sabato 21 settembre 2019

La crisi del settimo anno

I promessi sposi - Nino di Mei 
Il 23 settembre 2012 davo inizio a una rubrica particolare con il post Una settimana su facebook. Sono passati sette anni da allora e sono stati pubblicati 350 articoli. Ero partito con un'idea e nel complesso per qualche annetto il progetto ha funzionato. Poi sono mancate le sinergie e, a un certo punto, anche la piattaforma che aveva ispirato il tutto ha negato il suo aiuto. Insomma siamo alla crisi del settimo anno. 

C'è stato un tempo in cui usare facebook per condividere le attività del blog era la fine del mondo. Un tempo molto lontano che mi spinse a ideare la mia vetrina settimanale. Una di quelle rubriche, un po' come tutte la altre, suggerite dall'inconscio. 

Per più di un annetto tuttavia questa rubrica mi permise di proporre articoli e post che ebbero molta visibilità e che fecero decollare la pagina facebook associata al mio blog (Otium di Ferruccio Gianola), tanto che il venti per cento giornaliero del traffico mi giungeva dalla piattaforma di Mark Zuckerberg (un paio di centinaia di utenti). 

Per un po' di tempo fu un qualcosa che mi fece sentire fiero, anche perché ogni settimana venivo contattato da qualcuno per riempire questo spazio. Ma la faccenda durò ben poco

Quasi nessuno di chi allora interagiva con me si interessò - escludendo i meri aspetti promozionali - nel segnalare la vetrina su qualche piattaforma. La vidi copiata quasi allo stesso modo sulla piattaforma di blogger che per qualche tempo erano entrati in contato con me, ma non ne ho mai sentito parlare o segnalarla da qualcuno in modo diretto. 

Questo aspetto mi amareggiò un pochino a dire il vero e poco alla volta cambiai completamente l'orientamento delle vetrina stessa, privilegiando i progetti personali. Nel frattempo anche la piattaforma che mi aveva ispirato ha sterzato bruscamente, andando a togliere quella visibilità al blog a cui mi ero affidato per diverso tempo. 

Così dopo sette anni mi rendo conto che siamo in crisi. Mi trovo ad avere una rubrica che andrebbe chiamata in un altro modo. La vetrina settimanale su facebook non ha quasi più senso di esistere, proprio perché mancano i presupposti che l'avevano ispirata un bel po' di anni fa.. 

Temo che non abbia più senso cambiare la copertina ogni settimana a delle pagine facebook che sono sempre meno viste. La percentuale delle visite che arrivano al blog inoltre non va oltre il cinque per cento del globale (una cinquantina di utenti)... 

Insomma devo pensare a facebook e a questa vetrina settimanale in un'altra ottica se voglio salvare questo matrimonio. Se avete suggerimenti, sono pronto a coglierli.


"Grazie per la lettura"

10 commenti:

  1. Purtroppo non ho suggerimenti Ferruccio, ad un workcamp di wordpress, hanno chiesto ad un relatore dei consigli per facebook, lui si è messo a ridere dicendo: fra un pò dovremo pagare anche per vedere gli amici! Buon sabato Ferruccio e salutami Zuckerberg :-)))

    RispondiElimina
  2. C'è poco da fare, Facebook è sempre peggio. Se trovi qualche gruppo dove ti permettono di segnalare i tuoi articoli è ancora utile ma parliamo di gruppi tematici. Per le pagine è diventato davvero arduo avere visibilità senza pagare e allora per molti è meglio lavorare su altri social.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero Massimo. Io ho diverse pagine da gestire e sinceramente solo una di queste non soffre.
      Per i gruppi sono d'accordo anche se bisogna stare attenti alle trappole che nascondono
      Grazie

      Elimina
    2. Si, i gruppi vanno selezionati attentamente per avere vantaggi ed evitare problemi. Nel corso del tempo ho abbandonato alcuni gruppi per vari motivi concentrandomi su quelli validi.

      Elimina
    3. Esatto Massimo, tutto ciò che viene fatto in rete non dovrebbe essere mai banalizzato

      Elimina
  3. Io non ti posso aiutare, non uso facebook però ti leggo tutti i giorni
    Alessia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so e ti ringrazio Alessia. Credo soltanto sia giunto il momento cambiare approccio con facebook tutti qui

      Elimina
  4. Sarò drastico, ma abbandonare del tutto le fogne del web e cercare visibilità altrove non sarebbe una pessima idea. Ormai il coso blu altro non è che una macchina per macinare soldi, dove viene lasciato passare tutto il peggior becerume che esista in nome di quel clic in più che porta tanti bei $$$$$ nelle tasche del fondatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza dubbio, ormai uso facebook per studiare la psicologia umana ma non per cercare visibilità. Grazie Berthus

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy