mercoledì 4 dicembre 2019

Robert E. Howard... Howard chi?

Se qualcuno dovesse chiedermi se conosco lo scrittore Robert E. Howard... risponderei Howard chi? Adesso, sebbene sia presente e sia stato citato in un post sul mio blog (Il primo personaggio sword and sorcery della storia) non ho idea di quale sia la sua opera narrativa e la sua produzione. Mi spiego: so che ha scritto le vicende di Conan il barbaro ma non ho mai letto un episodio su quell'eroe e naturalmente non so come sia la scrittura di Howard. 

Se devo essere sincero non ho mai perso la testa per le avventure cinematografiche di Conan il barbaro

Certo so bene chi sia. 

Lo ricordo bene interpretato da Arnold Schwarzenegger, come ricordo bene le lande desolate in cui sono ambientati i due film che parlano di lui. Ma non ricordo come si delinea la trama e lo sviluppo della storia. 

Rivedo battaglie, tribù in guerra, personaggi con elmi, cavalli, incendi e violenze su violenze. 

Rivedo bambini rimasti soli che sopravvivono a una strage, e poi maghi, streghe, re e via di questo passo. Insomma non sono mai stato un fan del genere, lo dico in tutta sincerità anche se ho apprezzato le visione televisive dei film. 

Dal punto di vista letterario sono però ancora più in basso. Molto più in basso. 

Il genere narrativo che penso porti avanti lo scrittore statunitense è molto lontano dai miei gusti veri e propri e quindi capirete che mi è piuttosto difficile interessarmi a un determinato filone se non c'è prima una scintilla scatenante. 

Bisogna però ammettere che - almeno fuori dall'Italia - si parla di un autore di grande spessore. Di un autore che ha fatto storia in un determinato contesto creativo e che forse abbia bisogno di un approccio diverso. 

Perciò se volete dare un vostro parere in merito siete ben accetti. Io, purtroppo non ho altro da dire. Magari se il riscontro a questo post mi aiuta posso anche pensare a una strenna natalizia con lui e la sua opera protagonisti. 

Non lo so, non è mica semplice la faccenda, cedo a voi la parola io mi fermo all'inserimento di una citazione che ha a che fare con un romanzo che ha Conan... 

«"La barbarie è lo stato naturale dell'umanità", disse l'uomo della frontiera guardando ancora seriamente il cimmero. "La civiltà è innaturale. È un capriccio delle circostanze. E la barbarie, alla fine, deve sempre trionfare."» 
Robert E. Howard - Oltre il Fiume Nero 


"Grazie per la lettura"

10 commenti:

  1. Tra i miei scrittori preferiti, pensa!
    Ho tutto Conan, e anche qualcosa d'altro della sua prolifica produzione. Conan, peraltro, è il fantasy narrativo che mi piace (non ho mai troppo amato quello high alla Tolkien).

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto i film, ma non ho mai letto nulla ancora.

      Grazie Moz-

      Elimina
    2. Sono racconti brevi: provane qualcuno, male che va perdi davvero pochi minuti.

      Moz-

      Elimina
    3. Se lo trovo in biblioteca o in qualche libreria lo prendo...
      Grazie Moz-

      Elimina
  2. Ha una triste storia personale questo autore

    RispondiElimina
  3. Ho recuperato almeno quattro tascabili Newton delle sue opere proprio negli ultimi mesi, spero di riuscire a metterci gli occhi sopra al più presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho ancora visto in una libreria, anche se non sono mai andato a cercarlo direttamente. Però molti autori che ho letto li ho conosciuti per caso. Grazie Pirkaf

      Elimina
  4. Dopo tanto incipit, come resistere alla tentazione di leggere il libro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La narrativa di genere è particolare. Trovi l'autore giusto e leggi tutta la sua produzione senza saperlo
      Grazie Grazia

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy