lunedì 20 maggio 2019

La prima volta di Zorro

Le vicende che hanno caratterizzato la vita politica italiana settimana scorsa o un paio di settimane fa (mi raccomando però di non servirvi del post per parlarne - non ha questo scopo) mi hanno suggerito la ricerca di un primato culturale particolare. Pensavo di perdermi e di non trovare nulla che potesse essermi utile per redigere un post dal punto di vista letterario, invece ecco La prima volta di Zorro

Il primo Zorro che mi viene in mente è quello legato alla serie televisiva trasmessa in Italia dal 1966 in poi, quella con protagonista Guy Williams nei panni di Don Diego de la Vega o Zorro

La ricordate no? Quella con il sergente "Ingrassia (lo chiamavo così allora) e quella con quel fantastico Bernardo (che a me sembrava il più furbo di tutta la combriccola). 

La serie era in bianco e nero, ma è stata colorata verso gli anni novanta e ogni tanto ricompare in televisione. 

Ci sono state anche altre serie televisive e anche dei film, ma devo essere sincero, nulla - per conto mio - di paragonabile al primo Zorro

Zorro è stato tuttavia protagonista di molte altri momenti della mia vita. Ricordo che a carnevale era uno dei costumi più usati e imitati dai bambini. Avevo anche dei soldatini identici alla serie televisiva e se non sbaglio per un certo periodo ho posseduto anche un fioretto di plastica nero. 

Non ricordo di aver letto fumetti, come non ricordo di aver visto romanzi e sono molto contento di poter citare quello che risulta menzionarlo come la prima apparizione di Zorro (la voce utile per questo Record Culturale). 

Si tratta del romanzo breve La maledizione di Capistrano (The Curse of Capistrano), opera del 1919 dello scrittore Johnston McCulley

Il romanzo fu pubblicato in cinque puntate - come era di moda in quel periodo - nella rivista pulp All-Story Weekly. Fu pubblicato da da agosto a settembre 1919. 

Il romanzo si può leggere interamente su Wikipedia

Si trova però in lingua inglese e perdonatemi se mi sono permesso di tradurre la prima frase per poterlo lanciare sul mio blog

Buona lettura se avete intenzione di avventurarvi in questa esperienza... 

Di nuovo la pioggia batteva contro il tetto di tegole rosse in stile spagnolo, il vento strideva come un'anima in preda al tormento e il fumo sbuffava dal grande camino alle scintille che venivano fatte piovere sul duro pavimento di terra... 
Johnston McCulley - La maledizione di Capistrano (In inglese) 


"Grazie per la lettura" 

 Fonti - La maledizione di Capistrano

10 commenti:

  1. Certo strano che all'epoca, nell'alta California spagnola, i tetti fossero in stile spagnolo.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe leggerlo tutto questo romanzo.
      Grazie Franco

      Elimina
  2. Mio fratello non si perdeva una puntata
    Alessia

    RispondiElimina
  3. Un gran personaggio che ha ispirato grandi cose.
    A partire dagli immancabili vestiti di carnevale, finendo alle follie salviniane! Aaha XD
    Io amo Zorro della Allende, gran contributo della scrittrice alla grande saga della volpe californiana :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco "Zorro" della Allende.
      Grazie Moz-

      Elimina
    2. È un ottimo romanzo, perfettamente in linea col narrato precedente (pur essendo un prequel).

      Moz-

      Elimina
    3. Bene, non sapevo proprio di questo romanzo (sono andato a curiosare)
      Davvero grazie Moz-

      Elimina
  4. Bella quella serie, la vedevo anch'io. E ovviamene a scuola ho avuto la maschera di Zorro, che mi cucì mia madre. Devo ancora avere da qualche parte il soldatino di Zorro, avevo tutti i personaggi, che somigliavano a quella della serie TV.
    Peccato che non si trovi in italiano La maledizione di Capistrano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella serie davvero, anch'io avevo quei soldatini: erano identici
      Grazie Daniele

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy