lunedì 30 luglio 2018

Il romanzo italiano più letto all'estero

Credo sia quasi scontato. A mia memoria non ricordo romanzi italiani di cui si sia parlato tanto e immagino che debba essere così anche all'estero. Il merito credo va sopratutto al film che ne è stato realizzato, ma intanto Il romanzo italiano più letto all'estero è... 

De' Il nome della rosa di Umberto Eco ho parlato varie volte. Pochi giorni fa citando il suo autore in un articolo ho anche avuto il post più visto di sempre su twitter

Insomma Umberto Eco è una garanzia. Forse anche il fatto che il suo libro Il nome della rosa sia il romanzo italiano più letto all'estero non è poi una scoperta. 

Complice il film che ne è stato realizzato, complice la statura culturale dello stesso Eco, non ne sono sorpreso. Un romanzo che io steso ho apprezzato anche se non amo particolarmente la tematica e il periodo storico in cui è narrata la vicenda del libro. 

Un romanzo di cui ho raccontato alcuni aneddoti in passato sul mio blog. Insomma non c'è molto da dire in apparenza, visto che si è detto al riguardo di tutto e di più, ma se volte favorire? 

In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era Dio. Questo era in principio presso Dio e compito del monaco fedele sarebbe ripetere ogni giorno con salmodiante umiltà l'unico immodificabile evento di cui si possa asserire l'incontrovertibile verità. Ma videmus nunc per speculum et in aenigmate e la verità, prima che faccia a faccia, si manifesta a tratti (ahi, quanto illeggibili) nell'errore del mondo, così che dobbiamo compitarne i fedeli segnacoli, anche là dove ci appaiono oscuri e quasi intessuti di una volontà del tutto intesa al male. 
Giunto al finire della mia vita di peccatore, mentre canuto senesco come il mondo, nell'attesa di perdermi nell'abisso senza fondo della divinità silenziosa e deserta, partecipando della luce inconversevole delle intelligenze angeliche, trattenuto ormai col mio corpo greve e malato in questa cella del caro monastero di Melk, mi accingo a lasciare su questo vello testimonianza degli eventi mirabili e tremendi a cui in gioventù mi accadde di assistere, ripetendo verbatim quanto vidi e udii, senza azzardarmi a trarne un disegno, come a lasciare a coloro che verranno (se l'Anticristo non li precederà) segni di segni, perché su di essi si eserciti la preghiera della decifrazione. 
Umberto Eco - Il nome della rosa 


"Grazie a tutti per la lettura" 

Fonti - I quattro libri italiani più letti all'estero

4 commenti:

  1. Eco è una garanzia! VEro! Questo libro è eccellente!
    C'è da dire però che a volte, leggendo Baudolino ad esempio, in certi momenti ho avuto il sospetto di unq "leggera presa in giro" come se Eco si divertisse alle spalle del lettore,
    Questo non toglie però che lo adori! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, scrittore di classe con un cervello finissimo

      Elimina
    2. Non so.. ho la sensazione che sia uno di quegli autori senza via di mezzo. O si ama o si odia :)
      Doveva di certo avere un'intelligenza notevole

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy