sabato 16 febbraio 2019

Eccomi Otium: tuo Vincent van Gogh

Se tu mi avessi chiesto questo contributo l'anno scorso non avrei mai accettato, ma visto che in questo periodo c'è in giro un mio film, oltre al successo di visite che hai ottenuto con i Guest Post degli scrittori Ernest Hemingway ed Emilio Salgari, non vedo perché dovrei fare il prezioso e tirarmi indietro, specialmente se metti anche l'articolo nella tua Vetrina settimanale. Insomma come faccio a dirti no! Eccomi Otium: tuo Vincent van Gogh... 

Anche se mi chiamo Vincent non è che tu prendi per i tuoi guest post personaggi vincenti, lasciatelo dire. Sei partito con due scrittori che hanno chiuso la loro vita con un suicidio e pure io non è che abbia avuto una vita gloriosa e sai come è andata a finire. Ma visto che siamo qui raccontiamo qualcosa: vuoi vedere che facciamo il botto di visite? 

Innanzitutto mi voglio complimentare con tuo padre e con i suoi lavori. Mi piacciono i suoi disegni. E mi piace il suo impegno. Mi piacciono le sue tele e anche i suoi soggetti: tutte quelle baite, tutti quegli alpeggi, tutti quegli animali... doveva amare molto i suoi luoghi natii. 

Gli auguro più fortuna artistica di quella che ho avuto io, anche se pure lui è ormai sulla strada postuma e quindi se non ci mette una pezza qualcuno la vedo dura. 

Quindi ammiro molto anche il tuo impegno nel promuovere la sua arte, anche se mi rendo conto di quanto debba essere frustrante in un mondo frivolo, sciocco e ignorante come quello del giorno d'oggi, e non mi riferisco solo a quello artistico. 

Sai benissimo che io me ne intendo di queste cose. Sai quante volte ho pensato che la vita si facesse beffe di me? 

Ora invece, guarda che succede. Fanno film sulla mia vita e chiamano le star a interpretarmi. Vendono i miei lavori a prezzi incredibili e le case d'aste fanno la fortuna. Mi dedicano mostre e musei. Mi copiano di qua. Mi copiano di là. Nascono scuole artistiche che si ispirano al mio stile. Fanno gite per andare a vedere i luoghi che ho immortalato nella mia arte e dove ho vissuto. Se solo avessi avvisato tutto questo nella mia vita... 

Se potessi rinascere brucerei tutto. Lo giuro. Non lascerei nulla di quello che ho fatto. Mi annullerei completamente. Non lascerei in giro cipressi e neppure girasoli. Sarei curioso di vedere chi metterebbero al mio posto. 

"Più divento dissipato, malato, vaso rotto, più io divento artista, creatore... con quanta minor fatica si sarebbe potuto vivere la vita, invece di fare dell'arte." 
Vincent van Gogh 


--------------- 


"Grazie per la lettura" 


---------------

8 commenti:

  1. Nadia De Pascale16 febbraio 2019 07:55

    la fama sempre dopo

    RispondiElimina
  2. La sua è un ispirazione molto profonda in questi nuovi post,riesce a far comunicare queste anime dall'aldilà perché in fondo credo che abbiano lasciato tesori da valorizzare.

    In fondo è quella stessa ispirazione su cui poggiano i disegni di suo padre e oggi quasi si toccano !

    Ma mi chiedo cosa ispira lei se non una certa facoltà di amare?

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so cosa mi ispira L.
      Grazie

      Elimina
    2. Davvero?
      Sta fuggendo dall'evidenza?

      Spesso cita quel "valore aggiunto" ...non si può "aggiungere" nulla se non si crede per prima al "valore" di cui facciamo parte.Prego.

      L.

      Elimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy