domenica 4 agosto 2019

Tutto per un piatto di gnocchi

Il primo post che aveva dei riferimenti con la cucina letteraria lo postai il sette agosto del 2011. Lo pubblicai in occasione del mio compleanno e citai anche il Moby Dick di Melville quel giorno. Ci volle però ancora qualche anno prima che diventasse una rubrica fissa sul mio blog, ma credo che tutto sia partito per un piatto di gnocchi: da quel piatto di gnocchi... 

Ho un ricordo in cui sono molto piccolo. Devo avere tre o quattro anni al massimo. Credo sia il mese di agosto e mi trovo in un alpeggio a pochi chilometri del paese. Magari anche allora è il giorno del mio compleanno. Sono seduto su uno sgabello di cui mi sento padrone. 

Fuori piove a dirotto e l'odore delle mucche, dei maiali e delle capre si uniforma e si diffonde nell'aria con le gocce di pioggia. Non mi importa del tempo e sto mangiando gnocchi di patate in una scodella in legno, mentre sul camino il fuoco scoppietta. Sto pensando che non ho mai mangiato nulla di così buono. 

Lo penso ancora adesso, lo penso ogni volta che ci sono gnocchi di mezzo ed è assai probabile che lo pensavo anche con il post con cui è partita questa rubrica otto anni fa. 

Credo sia assai probabile che abbia pensato anche quel giorno allo stesso aneddoto. Una storia a cui penso ogni volta che gli gnocchi di patate si presentano sulla mia tavola. 

Otto anni fa, citai gli gnocchi in un post che in seguito sarebbe diventato il primo esempio di cucina letteraria o il più recente Spuntino letterario. Ma prendendo in esame quel piccolo aneddoto infantile capite subito il perché sono così presenti nei miei post da renderli molto più spuntino di quello che può sembrare. 

Sì: gli gnocchi di patate sono le mie Madaleine di Marcel Proust

Sono le mie banane fritte e mie le trote di Ernest Hemingway

Insomma sono un bel po' di cose un piatto di gnocchi di patate e ogni tanto ricompaiono e quando questo piatto ricompare ne risento il gusto e il piacere di mangiarlo. Magari un giorno li metterò anche in un racconto, anche se non parlerà di balene.. 

Invece il vitto fu dei più sostanziosi, non soltanto carne e patate , ma gnocchi! Santo cielo! Gnocchi per cena! Un giovanotto con un cappotto verde diede a questi gnocchi un assalto impressionante. 
Herman Melville - Moby Dick


"Grazie per la lettura" 


Fonti: 
- Un piatto di gnocchi come Ismael

8 commenti:

  1. Volendo parafrasare, quel piatto di gnocchi del 7 agosto 2019 ti ha fatto da "antipost cuciniero" o antipasto letterario che dir si voglia, predecessore dei tanti successivi "post" o pasti.

    A proposito, non sono ancora riuscito a risolvere la situazione dei commenti Blogger (ex Google+) su Due Punto Tre, che riesco a leggere solo io dall'interno. Aspetto sempre che mio figlio gli dia un'occhiata.

    RispondiElimina
  2. Che bel post Ferruccio. Gli gnocchi non sono una mia grande passione, ma dopo aver letto quanto hai scritto li apprezzo di più! :)

    RispondiElimina
  3. Magico e nostalgico

    RispondiElimina
  4. Oggi mi hai impedito di farmi la domandona, che preparo e poi che faccio... Oggi gnocchi e Balena Bianca. Mi pregusto una domenica buonissima :)

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy