giovedì 24 gennaio 2019

Il gatto che sognava di essere un delfino - Tredicesimo capitolo

Con il romanzo Il gatto che sognava di essere un delfino siamo al tredicesimo capitolo. Naturalmente se si tratta della prima volta che capitate sul mio blog e se si tratta della prima volta che sentite parlare di questo romanzo vi invito a fare un passo indietro e a ripartire dall'inizio. Per facilitare questo aspetto, se non volete seguire l'etichetta, potete saltare al post Il gatto che sognava di essere un delfino in vetrina che troverete pure alla fine di questo post: lì troverete tutti i capitoli pubblicati sino a oggi e potrete ripartire dal primo. Buona lettura. 


----- Capitolo Tredici ----- 


A settembre del quinto anno della mia vita, un'età più o meno paragonabile ai quarant'anni degli esseri umani, nel quartiere comparve un gatto nuovo. 

Sembrava una tigre, per colore e dimensioni. 

Cominciò a girare nel mio territorio facendola da padrone. 

In giro si diceva fosse originario della Brianza. I suoi padroni, arrivati alla pensione, avevano deciso di trasferirsi in paese, e il gatto era stato obbligato a seguirli. 

Non mi piacque per niente la faccenda. Avevo impiegato due stagioni nel mettere in piedi una struttura degna di un boss e adesso correvo il rischio di vedermi usurpare il ruolo. 

Quell’animale stava principalmente sdraiato su una piazzola al sole di fronte alla casa dove abitava. Sulle prime pensai doveva trattarsi di un animale tranquillo e molto pacifico. Il classico gatto scemo e obeso. 

Tutte balle. 

Ora, per diverso tempo evitai lo scontro fisico. Quando l’incontravo per strada, di notte, era un tripudio di lamentele da una parte e dall’altra ma mai un’aperta battaglia di graffi e morsi. 

Era più grosso di me e potevamo trascorrere minuti e minuti uno di fronte all’altro a miagolare con lamenti profondi solo per impressionarci a vicenda. Facevamo una gara capace di tenere sveglio un intero isolato. Il primo che si stufava se ne andava e si ricominciava la volta successiva. 

Evitammo le zuffe il più a lungo possibile. Finché un giorno, la Tigre, così lo chiamavo, giunse a orinare sopra la mia orina che avevo lasciato in uno dei miei campi di attività preferiti. 

A noi gatti non dovete toccare la zone di comfort, o meglio certe aree precise del nostro territorio. Potremmo anche morire per riavere quel pezzo di terra. 

Quella volta ne uscii a pezzi. Fu una delle risse peggiori che ricordo di avere affrontato. Tigre però non lo vidi più. Scomparve per colpa delle ferite riportate. Magari morì, ma non ci tengo a passare alla storia come assassino di uno dei miei simili. Già ho sulla coscienza una miriade di altri esseri e preferisco pensare che sia stata una forma di legittima difesa. 

D’altronde quella volta tornai a casa più morto che vivo. Il sangue mi usciva a fiotti dal collo e la zampa destra era letteralmente scorticata. 

Fu la volta che mi ruppi la coda per sempre. 


--------------- 

Torna al Capitolo Dodici - Vai al Capitolo Quattordici 

--------------- 

"Grazie per la lettura" 

--------------- 

Il gatto che sognava di essere un delfino. Vista attraverso gli occhi di un gatto, una metafora sulla condizione umana. Un gatto che nello stesso tempo racconta le avventure della sua vita, dai primi istanti sino all'approssimarsi della morte. In vetrina, oggi, il post con tutti i capitoli pubblicati. Post che in seguito sarà destinato a raccogliere tutti i capitoli pubblicati al giovedì di ogni settimana... 
--->> Il gatto che sognava di essere un delfino in vetrina

6 commenti:

  1. Più di una volta ho assistito per strada a scene di combattimenti tra gatti. Iniziano a guardarsi fisso negli occhi, con la schiena arcuata e il pelo irsuto, poi, improvvisamente, la zuffa. Ogni volta me ne sto alla larga, non si sa mai, mi dovessero scambiare per un invasore 🐱

    RispondiElimina
  2. Tremendo!
    Alessia

    RispondiElimina
  3. Ma no! Povero gattino! Un saluto

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy