mercoledì 26 dicembre 2018

Ri-Tornare sui propri passi

Nino di Mei
A volte si imboccano strade nuove pensando che possano condurre più lontano, in modo più sicuro e tranquillo e, perché no, più professionale. Poi si scopre che non è così e si ritorna sui propri passi. Un po' come è successo a me in questi ultimi giorni riguardo all'utilizzo dei commenti su Otium. 

Quando ho aperto il blog non sapevo neppure cosa fosse la moderazione dei commenti. Chiunque poteva commentare. Nel primo periodo dopotutto non ebbi nessun tipo di problema. 

Poi, un giorno, all'improvviso, mi ritrovai un articolo pieno di insulti e dal quel momento pensai bene di inserirla. 

Da allora l'ho sempre lasciata attiva. So che non piaceva a tutti, ma almeno non correvo il rischio di alzarmi la mattina e trovare il blog pieno di sciocchezze o cose simili causate da haters e troll

Finché lo scorso giugno, per una serie di motivi mi sono ritrovato a dare spazio solo al Profilo di Blogger e a quello di Google+ (a seconda della impostazione scelta) e stupidamente e ingenuamente avevo pensato di aver risolto il problema della moderazione. 

Non so perché ma ero convinto che con l'uso di profili associati a Google bisognava fornire determinate informazioni e non fosse così facile ingannare Google. Allo stesso tempo pensavo che anche per commentare come blogger fosse necessario fornire dati veritieri alla piattaforma di Mountain View, come avevo fatto io. 

Purtroppo mi sbagliavo. 

Anche in questo caso, inventarsi dei profili e agire da troll e da haters e ancora più semplice quasi dell'anonimato, 


perché noi blogger
quando ci mettiamo 
il nome e la faccia 
siamo davvero ingenui a pensare 
che dall'altra 
parte siano tutti come noi. 



Noi blogger 
siamo dei fessi 
a pensare 
che tutti siano soggetti 
che interagiscono 
con nobiltà, impegno ed etica. 



No, purtroppo, non è così.

E alla fine ti ritrovi i commenti di gente che non ha il coraggio di esporsi e ti crea danni di immagine. 

Gente che per il proprio bisogno di apparire non prende neppure in considerazione che con un tale comportamento possa danneggiare il buon nome di persone che da anni si sforzano di promuovere, magari a fatica, del "valore". 

Perciò ho deciso di rimettere la moderazione. 

Darò spazio tuttavia ad alcuni anonimi firmati (ovvero quello che conosco a monte e con i quali interagisco sui social), ma ritengo in ogni caso necessario leggere ciò che potrebbe apparire sotto gli articoli del mio blog, prima di pubblicare. Abbiate pazienza se i vostri commenti non saranno immediatamente on line. 

Naturalmente non pubblicherò più commenti che non mi permettono di risalire al vero autore

Non si tratta di censura. Ma soltanto un modo per non dare spazio ai troll e agli haters

Spero possiate capirmi. 


--------------- 


"Grazie per la lettura e buone feste"

25 commenti:

  1. Io sono felice di poter commentare di nuovo
    Alessia

    RispondiElimina
  2. Io sono orgoglioso di pubblicarmi dappertutto con nome e cognome, di essere di una trasparenza totale, e di non usare moderazione tranne che per gli anonimi, perché scrivere di se stessi proponendosi su una qualsiasi piattaforma social, dovrebbe presupporre l'apertura di ogni porta, così la penso almeno, se poi ci sono intransigenze, violenze verbali e maleducazione, si può cancellare esprimendo le motivazioni che anche i più beceri possano recepire. Buone Feste intanto... oggi digiuno fino a sera... ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Così dovrebbe essere, purtroppo però c'è gente che insulta, offende e quando la ci cerca si scopre che non si va da nessuna parte.
      Ma sul web non basta cancellare, una menzogna anche se cancellata può aver già danneggiato.

      Elimina
  3. Hai ragione ma che censura!! Oltretutto queste persone devono avere anche del gran tempo da perdere! Comunque sono dei poveracci, che sviliscono il web, e ci danneggiano. Ancora auguri ferruccio

    RispondiElimina
  4. Noi tutti sappiamo che i commenti sono un valore aggiunto ai nostri post. Quindi, capisco benissimo che deve esserti costato parecchio l'aver deciso di rimettere la moderazione. Credo non faccia piacere a nessuno vedere il proprio commento il quale a volte è frutto di una pur breve ricerca, sia stato messo in attesa. Ovviamente, se c'è il pericolo che qualche malintenzionato possa danneggiarti inviando scritti inappropriati che servono solo a guastare la tua immagine o quella del blog, fai bene a moderare e rimuovere i commenti pregiudizievoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Gennaro è proprio quello il motivo il pericolo di chi "gioca" con i blog

      Elimina
  5. Non trovo fastidiosa la moderazione, anche se non la applico sul mio blog, forse perché episodi sgradevoli non me ne sono capitati. Del resto questa è la tua "casa", perciò mi sembra un sacrosanto diritto mantenerla nell'atmosfera che desideri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio metterla, troppi "troll" mi sono capitati. Poi si fa presto a dire che basta cancellare, a volte la frittata è fatta prima di rendersi conto di cosa è stato pubblicato. Grazie

      Elimina

  6. "Gente che per il proprio bisogno di apparire non prende neppure in considerazione che con un tale comportamento possa danneggiare il buon nome di persone che da anni si sforzano di promuovere, magari a fatica, del "valore".

    Ma anche no,perché vi può essere anche la più remota possibilità che vi sia gente che non avverte minimamente questo "bisogno di apparire" e che grazie ad una dote empatica, se ne sta lì ferma ,dietro una porta chiusa per provvedimenti giustificabili,seguendo sempre,fiduciosa che esistano "autentiche persone" capaci di lavorare seriamente anche in rete e di essere un esempio loro stesse di un certo "valore" prima di scorgerlo o magari promuoverlo successivamente in altri!

    I suoi post li ho sempre seguiti quotidianamente con molto interesse,poi il giovedì è diventato un attesa a cui non posso sottrarmi...


    Il suo blog è un "tappeto verde" per me...fatto di naturale speranza alla quale ho sempre sentito con trasparenza!

    Mi permetto adesso un leggero "sblocco" nello scriverle di essere rimasta un po'bloccata da questa apertura ai commenti,come se avessi anche compreso che oltre a non avvertire bisogno di apparire, anche il bisogno di comunicare trova una sua via per farlo,forse la più naturale perché riccamente celestiale,mi riferisco alla nostra interiorità, mi riferisco al suo ultimo post, un gran bel Nuovo Inizio.
    Grazie .

    Tantissimi Auguri di cuore non solo per questo giorno presente, ma per tutti quelli a venire.

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri L. mi sono mancati i suoi commenti

      Elimina
    2. L. non è riferito agli anonimi questo post, ma a chi si inventa profili

      Elimina
  7. È facile amare il tuo blog,pulito e pieno di bellezza... Tu stesso mi dicevi che volevi comportarti da ospite in casa di altri e pretendevi lo stesso da chi entrasse in casa tua, educazione e rispetto.

    Perché in "casa" d'altri ti chiedo?

    Sono entrata in altre case ho cercato di accomodarmi e di parlarci,ma già sapevo di non essere gradita perché non sopporto le divisioni,gli schieramenti molto accesi a danno dell'uomo maggiormente ,ma anche della donna!

    Sapevo il rischio a cui andavo incontro però, ma qui non vedevo nessun rischio se non umanità e spiritualità, cosa di cui non dubito,sarebbe troppo dubitare anche sulla bellezza !Possiamo accettare questa sconfitta Gianola?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la bellezza e per l'amore si lotta. Si lotta, non si guarda e non si dà corda alla volgarità e alla menzogna mentre sotterrano una e l'altro

      Elimina
    2. Hai ragione, chi punta il dito contro ha una debolezza spirituale che confonde con l'illusione della forza umana ...ma anche del linguaggio (volgare, offensivo )

      Nel tuo blog ,ricordo Philip Roth cosa scrisse a proposito dell'arma dell'alfabeto!
      Ma bisogna saper scegliere quelle parole che danno la risposta giusta senza restituire nessuna volgarità!

      Tu in quel post lo hai fatto?

      L.

      Elimina
    3. Ho difeso i miei "valori", e a volte per difenderli è necessario prendere a prestito il linguaggio di chi li attacca. Non ero io a scrivere ma lo specchio che restituiva le stesse parole a chi le aveva usate per attaccare

      Elimina
    4. Cosa sei, tu? Lo sai? Tu sei quello che è sempre lí a cercare di minimizzare le cose. Sempre lí che si sforza di essere moderato. Mai dire la verità, se credi che possa ferire i sentimenti di qualcuno. Sempre pronto ai compromessi. Sempre pronto ad accontentare la gente. Sempre lí a cercare di trovare il lato migliore delle cose. Quello educato. Quello che sopporta pazientemente ogni cosa. Quello che ha una dignità da difendere. Il ragazzo che non viola mai le regole. Quello che la società ti ordina di fare, tu lo fai. Le norme della convivenza civile. Ci devi sputare in faccia alle norme della convivenza civile.”

      Quindi sei diventato questo?

      Come r strano ,ma capisco quello che mi scrivi ,lo capisco ...non è facile

      Elimina
    5. Ho dei valori, che possono piacere o meno, ma che non accetto che vangano affossati, quando sono valori che sono la mia vita e non sono un gioco. La convivenza civile è accettare che un centinaio di persone leggano falsità e volgarità nei confronti di una persona che non conosci e stare lì a guardare senza fare nulla?

      Elimina
    6. Come posso rimanete indifferente a questa tua essenza?Sei trasparente ed autentico ...si sente!

      Non mi piace sentire la tua sofferenza,anche se so che è qualcosa che ti sta elevando!

      Elimina
    7. Non è sofferenza... Sono sconcertato. Ciò che più mi ha stupido è l'indifferenza e la superficialità che ho colto dalla situazione e dalla discussione. Ma naturalmente presto ne godrò gli aspetti positivi, perché in tutte le cose ci sono :-)

      Elimina
  8. Ma si ,avanti con la pubblicazione...tranquillo.

    Secondo te potevo non sapere che sei un bravo informatico ,(quasi tutti lo siete) e non considerare l'ipotesi di arrivare a me!Io non ho mai avuto paura di questo,né sarò mai una sorta di "predicatrice di pace" oggetto e soggetto mediatico...è questo l 'unico rispetto che chiedo?

    Quando ami davvero e sei certo di quello che senti tu scrivi vero?
    Per me non è così differente sai.

    Quando sono piena di amore io devo donare!

    Ecco chi sono!

    Si vuole dare il via ad una etichetta migliore o nuova come patologia ,che si accomodino pure...non sono mai stata così lucida ...io parlo e sento l' amore!

    È un crimine!

    Allora il bene è l'inverso dell'amore...e siamo tutti impazziti.

    RispondiElimina
  9. Ho spesso menzionato Alessandro D'Avenia in rete,è lui che riesce a tradurre il mio linguaggio con uno spessore diverso,è lui una delle mie figure di riferimento migliore per comprendere e far comprendere l'Amore!

    Ma se solo vedo cosa stanno facendo i media della sua bellezza e della sia semplicità interiore puntando i riflettori su un
    abbigliamento quasi "reale ",inteso come l'alta borghesia , la corte...stanno cercando di strumentalizzare la bellezza interiore nella più assurda cultura dell'apparire !

    Che poi tra l'altro lui è bello di suo al naturale!

    Non so qui se vuoi contraddici pure!

    RispondiElimina
  10. Sempre Philip Roth

    Tu mi hai insegnato di citate Sempre la fonte,in questo caso l'autore!

    RispondiElimina

Questo blog ha i commenti in moderazione.

Info sulla Privacy