sabato 21 marzo 2020

Scrittura creativa

Nino di Mei
Non so se qualcuno dei miei lettori si è accorto che da alcuni mesi diversi articoli hanno l’etichetta Scrittura creativa, ma credo che molto del lavoro pubblicato sul blog sia esattamente il frutto di una ricerca in tal senso. Perciò non mi pare nulla di trascendentale. Anzi, probabilmente, tornerò indietro anche a modificare vecchi post che sembrano esercitazioni vere e proprie ed etichettarli allo stesso modo, intanto… 


Il focus del mio blog è la scrittura. Non si scappa e penso lo sappiano benissimo i lettori che quotidianamente mi vengono a leggere. 

Che si tratti di un racconto, che si tratti della narrazione di un ricordo, che si tratti della stesura di un post orientato al mondo dell’arte, per me alla fine della fiera è sempre un’esercitazione di scrittura creativa

Che siano cinquecento parole che parlano di nativi americani, che si parli di come gestire un blog o che si parli di Pippo, Pluto o Paperino, sempre ho a che fare con un’esercitazione di scrittura creativa. 

A volte la molla dell’esercitazione consiste nello scrivere un articolo con un numero previsto di parole in un determinato lasso di tempo. Altre volte è orientata alla redazione di un articolo legato a un aspetto di cronaca. A volte si tratta di scrivere un racconto da zero. 

Sempre è comunque si parla di scrittura creativa. Si tratta di scrittura creativa anche in quei rari casi in cui compaio polemico e un po’ arrabbiato

Dopotutto più passa il tempo più mi rendo conto che la creatività messa su carta è il mio vero punto di forza. Un qualcosa che non mi manca mai. A qualsiasi ora del giorno e della notte. La scrittura creativa sostituisce il conteggio delle pecore quando non riesco a dormire. 

La scrittura creativa prende possesso della mia immaginazione quando devo fare una coda e devo aspettare. La scrittura creativa trasforma in maniera positiva tutto quello che vivo, o forse questa è la caratteristica più strabiliante. 

La scrittura creativa mi rilassa. La scrittura creativa smorza la miseria che a volte si impadronisce dell’anima. 

La scrittura creativa ti salva con un salvagente in un periodo di quarantena come questo, non mi lascia mai la scrittura creativa anche in momenti drammatici come questi. 

Certo magari prima la faccio a mente, magari in piedi nel corridoio, ma in seguito il tutto viene trasportato sul foglio bianco e quando prende vita sembra che tutto diventi vero. 



"Grazie per la lettura"

6 commenti:

  1. Mi rilasso un po' leggendo e sfogliando il tuo blog. Ci trovo molta creatività

    RispondiElimina
  2. Ciò che dici sui poteri della scrittura è verissimo, lo vivo anch'io.

    RispondiElimina
  3. Confesso anzi riconfesso perché già detto in altri commenti che io con la lettura del tuo blog, ho imparato molto. Soprattutto nello scrivere... Grazie ancora e una buona domenica anche se di quarantena. 🤗🤗🤗

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy