mercoledì 2 dicembre 2020

I dolori della nuova versione di facebook

Non uso facebook da cellulare. Non l’ho mai usato. Da quando mi sono creato il profilo, circa dieci anni fa, uso facebook sempre e solo con il computer e adesso con la nuova versione - quella nata più o meno l’estate scorsa se non vado errato - mi pare piena di dolori: una volta non mi pubblica il commento di risposta, un’altra volta non mi permette la condivisione, a volte la pagina mi resta totalmente nera. Insomma devo sempre ripiegare sul vecchio modello che per fortuna riesco ancora a usare… 

 

L’immagine che ho inserito in questo post è una copia di video di una mia schermata e documenta il punto di partenza dell’azione che ogni due giorni devo fare per poter usare il mio profilo facebook senza correre il rischio di trovarmi nel mezzo di un mare di problemi: lentezza, commenti che non vengono pubblicati, post che non si possono cancellare, condivisioni che si bloccano a metà o si impiantano sul più bello, messaggi che non arrivano… vuoti improvvisi e pagine nere come una notte senza stelle. 

Ancora adesso devo impostare il vecchio modello classico di interfaccia per poter lavorare con sicurezza e riuscire a fare in quei pochi minuti che ancora dedico alla piattaforma di Mark Zuckerberg quello che mi sono prefissato per quella giornata. Per fortuna riesco ancora a farlo ma in tutta sincerità non so sino a quando potrò continuare a farlo. 

Dal semplice profilo utente, dalla fine di settembre, non mi è più possibile tornare indietro è stato rimosso il comando e devo sempre ripiegare su una delle pagine che gestisco per poterlo fare, ma so che prima o poi anche questa ultima opportunità mi verrà tolta e non ci saranno altre opzioni. 

Spero nel frattempo che la nuova versione di facebook sia alleviata da tutti i suoi dolori. Spero che facebook non mi obblighi controvoglia a fare qualche scelta drastica in futuro

Sebbene il mio uso è orami limitato nel tempo, la piattaforma continua a essere, come ho avuto modo si scrivere in altre occasioni, un ottimo bacino di spunti e ispirazioni di tipo sociologico molto interessanti. 

Non morirei se facebook sparisse del tutto, ammetto di non esserne per niente succube e di avere perso quello che spirito che mi spingeva a usarlo nei primi anni. 

Tuttavia visto che esiste e visto che ho dei profili e della pagine non vedo perché devo usarlo. 

 

“Grazie per la lettura” 

 

4 commenti:

  1. Proprio oggi mi ha cambiato l'interfaccia e neppure nelle mie pagine mi dà più l'opzione per tornare indietro. Vuol dire che limiterò il tempo che passo su Facebook perché la nuova versione è un disastro ed è molto pesante sui miei vecchi PC.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già Massimo, domani mattina quando non mi sarà più possibile tornare indietro mi comporterò come fai tu

      Elimina
  2. Fossi in te mollerei facebook, per come ti conosco non ti serve più a nulla
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono delle cose che ancora mi legano un pochino a quella piattaforme Alessia. Certe persone mi trovano solo con facebook, ma non è escluso che... lo faccia

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy