volta, questo post farà felici pure i bambini che leggono il mio blog, sempre che ce ne siano. 

Io non mi sento di aggiungere molto, però una cosa lasciatemela dire: da bambino mi chiedevo sempre come facesse il papero a tuffarsi e a nuotare in un piscina piena di monete d’oro senza farsi male. 

Vabbe’ crescendo ho capito che con la fantasia si può fare passare tutto, perciò non fate troppo gli schizzinosi con questo post scritto nel periodo delle feste. 

Mi serve anche per fare gli auguri a tutti coloro che mi leggono. 

 

“Grazie per la lettura” 

 

Fonti: 

- Paperon de’ Paperoni 

 

4 commenti:

  1. Da bambina amavo Paperina, dovresti vedere se pure lei ha qualche riferimento letterario
    Buon anno
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa analogia tra Zio Paperone e il personaggio di Dickens mi è passato davanti agli occhi per caso, se trovo qualche particolarità su Paperina, magari la posto
      buon anno a te

      Elimina
  2. Le storie con Paperino e Zio Paperone le preferivo.
    Auguri anche a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacevano anche a me, anche se preferivo Topolino quando interpretava un qualche personaggio storico
      Buon anno Daniele

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy