sabato 4 agosto 2018

Chitarre e chitarristi in vetrina

In questo periodo, ho talmente tanto materiale che potrei andare avanti all'infinito con la vetrina settimanale dedicata all'arte. Confesso che all'inizio pensavo di fermarmi a qualche semplice post di riepilogo, invece gli spunti sembrano senza fine. Ho scritto tanti racconti artistici e non è escluso che possano tornare magari già in questo mese, ma non pensavo di avere da parte opere in grado di ricordami aneddoti utili a riempire la vetrina settimanale del sabato. Oggi è la volta delle chitarre e dei chitarristi... 

Da bambini, io, mio fratello e mio cugino eravamo soliti giocare al complesso musicale. Quattro secchi, una pentola, un coperchio ed ecco creata una specie di batteria e poi tutti gli altri strumenti realizzati con il legno e la masonite. 

Suonavamo in playback naturalmente e, per non farci vedere, facevamo le prove in solaio, imitando i gruppi di rock progressivo che andavano allora: dai Genesis alla PFM (ma pure con qualche divagazione verso i Black Sabbath e i Deep Purple).

Anche con i giocattoli facevamo le band, con i mattoncini lego che facevano le tastiere, e naturalmente lo stesso repertorio musicale in sottofondo. Poi sono arrivati gli strumenti veri anche per noi bambini (mio papà ha sempre suonato la fisarmonica e il clarinetto). 

Io sono finito a suonare il sax soprano (ne ho parlato in un racconto artistico e anche in Di nuovo il piffero magico), qualcun altro invece si è trovato tre le mani la chitarra. 

La prima chitarra in casa e arrivata da parte di uno zio paterno. A mio fratello fu impedito di suonare in banda e dirottò la sua passione musicale e artistica sullo strumento a corde. 

Certo nessuno pensava di trovarlo un giorno di molte anni dopo con una biografia sulle pagine di wikipedia e sulla locandina di un suo concerto in una piazza di una capitale europea o di una città di villeggiatura. Ma così vanno le cose. 


Quella chitarra esiste ancora ed è una di quelle ritratte in questi lavori di Nino di Mei. È confinata nella camera da letto su alla baita dove ogni tanto andiamo ancora a trascorrere giornate in santa pace. 

Una chitarra che si scorda facilmente e che non permette neppure di fare un accordo e qualche arpeggio. 

Per me sono tutti pezzi da museo con un valore inestimabile: sia le pittore a olio sia gli acquerelli e sia la chitarra vera e propria. 



"Grazie a tutti per la lettura"

Nessun commento:

Posta un commento

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy