giovedì 17 gennaio 2019

L'empatia non è l'ipocrisia

Di colpo trovo che tutti pensano di essere diventati bravi nel provare empatia. Di colpo tutti pensano di essere diventati maestri nel capire e nel mettersi nei panni degli altri. Almeno così sembra. Sembra, perché nella maggior parte dei casi non è quella l'empatia. L'empatia non è l'ipocrisia... 

Forse è colpa del fatto che si tratta di una parola alla moda o forse dipende dal fatto che è una dote molto richiesta in certi ambienti, ma penso che in generale si confonda l'empatia con l'ipocrisia. E non va bene. 

Non va bene per niente. L'empatia è una capacità dell'animo umano. L'ipocrisia è un atteggiamento di comodo. 

Insomma l'empatia è una cosa, l'ipocrisia è un'altra. 

Tuttavia la sensazione che di colpo tutti siano convinti di essere diventati bravi nel provare empatia e nel mettersi nei panni degli altri non me la leva nessuno di dosso. Tutti che capiscono tutto quello che provi. 

Ma non è empatia condividere tutto quello che ci emoziona, è soltanto ipocrisia. 

Immedesimarsi nell'anima di un'altra persona e capire veramente cosa può significare sentirsi in un determinato modo non può essere una moda o il bisogno di una situazione contingente, ma un qualcosa che si ha innato da sempre e che scava molto in profondità. 

L'empatia purtroppo non si studia sui banchi di scuola, anche se sarebbe auspicabile fornirne il significato. 

L'empatia non si sviluppa con i follower dei social, anche se potrebbe essere un piccolo sentiero d'aiuto

Provare empatia vuol dire conoscere e comprendere a fondo le proprie emozioni e saperle controllare. Provare empatia vuol dire avere il coraggio di invitare gli altri a parlare dei loro sentimenti e ascoltare senza giudicare. 

Provare empatia vuol dire aver voglia di ascoltare gli altri senza avere il desiderio di imporsi. 

Insomma l'empatia non è un qualcosa che si trova sulla porta di casa al mattino. Ci vuole impegno, costanza e volontà per svilupparla: come capirete è ben lontana dall'ipocrisia che caratterizza il comportamento sdolcinato e assecondante tipico di questi anni. 


--------------- 

"Grazie per la lettura" 

--------------- 

Credo che il 2019 sarà l'anno dell'empatia. O almeno questo è quello che vorrei e che cercherò io. Sono convinto più che mai che ha e avrà un ruolo privilegiato in tutti gli apparati sociali e in tutte le professioni. Perciò penso sia necessaria nutrirla ogni giorno nel modo più consono. E Otium farà del proprio meglio per assecondarmi ogni giorno in questo proposito. 
--->> Sarà l'anno dell'empatia

10 commenti:

  1. Esatto sono due cose diverse.
    Alessia

    RispondiElimina
  2. Allora non ci resta che sperare nella robotica. Pare che una nuova generazione di umanoidi intelligenti abbiano la capacità di leggere attraverso l'espressione del nostro viso se siamo felici o arrabbiati, quindi, agiscono di conseguenza. Se questa non è empatia ... 🙂

    RispondiElimina
  3. Ascoltare senza giudicare mi sembra un ottimo punto di partenza per l'empatia, quella vera.

    RispondiElimina
  4. Io penso che l'empatia non possa essere ipocrisia se la si percepisce come sorgente da cui proveniamo e magari a cui stiamo tornando, chissà... forse metaforicamente posso descriverla come l’orizzonte verso il quale tendiamo.

    L'empatia è un mezzo che comunica con tutti e bisogna afferrarlo dal momento che ci passa dentro non davanti ,anche se molto simile concettualmente ad un comune mezzo di trasporto,di comunicazione.

    Ad esempio la rete ,internet ,per quanto possa essere opinabile(partendo da me per prima ), dovrebbe munirci anche la capacità di sfruttarne questo effetto empatico, questa via di ritorno, predisponendoci noi per primi alla comunicazione che scaturisce dalla nostra interiorità.

    È un utopia ?

    Buon venerdì...

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se si tratta di un'utopia. Sotto certi aspetti la vedo anch'io così, ma internet brucia tutto subito

      Elimina
  5. Non è internet a bruciare tutto subito ...è la mancanza di amore a portarci al deserto ...ed anche qui
    ,anche in questo temibile caso...la sete la farà da protagonista!

    Grazie

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy