martedì 2 aprile 2019

Un libro mai letto: La storia infinita

In più di un'occasione, parlando di libri fantasy sul blog e sui social, mi è capitato di sentire citare il romanzo La storia infinita di Michael Ende. Di recente mi è successo domenica pomeriggio. Ne ha parlato in un commento su facebook la scrittrice Patrizia Benetti. Ecco, io non ho mai letto il libro e naturalmente non ho mai letto niente dell'autore tedesco. Motivo utile per scriverci un post... 

Ho alla mente una scena legata alla visione del film La storia infinita. Mi ricordo che stavo guardando la pellicola in televisione seduto sul divano con mio nipote

All'epoca aveva sette o otto anni e a un certo punti notai, seppur di nascosto, che stava piangendo alla vista di un cavallo che stava morendo in una palude

Questo è uno dei motivi per cui questo film mi è rimasto impresso sin da allora. 

Assieme, ovviamente, alla canzone della colonna sonora interpretata di Limahl. Tutto qui. 

In realtà immaginavo che il film fosse preso da un libro, ma non pensavo che fosse un libro di successo mondiale e sono più che mai sbalestrato dal fatto che spesso, nei commenti sul blog e sui social, venga citato ogni qualvolta si parla di romanzi e opere fantasy

Devo confessare che, come lettore, non ho mai amato il genere e quindi la mia ignoranza nel campo è più che giustificabile, ma questo interesse di molte persone che conosco attorno al romanzo, mi porta a domandami che valore possa avere. 

Insomma, avete capito, penso, cosa chiedo. 

Se lo avete letto ditemi qualche punto di forza del libro. Ditemi cosa ne pensate. 

Trovate che sia il caso di leggerlo

Trovate che comunichi dei valori importanti

Aggiungo l'incipit come spesso mi capita di fare, ma lascio a voi i commenti. 

otairauqitnA ilodnairoC odarroC olraC 
eralotiT 
Questa scritta stava sulla porta a vetri di una botteguccia, ma naturalmente così la si vedeva solo guardando attraverso il vetro dall'interno del locale in penombra. 
Fuori era una fredda, grigia giornata novembrina e pioveva a catinelle. Le gocce di pioggia correvano giù lungo il vetro, sopra gli svolazzi delle lettere. Tutto ciò che si riusciva a vedere attraverso il cristallo era un muro macchiato di pioggia dall'altro lato della strada. 
D'improvviso la porta venne spalancata con tanta violenza che un piccolo grappolo di campanellini d'ottone sospeso sul battente cominciò a tintinnare tutto eccitato e ci volle un bel po' prima che si rimettesse tranquillo. 
Michael Ende - La storia infinita 


"Grazie per la lettura"

18 commenti:

  1. Non ho letto il libro, ma il film è davvero fantastico...e l'incipit che riporti intriga molto.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho idea... mi pare molto di maniera l'incipit
      Grazie Franco

      Elimina
  2. Ora ho poco tempo e non riesco a metterti giù un'analisi approfondita, probabilmente non ne sarei nemmeno capace, ma posso dirti che anche da non amante del fantasy "La storia infinita" è saldamente nella top tre dei miei libri preferiti di sempre. Una volta pensavo che i primi due film fossero dei bei film, dopo aver letto il libro ho capito che i film fanno pena.

    RispondiElimina
  3. Non ho letto il libro ma ricordo di aver visto quel film e ricordo l'attrazione che destavano le immagini negli occhi dei bambini.Ricordo la scena del cavallo intrappolato nella palude ...una di quelle scene che cattura anche l'attenzione degli adulti.

    Non avendo quindi letto il libro non so quale consiglio dare,leggendo anche il commento di chi ha trovato una certa differenza tra film e libro.

    Credo che capire se qualcosa abbia valore o meno bisogna avere una predisposizione per conoscere anche con quella sana curiosità magari in questo caso leggendo il libro ...

    In fondo lei sa
    dare questo genere di stimoli..

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo articolo mi è stato ispirato da una scrittrice...
      Grazie L.

      Elimina
  4. Ma si certo avevo letto il post... bene, anche il mio commento è stato ispirato da uno scrittore.

    Ben venga questa propagazione in questo inizio di stagione!

    Grazie a lei

    RispondiElimina
  5. Manca pure a me, e il film lo vidi a tratti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film lo ricordo bene, ma pare tutta un'altra cosa rispetto al libro
      Grazie Massimo

      Elimina
  6. I fantasy non sono il mio genere, ma ho i commenti e cercherò di capirci qualcosa di più

    RispondiElimina
  7. Il film copre solo la prima parte del libro.
    Posseggo la prima edizione che ha il testo stampato in due colori.
    E' un bel libro, ma la seconda parte è un po' più pesante ed infatti si capisce come mai hanno optato per editarlo così tanto nel film.
    Posso dirti che è uno di quei testi che si ama o si odia, io all'epoca lo apprezzai molto, ma è uno di quei pochissimi testi che faccio fatica a rileggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pirkaf, non amo molto il genere, ma ultimamente è uno dei titoli che sento nominare molto.

      Elimina
  8. non è imprescindibile ma vale ampiamente il tempo. anzi, anche il denaro, se uno lo compra.
    a differenza, imho, del film.

    RispondiElimina
  9. Secondo me è un ottimo libro e ritengo probabile che, se lo leggerai, dopo troverai il film assolutamente inguardabile. Come lo trovo io.

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy