mercoledì 20 novembre 2019

Guardare cosa legge la gente

Funziona così. Magari guardo che saggio o che romanzo c'è sulla scrivania di quella persona che mi ha invitato nel suo ufficio per parlare di altre cose. Oppure capita che sei lì, seduto nel senso di marcia del treno e guardi che libro ha in mano la signorina di fronte. Magari sei lì in metropolitana e non sai dove guardare e allora è una fortuna quella persona con un libro in mano. Può capitare anche in spiaggia al mare, almeno a me è successo. In ogni caso, a me capita sempre di guardare cosa legge la gente... 

Se per per qualche motivo mi trovo un libro davanti guardo sempre di cosa si tratta. Non ne rimango indifferente. E naturalmente guardo sempre cosa legge la gente che incontro e con cui ho a che fare. 

Quando entro in una casa guardo se ci sono libri da qualche parte, magari non in modo plateale ma state certi che guardo e cerco di scoprire cosa legge chi ho di fronte. Forse perché mi serve per farmi un'idea sulla persona. 

Naturalmente questo aspetto del mio carattere è più evidente in situazioni banali come può essere viaggiare in treno o in metropolitana in un altra qualsiasi situazione dove mi trovo davanti qualcuno con un libro aperto. Credo sia più forte di me. 

Mi vedete mentre sono lì che faccio l'indifferente e intanto cerco di capire qual è il titolo del libro che ha in mano quella graziosa ragazza seduta di fronte? Non voglio farmi beccare ma voglio proprio scoprire che libro sta leggendo. 

Provate a immaginare cosa potrebbe succedere se scoprissi che ha in mano uno dei romanzi che amo di Hemingway o una raccolta di racconti dove c'è pubblicato qualcosa di mio. Ve ne rendete conto? 

A volte fingo anche di non guardare per non farmi scoprire e per non sembrare indiscreto o sfacciato, ma l'occhio scappa verso la copertina di quel libro e quando non riesco a cogliere il titolo scoppia quasi una guerra con me stesso. 

Insisto e insisto fin quando non riesco ad accertarmi del libro. Certo non sempre ciò che colgo è di spessore e di valore. A volte capita di spiare titoli orribili. A volte è una delusione. 

Insomma per me è una specie di riflesso incondizionato

Lo faccio da anni e chissà sino a quando continuerò a farlo, ma sapete i libri dicono molto più di quello che si trova nelle loro pagine. 

"Grazie per la lettura"

12 commenti:

  1. Verrebbe da dire che è già una gioia scoprire che leggono, invece di essere dei mutanti testechine che sbocchinano compulsivamente lo smerdofono. Ma in realtà la stragrande maggioranza dei titoli fa talmente cascare le braccia che per assurdo vorresti dirgli Ma metti via quella robaccia e tira fuori lo smerdofono! Ma quando, una volta all'anno, trovi qualcuno intento a leggere un libro bello e intelligente, è come conoscere un fratello, un gemello separato alla nascita.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto capita davvero di trovare un fratello, grazie Zio Scriba

      Elimina
  2. Lo so che scappa l'occhio, succede pure a me

    RispondiElimina
  3. Si tratta di riflessi e curiosità irresistibili. Come pure è difficile resistere al pensiero di farsi un'idea delle persone dalla lettura. Bisogna però tener conto che trattasi di una indagine campionata. Essendo onnivoro, così cosa hanno pensato di me persone diverse che mi hanno visto leggere cose molto spurie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio vero quello che dici Massimo... Chissà cosa penserei vedendoti con un libro in mano :-D

      Grazie

      Elimina
  4. I libri sono un bel punto di contatto con le persone. Quest'estate, al mare, stavo leggendo non ricordo cosa sotto l'ombrellone, quando mi è transitata davanti una famigliola padre-madre-bambino. Lei ha allungato il collo a guardare cosa stessi leggendo, ha sorriso e poi è andata per la sua strada. Dalla sua espressione, direi che fosse tentata di attaccare discorso sul mio libro, che forse anche lei aveva letto. Sarebbe stato carino conoscerci così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace un modo di fare simile.
      Grazie Grazia

      Elimina

  5. - Lo faccio da anni e chissà sino a quando continuerò a farlo, ma sapete i libri dicono molto più di quello che si trova nelle loro pagine.



    Oddio da scrittore questa tua frase mi incuriosisce:)

    Capita anche a me questa forma di curiosità di capire cosa sta leggendo quella persona ,nonostante non sono così esperta, ma questo aumenta la mia curiosità ...

    Però mi sono ricordata di un episodio dove ero io la lettrice e qualche curioso sbirciava la copertina...pensa leggevo "chiudi gli occhi e guarda" di Zio Scriba....ma solo che gli occhi in quel caso erano aperti per guardare.

    Buonaserata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante, sarà contento anche Zio Scriba.
      Grazie

      Elimina
  6. Grazie a te...grazie a voi davvero!


    L.

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy