martedì 16 ottobre 2018

La lettura digitale

Il novanta per cento delle mie letture (specialmente quelle di studio) è fatta attraverso strumenti digitali, tuttavia continuo a preferire il puro libro cartaceo rispetto al libro digitale, quando si tratta di leggere un romanzo o un saggio. Devo anche confessare che continuo a essere terribilmente scettico sulle potenzialità dell'ebook visto soltanto come un sostituto del libro di carta. L'automobile ha impiegato un secolo e mezzo a imporsi (dalla creazione del primo motore a vapore) e si è imposta quando i produttori d'auto hanno capito che avevano in mano un prodotto rivoluzionario. Voglio dire che la vera lettura digitale non è ancora stata inventata: l'ebook, così come è, non è ancora un prodotto rivoluzionario. 

Settimana scorsa mi è capitato di commentare un post in cui era discussa la solita diatriba ebook contro libro cartaceo. Sono intervenuto e ho detto che per conto mio sono due cose diverse e che non si possono mettere a confronto, ribadendo, tuttavia, per l'ennesima volta, che l'ebook così come è concepito non potrà mai sostituire il libro di carta e così come è allo stato dell'arte, senza un vero salto di qualità, è destinato a fallire. 

Sia chiaro che non sono contro la lettura mediante strumenti digitali, nella maniera più assoluta, è una vita che studio servendomi di dispositivi digitali. Certi programmi li ho imparati a usare solo grazie all'help in linea e questo è successo ancora prima dell'arrivo del nuovo secolo e dei primi ebook immessi sul mercato.  

Sono però contrario a coloro che continuano a considerare l'ebook un sostituto del libro di carta e a denigrare chi non accetta questo supporto tecnologico o si rifiuta di leggere ebook. Sono due cose estremamente diverse e forse bisognerebbe farsene una ragione. 

Non è così che faremo decollare il libro digitale, perché ancora manca e bisogna inventare, nel vero senso della parola, la lettura digitale. Mettere a confronto un libro cartaceo e un ebook è un po' come mettere a confronto un carretto e un automobile. 

Sappiamo tutti cosa è oggi un automobile ma sapete il tempo che ha impiegato a soppiantare un carretto?

C'è voluto un secolo e mezzo dalla nascita del primo motore a vapore. 

Se i produttori di auto si fossero limitati a pensare a un qualcosa che sostituisse soltanto un carretto o una carrozza trainata da cavalli, forse adesso non avremmo i problemi con l'inquinamento, perché l'auto, soltanto con uno spirito simile, non sarebbe mai decollata. 

L'auto ha avuto successo perché qualcuno ha intravisto la possibilità di creare un nuovo stile di vita e un nuovo modo di concepire il mondo e così è stato per molti decenni (ora i problemi dell'auto sono di un altro genere, ma questo è un altro discorso). 

Insomma l'ebook e la lettura digitale, ci devono dare un qualcosa che non abbiamo mai avuto. 

Non ci deve dare un doppione di un semplice libro di carta: libro di carta che non riusciamo a eliminare per tanti e tanti motivi a livello inconscio. La lettura digitale ci deve dare un vero miglioramento della lettura, a livello psicologico, a livello di sensazioni e a livello di emozioni. 

Forse ci vorrà ancora del tempo ma se non capiremo questo aspetto, se non capiremo che la gente vive di emozioni e non ci daremo da fare per trovare una strada innovativa per crearle, non molleremo mai la carretta fatta di carta



"Grazie per la lettura"

10 commenti:

  1. Te ne sai sicuramente più di me ...ma è da anni che sento parlare di crisi dell’editoria e forse l’ebook e’ partito con l’idea di aiutare questo mercato che sembra in crisi.
    Conosco gente che preferisce la lettura digitale anche per problemi di “spazio” e non tornerebbe indietro.
    Io preferisco ancora sentire l’odore della carta e la fisicità del libro.
    Mi rendo conto che per tanti scrittori forse l’ebook è la strada più facile per farsi conoscere forse l’unica.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ebook così non lo sta aiutando, non è un problema di spazio e neppure di soldi e neppure un modo per farsi conoscere, per conto mio e per le mie conoscenze ed esperienze. L'ebook ha un potenziale enorme ma non come un sostituto del libro di carta: la lettura digitale deve essere qualcosa d'altro

      Elimina
  2. Potrebbe essere la comodità del portarsi dietro un'intera biblioteca in un oggetto grosso come un piccolo libro quello che farà la differenza, oltre alla questione dello spazio: io non rinuncio certo a leggermi i buoni vecchi libri cartacei a casa, ma quando sono in giro mi porto dietro un lettore di ebook dove ho già infilato centinaia di testi; non avendo l'abitudine di girare con borselli, borse, zaini e affini in cui infilare un libro cartaceo il lettore di ebook si rivela insostituibile in queste situazioni. Proprio il fatto che si leggano supporti diversi in circostanze diverse sarà quello che secondo me farà decollare l'ebook.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a livello soggettivo i motivi per cui diverse persone preferiscono gli ebook ci sono ed è naturale. La mia più che altro vuole essere una discussione di tipo sociologico, che ha preso spunto dalla mia esperienza: non vedo molta gente che legge ebook in rapporto alla gente che legge. Come ho scritto lavoro e studio usando supporti tecnologici, ma se vado a letto a leggere non mi porto un kindle

      Elimina
    2. Nemmeno io, come dicevo: il lettore di ebook (per inciso, pure io ho un kindle) è per la comodità in viaggio. Come dicevi tu, deve trovarsi la sua nicchia per decollare, come ha fatto l'automobile - ma come ha fatto praticamente ogni altra invenzione umana, che ha sempre incontrato forti resistenze prima di arrivare a essere data per scontata.

      Elimina
    3. Certo, gli esempi sono tantissimi e devono essere usate le potenzialità ed è quello che manca. In una scala da uno a dieci, siamo ancora a uno. Ora come ora l'ebook migliora alcuni aspetti pratici, ma non fa stare meglio le persone

      Elimina
  3. Esattamente, la vedo come te.
    Per me un e-book è uno strumento che può essere usato in modo particolare: immagina un romanzo costruito come fosse un dossier, che ti permette anche di ascoltare audio e guardare video... che figata sarebbe?? :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagina di sentire l'odore di un cibo mentre lo leggi... Oppure di sentire freddo mentre leggi Per chi suona una campana" di Hemingway

      Elimina
  4. Preferisco il cartaceo sempre. Odore di carta, fruscio delle pagine quando le giri, peso...
    Leggo anche ebook però, sul tablet. Costano meno, occupano meno spaziom son più comodi fuori casa.
    Il cartaceo però mi regala altre sensazioni. Non so spiegare bene. Per me, però il libro è un insieme di pagine scritte.

    Non bisogna solo dirlo in giro perchè più di una volta ho discusso per la mia propensione al cartaceo. Chi è passato definitivamente agli ebook a volte diventa... fondamentalista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I romanzi e i racconti li preferisco cartacei, anche se molti ebook mi servono per studiare. Per me comunque sono due cose diverse.

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy