domenica 31 marzo 2019

Le salsicce mezzanotte di Rex Stout

Non ho mai letto una storia o un racconto di Rex Stout. Mai. Le uniche cose che hanno a che fare con la sua opera, nella mia memoria, sono gli inghippi che si trova a risolvere il Nero Wolfe televisivo. Non so neppure quali potevano essere i gusti alimentari dello scrittore statunitense a dire il vero. Ma come tanti altri autori i suoi eroi ci sapevano fare con gli spuntini letterari. Non a caso, oggi, ci sono, a esempio, le Salsicce mezzanotte: quelle di Alta cucina. 

Da bambino seguivo il Nero Wolfe televisivo. Non credo mi entusiasmasse perché forse era rivolto a un pubblico adulto ed ero ancora troppo piccolo quando veniva trasmesso per capire certe cose. 

Mi ricordo le orchidee, quelle sì, ma non sapevo che Nero Wolfe avesse un cuoco personale che gli preparava deliziosi manicaretti. E non sapevo che la sua narrativa fosse piena di molti richiami alla cucina e al cibo. 

Un po' come queste salsicce mezzanotte: un impasto di carne fatto con bacon bollito, arrosto di lonza, con l'aggiunta di arrosto d’oca e di fagiano. Un composto che aveva al termine della preparazione la consistenza di una salsiccia fresca. 

La preparazione non si limita ai soli ingredienti di carne che ho citato, ma il tutto parte da un soffritto con cipolle, uno spicchio d’aglio, del grasso d'oca, del brandy, dal burro e poi brodo di manzo, del vino rosso, timo, rosmarino, zenzero, noce moscata, chiodi di garofano, per finire con il pane grattugiato. 

Naturalmente non ho idea di come possono essere e che gusto possano avere al palato. Forse se non avessi una rubrica sul blog neppure mi sarebbe venuto in mente di parlarne. 

Ma c'è un altro aspetto che mi preme segnalare a tal proposito. In quegli anni anche in casa mia si preparavano le salsicce. Le vere salsicce di maiale. Certo non erano di alta cucina, ma erano gustose e saporite, come i cotechini che si preparavano nello stesso momento. 

Era abitudine per mio padre e i suoi fratelli avere un maiale in comune che poi a un certo punto veniva macellato e ognuno si prendeva la sua parte. Forse era ancora un resto delle cultura povera e contadina in cui era vissuto mio padre. Quando il maiale era un po' come il bisonte dei nativi americani

Certo che bastavo davvero poche immagini a volte per far si che la memoria si perda in un ricordo senza tempo. 


"Grazie per la lettura" 

Fonti: Nero Wolfe e le salsicce mezzanotte 

6 commenti:

  1. Non ho idea di cosa possono essere questa salsicce mezzanotte
    Alessia

    RispondiElimina
  2. Alta Cucina non l'ho letto, ma di Stout ho letto diversi romanzi e racconti. Come stile, dall'uno all'altro sono abbastanza discontinui, a volte sembrano avvicinarsi più a un genere a volte più a un altro, a differenza dei gialli con altri famosi investigatori.

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy