domenica 25 novembre 2018

Il vatapà di Jorge Amado

Magari qualcuna o qualcuno, tra cento anni, scriverà un post o un articolo su un determinato blog dove metterà in evidenza l'aspetto che il sottoscritto andava pazzo per gli gnocchi di patate con il sugo di salsiccia e pomodoro, magari aggiungerà in fondo l'incipit di un mio romanzo o di un mio racconto. Sarà da ridere! Magari non farà altro che copiare quello che sto facendo io oggi, parlando di me stesso, come oggi io parlò del Vapatà di Jorge Amado e magari creerà lei stessa o lui stesso una rubrica domenicale dedicata alla cucina letteraria. 

La ricerca di piatti e cibi particolari, in qualche modo legati al mondo letterario, oggi mi porta a citare il vapatà, un piatto della cucina brasiliane, quello che doveva essere il piatto preferito dallo scrittore brasiliano Jorge Amado

Un piatto talmente apprezzato, dall'autore di Cacao e Il Paese del Carnevale, che ne ha descritto una ricetta dettagliata nel romanzo Dona Flor e i suoi due mariti (l'incipit lo trovato alla fine del post), ricette ulteriormente approfondita, con tutte le possibili varianti dalle note del traduttore italiano. 

Lo scrittore brasiliano, autore di decine e decine di romanzi e racconti, autore pluripremiato dalla critica e adorato dai lettori sudamericani, andava pazzo per il vatapà: un piatto tipico della cucina baiana, di consistenza cremosa e arricchito da diverse tipologie di pesce - Amado in particolare privilegiava la cernia - e poi cipolla e pomodoro. 

Un qualcosa per me assolutamente misterioso e del tutto sconosciuto, come è dopotutto misteriosa e quasi del tutto sconosciuta l'intera cucina brasiliana che non mi fa andare oltre agli stereotipi culturali. Con il riso e fagioli e il Churrasco, che in realtà ho provato raramente. 

Non perché avviene in un giorno disordinato di lamentazioni e tristezze, non per questo si deve permettere che la veglia funebre vada alla bell'e meglio. Se la padrona di casa, fra singhiozzi e svenimenti fuori di sé, immersa nel suo dolore, o giacente morta nella bara non potrà farlo, un parente o una persona amica si assumerà l'incarico di occuparsi della veglia, perché non si possono abbandonare, senza niente da bere né da mangiare, i poveretti, solidali per tutta la notte, a volte in inverno e col freddo. Acciocché una veglia funebre sia animata ed onori effettivamente il defunto che la presiede, rendendogli meno grave la prima confusa notte della sua morte, è necessario dedicarvi cure sollecite, occupandosi del morale e dell'appetito. 
Jorge Amado - Dona Flor e i suoi due mariti 

--------------- 

"Grazie per la lettura"

6 commenti:

  1. E perché no? Meriti sicuramente di essere ricordato e citato nelle future rubriche di tizio o Caio per il tuo lavoro, quindi mai dire mai 😉

    RispondiElimina
  2. In pratica c’è sempre un pretesto buono pe’ magna’!!
    Buona domenica Ferruccio

    RispondiElimina
  3. Capiterà Ferruccio! :)
    Adoro Amado ma sinceramente la cucina brasiliana non mi ispira troppo, Sar che non mangio pesce ma certi cibi non fanno per me. Meglio gnocchi al sugo di salsiccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provato solo quella esportata in Italia e credo sia differente

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy