venerdì 28 giugno 2019

Mai letto Moravia

Io non ho mai letto racconti e romanzi di Alberto Moravia. Neanche uno. Conosco l'autore per nome e per fama, ma le sue storie (alcune) mi sono conosciute solo attraverso certi film. Con lui ho un vuoto anche dal punto di vista scolastico, non ricordo di averlo mai trattato. Ma la prima frase presente nell'incipit del suo romanzo La noia mi ha colpito come una pagliuzza in un occhio. Perciò... 

La prima frase del romanzo La noia (la potete leggere alla fine dell'articolo) dello scrittore e critico Alberto Moravia mi ha suggerito questo articolo e anche quello che leggerete domani per la mia vetrina settimanale. Ma restando in tema con oggi debbo dire che non ho letto molto di più dell'incipit che segue, per quanto riguarda l'opera dello scrittore e giornalista romano. 

Non ricordo di aver letto qualcosa a scuola e sebbene abbia molta considerazione per lui - sopratutto per tutti i film che ho visto in televisione tratti da molti lavori della sua produzione, ma non dimentico il fattore oggettivo legato al peso e allo spessore culturale del soggetto - oggi faccio un po' il Mea Culpa per questo lacuna che mi porto dietro. 

Ora il fascino che un pittore riveste per il sottoscritto ha sicuramente un certo peso, ma l'alone di grande intellettuale che domina la figura di Moravia lo è ancora di più e se non ho mai letto nulla di suo e giusto che venga a fare un'inchiesta tra i lettori di Otium

Non ho idea di come sia visto. Non ho idea neppure di come possa essere considerato, insomma magari voi lo vedete in modo completamente diverso dal sottoscritto. Magari c'è chi mi sconsiglia di leggerlo, magari c'è invece chi mi consiglia di fare l'opposto. Insomma, fatevi avanti... 

Ricordo benissimo come fu che cessai di dipingere. Una sera, dopo essere stato otto ore di seguito nel mio studio, quando dipingendo per cinque, dieci minuti e quando gettandomi sul divano e restandoci disteso, con gli occhi al soffitto, una o due ore; tutto ad un tratto, come per un'ispirazione finalmente autentica dopo tanti fiacchi conati, schiacciai l'ultima sigaretta nel portacenere colmo di mozziconi spenti, spiccai un salto felino dalla poltrona nella quale mi ero accasciato, afferrai un coltellino radente di cui mi servivo qualche volta per raschiare i colori e, a colpi ripetuti, trinciai la tela che stavo dipingendo e non fui contento finché non l'ebbi ridotta a brandelli. 
Alberto Moravia - La noia


"Grazie per la lettura"

4 commenti:

  1. Non ho letto il libro ma ho visto diverse volte il film da bambina e poi rivisto in seguito con piu attenzione:la ciociara. Sophia Loren era l'attrice principale tanto amata in famiglia...

    Buona giornata


    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, l'ho visto anch'io il film e più di una volta
      Grazie Linda

      Elimina
  2. Io ho letto "L'amore coniugale" e "Gli indifferenti". Oggettivamente grande abilità introspettiva. Gli eventi concreti sono pochi ma i meandri della mente sono esplorati in profondità.

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy