domenica 20 gennaio 2019

La bevanda da gringo di Bruce Chatwin

Nino di Mei
Molti lettori del mio blog penso siano al corrente del fatto che tra i miei scrittori preferiti c'è Bruce Chatwin. Mi hanno incantato opere come In Patagonia, Le vie dei canti e Che ci faccio qui. Lo scrittore inglese è comparso diverse volte sul mio blog e pure in diversi post dedicati alla cucina letteraria. È passato alla storia come uno scrittore di culto, per via della sua grande cultura, per la sua conoscenza dell'arte e per i suoi viaggi. Purtroppo non ho trovato il suo cibo preferito ma in compenso ho scoperto la bevanda da Gringo

Nei post Mangiamo su Le Vie dei Canti con Bruce Chatwin e In Patagonia a mangiare con Bruce Chatwin, pubblicati a giugno e a settembre del 2014 ci sono alcuni passi che riguardano i pasti di Bruce Chatwin. Essendo libri autobiografici è facile capire quali fossero i gusti alimentari dello scrittore uscito da Sotheby's

Purtroppo, in rete, non sono riuscito a scovare un alimento che potesse essere usato come cibo preferito. Ma non volavo abbandonare questo post una volta avviato. 

Così ho preso spunto da un aneddoto raccontato nel libro In Patagonia. Certo non è il solo, ma in questo caso c'è un legame con il cibo. 

Ora si racconta che i libri di Chatwin fossero anche molto fantasiosi. Molte cose narrate sono cose del tutto inventate, secondo i critici. Magari lo stesso aneddoto della Bevanda da Gringo è una storia inventata, ma vale la pena riportarla. 

Be', durante il suo viaggio di sei mesi in Patagonia, Bruce passò la notte in un albergo isolato e fuori stagione. Alla mattina quando scese per pagare il conto, l'albergatore non volle nulla o quasi. Disse a Chatwin che l'albergo era chiuso e che lo scrittore era stato solo ospitato. 

Bruce chiese allora di pagare la cena. L'albergatore gli disse che la cena era la stessa dei suoi famigliari e non aveva cucinato per lo scrittore. Chatwin chiese di pagare il vino. L'albergatore rispose che dava sempre del vino gratis agli ospiti. Chatwin chiese allora di pagare il pane mangiato a colazione. 

Niente da fare il pane era gratis. 

Alla fine chiese di pagare il caffelatte e finalmente venne soddisfatto: l'albergatore gli disse che era una bevanda da gringo e lui come argentino non la passava. 

Be' mi sembrava quasi una barzelletta questo passaggio e mi ha preso la mano. 

--------------- 

"Grazie per la lettura" 

--------------- 

P.S. - Il termine Gringo mi ha fatto pensare ai cavalli, ecco il perché dell'immagine. 

Fonti: 

In Patagonia - Bruce Chatwin

4 commenti:

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy