giovedì 2 maggio 2019

L'inutilità del blog-roll e dello scambio link

Ogni tanto qualche blogger mi scrive chiedendomi uno scambio link e l'inserimento della sua piattaforma nel mio blog-roll. La cosa mi lascia sconcertato, sopratutto quando non fanno una piega di fronte al mio disappunto dovuto al fatto che non uso il blog-roll e neppure si sono accorti di questo aspetto. Ma è una storia vecchia. La mia esperienza mi dice che il novanta per cento di chi chiede queste cose e usa il blog roll non legge neppure i blog in cui dovrebbero figurare ed essere ospitati... 

Il novanta per cento dei blogger che mi sono arrivati perché hanno visto il nome di Otium sul blog-roll di qualche piattaforma non sono più tornati. 

La cosa non mi disturba più di tanto, visto che la quasi totalità di questi personaggi non leggeva neppure ciò che scrivevo, oltre al fatto che non avevano nulla in comune con le mie tematiche. Più che altro, suppongo io, era incuriosita dalla possibilità di avere un'altra vetrina o semplicemente un lettore in più. 

Lo stesso vale per chi mi scrive e mi chiede di essere inserito nel blog-roll o avere uno scambio link, perché ogni tanto accade ancora.  

Lo confesso non è nel blog-roll e nello scambio link che cerco le visite e non è tramite il blog-roll e nello scambio link che voglio veicolare i miei contenuti, ma il fatto che ogni tanto qualcuno si fa vivo per queste cose mi ha convinto a fare qualche puntualizzazione in merito a queste pratiche dal mio punto di vista superate. 

Se devo essere sincero non ho mai creduto troppo a questi sistemi di crescita. Li concepisco solo in caso di nicchie affini. Nel duemila dieci li cercavo perché vedevo che lo facevano i blogger con cui collaboravo allora, ma è evidente che sono soltanto degli specchi per le allodole

Andando indietro nel tempo, qualcuno mi diceva che uno scambio link tra siti di rank diversi avvantaggia uno e svantaggia l'altro e quindi sin da subito sono sempre stato cauto. 

Nel blog-roll, i primi tempi, inserivo piattaforme come la mia e la faccenda poteva funzionare, ma quando perdo di vista la verticalità e gli obiettivi del progetto, inserendo blog per nulla in linea le risposte e gli interessi dei motori di ricerca diventano inesistenti. 

Ancora peggio accade oggi, visto che con i cellulari in molti casi non sono neppure visibili. 

Insomma un blog-roll non è più attuale a meno che non ci interessi solo un posto dove dialogare con gli amici e creare soltanto un circolo vizioso, ma in questo forse sarebbe migliore servirsi solo dei social... 


"Grazie per la lettura"


P. S. - La maggior parte dei guai, anzi la totalità dei guai che ho avuto con il blog, sono arrivati tramite personaggi giunti su Otium dal blog-roll di altri siti o per questioni legate al blog-roll. Credo basti a capire perché non li sopporto: il più delle volte sono usati per fare basso pettegolezzo!
  

43 commenti:

  1. Ti chiederai cosa ci faccia io qui su un post che non ho mai potuto sperimentare anche solo per il linguaggio tecnico che usi...blog-roll link,rank...linguaggio per me alieno,ma fondamentale a livello di conoscenza tecnica.

    C'è la tua professionalità,la tua autenticità e poi quel l'immancabile senso spirituale,soprattutto nella parte finale del post stesso.

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai bene a esserci invece e ti ringrazio sempre per il tuo modo discreto e pulito di commentare

      Elimina
  2. Io da telefono vedo solo il post del giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io uso solo il computer per i blog, ma qualcuno mi ha detto che da Smartphone non si vedono i blogroll

      Elimina
    2. Scusami Ferruccio ma io non ho capito una cosa. Per blogroll cosa intendi? La colonna dove c'è il tuo cerca?
      Se viene pubblicato su questa colonna, io vedo tutto il blog nella sua completezza anche da smartphone. Basta cliccare in basso "visualizza versione web" . Che poi serva a poco,questo è un altro discorso che approvo infatti anche io l'ho tolto. Abbraccio siempre

      Elimina
    3. Mi riferivo all'immediatezza. Lo so che basta visualizzare la versione web, ma la gente è pigra quasi nessuno lo fa.
      Grazie Maria

      Elimina
    4. Rileggendo il mio commento, mi accorgo del mio italiano pessimo 😏😏😏. Scusami

      Elimina
    5. Figurati, sei stata chiarissima

      Elimina
  3. Aggiungo che da qualche anno Google considera negativamente gli scambi di link. Insomma, è una pratica che andrebbe dimenticata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, se non sono backlink naturali ti guarda male.
      Grazie Massimo

      Elimina
  4. A me serve a capire chi di voi che seguo... ha aggiornato!
    È un promemoria per sapere se avete messo qualche nuovo post.
    Da telefono, se usi la grafica mobile-responsive, non si vede: è vero.
    Ma non è raro (per me che uso il pc) aver trovato blog interessanti tramite blogroll altrui: anzi direi che succede spessissimo. Quindi lo trovo ancora utile.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì capisco e ti comprendo, ma abbiamo una filosofia di blogging diversa
      Grazie Moz-

      Elimina
    2. Beh, son curioso di conoscere la tua filosofia, allora: in cosa differisce?
      E, se non tramite i blogroll, come fai a scoprire blog interessanti (affini o meno ai tuoi argomenti, ma comunque interessanti)?

      Moz-

      Elimina
    3. Collaborazioni, social, commenti, mailing list, i motori di ricerca. Non faccio fatica a trovare quello che cerco e a tornarci... Purtroppo i blogroll come ho scritto nel post mi hanno portato più svantaggi che altro e non sono pentito dal fatto di non servirmene.

      Elimina
    4. Eh, ok per le collaborazioni, ma comunque devi pur trovarli, gli altri blogger per fare queste collaborazioni... Cioè, magari sui motori di ricerca trovi i siti più blasonati, mentre sui blogroll altrui ti imbatti in blog interessanti e tenuti meglio di qualsiasi sito tipo Wired, per dire... :D

      Moz-

      Elimina
    5. Moz- spesso rimango sorpreso io stesso dalla scoperte che faccio, nanche a girare anni sui blo ci riesci. Credimi non sono tagliato fuori per il blogroll, anzi... :-D

      Elimina
  5. Io in genere utilizzo il blogroll come generatore di contenuti, nel senso che mi tengo aggiornato sui contenuti altrui, specie per coloro che non seguo assiduamente ed in maniera quotidiana.
    In genere scelgo di seguire un Blog in base al mio interesse per i loro articoli indifferentemente o meno di uno scambio di link.
    Non fa parte del mio dna caratteriale chiedere favori o di essere seguito, più per timidezza che per alti valori morali.
    Possiamo comunque definirlo un antesignano del follow/unfollow di Twitter prima ed Instagram poi, ma comunque meno falso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono iscritto a molti blog, ogni nuovo contenuto pubblicato mi viene segnalato in posta. Certo ce ne sono altri che seguo che non danno questa possibilità, ma sono talmente "importanti" che ci passo in maniera automatica. Trovo superfluo il blogroll perché è l'antesignano follow/unfollow di Twitter e purtroppo non credo sia meno falso.
      Grazie Pirkaff

      Elimina
  6. A dire la verità io vado a curiosare ogni tanto nel blog roll dei blog amici, immaginandomi così di fare nuove conoscenze ed a volte la cosa mi sorprende piacevolmente, altre no. Lo scambio link normalmente lo evito, anche se mi è capitato di partecipare a qualche gioco sociale per una forma di cortesia verso gli amici. Spero che non sia penalizzante, come tu temi. Credo invece sia doveroso omaggiare di un link un blog che ti ha offerto una spunto di riflessione, ma questo probabilmente è una cosa diversa da quello che tu intendevi. Molto dipende da quale target ha il blog: se uno scrive per compagnia (anche quella virtuale è compagnia) cercare blog affini o aggregare un gruppo intorno a sé è naturale, di fatto è lo scopo. Se uno scrive per fare giornalismo o marketing lo scopo è solo la diffusione della notizia, il numero di letture ed è diverso, anche se comunque aggregare fan e supporter può essere parte del target.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ritengo molti importanti i link spontanei (lo scambio link penalizza sempre) ed è una cosa che ho fatto parecchie volte sul mio blog. Altro aspetto, il mio blog è un'esercitazione di scrittura, creato con il proposito di divulgare arte e cultura (non scrivo per compagnia e meno ancora non faccio giornalismo). Quello che mi aspetto da chi mi visita è che vengano letti i miei post. Grazie Clara

      Elimina
  7. Buongiorno Ferruccio, ho seguito con gran interesse i vostri commenti, io non ho il blogroll, ma ho potuto constatare che i miei colleghi blogger si danno un gran daffare per acquisire backlink. Io me ne sono trovata anche nei commenti, così senza alcuna spiegazione, e li ho tolti! Io a casa degli altri almeno chiedo: permesso? Poi me ne offrono a pagamento, poi c'è la strategia del link building, quelli di alto, medio e basso valore, follow, no follow, e così via. So che tutte queste cose sono altamente penalizzanti, e mai andrò a mendicare un backlink. Penso che questi devono arrivare naturalmente, e solo così hanno valore. I siti che mi interessano li seguo, e poichè giro molto nel web, ne trovo sempre di interessanti!Non so forse sbaglio io, ma non è nel mio carattere barattare la visibilità. Buona giornata a te Ferruccio e a tutti coloro che commentano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sei spiegata benissimo Anna. Sono cose che portano più guai che vantaggi certe pratiche: continua con i tuoi contenuti che hai un sito ottimo senz ail bisogno di chiedere "elemosine". Grazie

      Elimina
  8. Io trovo fondamentale il blogroll, perché è solo da lì che so' chi aggiorna degli amici che leggo e seguo, te compreso. Ci saranno sicuramente altri validi sistemi: link, mail e via dicendo, ma lo trovo il modo più immediato, semplice e diretto, ed anche quello che mi permette nuove conoscenze, sbirciando quelli altrui.. che poi non sempre riesci a stare comunque appresso a tutti, come è capitato con questo tuo post, trovato dopo note di Moz, sul suo blog.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco ognuno sceglie le strade che più ritiene corretto, per me blog roll è fonte di pettegolezzo al novanta per cento, se poi lo vuoi negare mi sta bene lo stesso



      Elimina
    2. Su che lo sai cosa intendo, sei scafato e hai molta esperienza. Ti stimo moltissimo come blogger, anche se non farei mai certe cose che fai tu, o almeno credo sia giusto da parte mia non farle più.

      Elimina
    3. Eh, non so a cosa ti riferisci... :o
      Cosa faccio di tanto ingiusto?

      Moz-

      Elimina
    4. Non no è ingiusto: sono cose che a me non piacciono ma dovute più che altre al mio carattere

      Elimina
    5. Ma tipo? Cosa faccio di tanto strano? 🤔😅 Fammi qualche esempio perché davvero non sto capendo...

      Moz-

      Elimina
    6. Non vorrei essere frainteso Moz-, perché credo sia la tua natura stessa lavorare in quel modo, ma torno a ribadire che è un aspetto caratteriale che io non amo in me stesso più che altro, specialmente maturato negli ultimi anni. Tutto qui!

      Elimina
    7. Puoi dirmelo in privato, allora, senza alcun problema 🤓🤩

      Moz-

      Elimina
  9. Ciao Ferruccio, come ho commentato poco fa da Moz, per me il blogroll è il modo migliore per monitorare le attività dei blog che seguo e di conseguenza lo ritengo utile. Tu parli, correggimi se sbaglio, dell'utilizzo del blogroll come strumento per veicolare visite, il che è un concetto diametralmente opposto di utilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Obsidian, ho usato per anni il blogroll, all'inizio lo usavo - come dici tu - per avere sottomano i contenuti dei blog che seguivo. Poi succede che uno di questi blog smette di scrivere, tu lo togli dal blog roll e succede un casino. Lo stesso vale per chi ti scrive per dirti che ti ha inserito nel blogroll e vorrebbe che tu facessi lo stesso. Per me, ora come ora, ha lo stesso significato dei follower e unfollower di twitter. Perdonami ma temo che la maggior parte di blog che usano il blogroll lo fanno solo per un discorso di visite e commenti, perché altrimenti negli anni scorsi non avrei tutti tutti i problemi che ho avuto. Grazie

      Elimina
    2. Ho sempre ignorato chi mi chiede esplicitamente di essere inserito nel blogroll (che equivale a commentare con un "Bel post, vieni da me"). Probabilmente finora sono stato solo fortunato a non trovare gente che pianta casini per un rifiuto. Oppure sei tu che sei stato sfortunato, boh.

      Elimina
    3. No, non mi ritengo sfortunato, assolutamente. Voglio dire che in anni di post o di blogging ho capito che certe cose sono inutili per fare un buon lavoro

      Elimina
    4. Anche io ignoro chi vuol fare solo scambio di link o arriva con commenti del tutto stupidi.
      Quello succede, è una delle (tante) pratiche del blogging, forse la peggiore.
      La storia di chi hai eliminato e ha piantato un casino non è che fa del blogroll tutto una cosa brutta. Sarebbe come dover uccidere ogni essere umano perché tu, per i tuoi motivi, smetti di salutarmi in piazza e io ti pianto un casino...

      Moz-

      Elimina
    5. Certo, mi rendo conto... ma serve a fare delle valutazioni durante un percorso. Ho impiegato un paio di anni a toglierlo del tutto. Per me è una fonte di ipocrisia. Per usare una metafora è un po' come offrire da bere a tutti al bar non sai mai chi si accoda! Poi so benissimo - tu ne sei la prova - che ci sono persone validissime che usano un blog roll e ne fanno un punto di forza.

      Elimina
  10. Ciao Ferruccio, direttamente dal Moz O'Clock sono venuto a leggere l'articolo linkato...
    Ognuno gestisce il proprio spazio come meglio crede, permettimi solo un appunto a titolo informativo:
    "qualcuno mi diceva che uno scambio link tra siti di rank diversi avvantaggia uno e svantaggia l'altro e quindi sin da subito sono sempre astato cauto."
    Per mia esperienza posso affermare il contrario:
    - Ho curato per un po' il sito di un circolo tennis locale: due campi, un torneo nazionale all'anno di modesta categoria, alcuni tornei dei ragazzini corsisti, nessuna pagina Facebook correlata... Ebbene, inserendo i link ai siti ufficiali dei principali tornei professionistici di tennis (link ovviamente non ricambiati!), il mio sito era tra i primi 5 risultati di Google a livello nazionale, e nella prima pagina a livello mondiale.
    - il mio sito dedicato a Dampyr (attualmente in manutenzione) è stato per anni al terzo posto dietro la pagina del sito ufficiale e il lemma di Wikipedia... Anche qui avevo inserito il link al sito ufficiale in tutte le pagine, non ricambiato...

    Quindi, forse, quel qualcuno che ti ha male indirizzato e chissà condizionato in certe scelte, era un attimo sprovveduto in materia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Gas75 ma è quello che ho scritto io. tu linki siti superiori di rank e ci guadagni. Loro non ti mettono e non restituiscono perchè se ti linkano, essendo inferiore, li penalizzi.


      Elimina
    2. Ok, era un po' ambigua la frase su quale sito si avvantaggerebbe tra i due a rank diversi... L'esperienza dimostra appunto che ci guadagni anche se non ricambiano. :)
      Ora comunque col SEO sono altri i parametri che fanno il rank del sito/blog... E Blogger stesso non è perfetto a riguardo: infatti Google indicizza bene, ma Bing insomma...

      Elimina
    3. Certo era riferito più che altro alla pratica dello scambio link, non al fatto di linkare un sito o meno. Poi mi rendo conto che la questione non è semplice. Io ho più di mille "chiavi" che da "Google Webmaster" sono al primo posto con molti miei articoli. Un paio di post mi sono stati copiati interamente e Google me li ha affossati. Altri copiati da portali nazionali me li sono trovati davanti nella SERP con la stessa chiave. Con blogger ci sono diverse operazione da fare a livello di modello HTML per indicizzare al meglio, per esempio togliere il nome del blog dal titolo dei post. Procedura che non fa quasi nessuno. ciao e grazie

      Elimina
  11. Il mio blog è aperto da tre anni e mezzo e non ho mai messo il blogroll. I blog che frequento me li ricordo, quindi non vedo il bisogno. L'unico widget "social" che ho è quello dei follower, messo perché agli inizi Miki me l'aveva suggerito. Però lo ritengo futile, se non esasperante. Il perchè te l'ho già raccontato: gente che si iscrive e disiscrive a caso, si iscrive ma non commenta mai oppure se disiscrive perché non vede il ritorno da parte mia.
    Insomma su queste dinamiche e strumenti la penso più o meno come te. Non li demonizzo, però non fanno parte del mio modo di vivere la blogosfera. Guardo quelli di altri blog per curiosare, tutto lì.

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy