giovedì 1 agosto 2019

Una vacanza letteraria fantastica

Ho sognato qualche notte fa che mi trovavo in un posto preso dalla letteratura. Mi trovavo in un luogo immaginario descritto in un romanzo. Ero lì per una vacanza letteraria fantastica, ma la vacanza era appena cominciata e sarebbe proseguita nei sogni successivi, visto che nel sogno avevo prenotazioni per cinque luoghi fantastici e immaginari. Adesso quando andrò a dormire e ricomincerò a sognare dovrò passare anche da... 

Macondo di Gabriel Garcia Marquez 
Il punto di partenza che ha dato origine a questo post è Macondo. Frutto dell'immaginazione di Garcia Marquez, un luogo preso da Cent'anni di solitudine. Un luogo immaginario delle foresta colombiana. Un posto popolato da personaggi che hanno reso leggendaria e immortale una certa letteratura. Personaggi stralunati e strampalati in un mondo che sembra esistere solo nei sogni. Spero di divertirmi. 

Derry di Stephen King 
Derry è una città immaginaria e una parte della topografia immaginaria del Maine di Stephen King. Derry ha fatto da cornice a numerosi romanzi, romanzi e racconti. Ma è soltanto uno dei luoghi immaginari di King. Si tratta del secondo luogo sul mio viaggio immaginario e mi fa un po' paura. Non vorrei che nei miei sogni ci sai spazio anche per gli incubi. Non vorrei morire di paura o svegliarmi di soprassalto. 

Shangri-La di James Hilton 
Mi ispira tantissimo questo luogo che dovrebbe essere situato tra le montagne più alte del mondo e non vedo l'ora di sognarlo qualche notte. Ho in mente più o meno coma possa essere ma quando sarò lì sarò più preciso e sarò più preciso anche le racconto. In ogni caso è in netto contrasto con i luoghi da incubo di King. Spero di riappacificare il mio spirito e il mio animo. 

Yoknapatawpha County di William Faulkner 
Trovo Yoknapatawpha un luogo pieno di fascino. Quasi invidio Faulkner per averla inventata e averci costruito tutte quelle storie: Sartoris, L'urlo e il furore, Il borgo, Santuario... Un sogno andarci in vacanza, magari imparerò dal nobel di New Albany qualche suo trucco sulla scrittura. Lo spero tantissimo. 

Totleigh Towers di P. G. Wodehouse 
Ho sempre sognato di vivere in un castello o in un palazzo della campagna inglese e prossimamente ci passerò in sogno qualche notte. Vi darò dettagli più precisi, spero. Sono preoccupato un poco per il cibo che potrei trovarmi in tavola, ma non si sa mai. Spero di non fare indigestione. La campagna inglese mette calma, tuttavia. 

Be' se è capitato pure a voi un simile sogno e avete visto dei luoghi fantastici... ma ogni punto di vista va bene. Io spero siano sogni che durino a lungo

"Grazie per la lettura"

10 commenti:

  1. Più ti leggo e più mi rendo conto della mia ignoranza. Conosco gli scrittori ma non ho letto nessun libro che tu citi. Devo correre ai ripari davvero. Prendo nota e metto in lista sul sito della mia biblioteca. Grande e buona giornata a te.

    RispondiElimina
  2. Ciao Ferruccio,a me è successo! Ho sognato di essere su una nave "bruttina", quando ho letto il libro di Simenon: Cargo, tra l'altro un bellissimo libro, ma con atmosfere cupe! Mi piacerebbe sognare con Ken Follett e il suo libro: I pilastri della terra" per tornare nel medioevo! Buon 1 Agosto!

    RispondiElimina
  3. Non ho mai approfondito Shangri-la che vedo citata ovunque, mi sa che dovrò dare una ripassatina alla geografia di stampo fantastico come feci tempo addietro per Carcosa.

    RispondiElimina
  4. Conosco soltanto Macondo
    Alessia

    RispondiElimina
  5. Non ho mai sognato luoghi conosciuti nelle mie letture, o almeno non lo ricordo. Se potessi scegliere, però, mi piacerebbe sognare di essere alle Orcadi, dove è ambientato il libro che sto leggendo, Greenvoe, di George Mackay Brown. Ci sono stata qualche anno fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capire benissimo il perché e grazie per il libro che mi hai segnalato

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy