martedì 31 luglio 2018

Fare cultura con il blog

Non è facile fare cultura con il blog al giorno d'oggi. Non lo è per niente. Non sai mai in realtà se quello che scrivi suscita interesse. Molte volte controlli le statistiche, misure le visite e basi il tuo successo su quello. Molte volte il riscontro lo prendi dai commenti che ricevi e ci fai un pensierino... 

Diversi anni fa, i primi tempi che avevo il blog, era sufficiente postare una sciocchezza per avere una miriade di commenti. Non scherzo, nel secondo e terzo anno di attività era una regola. Era un qualcosa che mi esaltava e dopo pochi minuti dalla pubblicazione di un post andavo in fregola in attesa dei commenti e guai quando non arrivavano. 

La maggior parte delle volte però, devo confessarlo, erano commenti frutto di uno scambio inconsapevole. Più della metà di chi commentava lo faceva perché si aspettava che facessi lo stesso sul loro blog. 

Dopotutto bastava guardare il blogroll sulle mie pagine per capire che erano gli stessi proprietari del blog presenti nell'elenco a commentare. Loro venivano da me e io andavo loro. Pensavo fosse quella la strada da seguire e per qualche anno l'ho seguita... 

Mi sbagliavo. 

Più della metà di quei blog sono scomparsi ed è evidente ora che non importava nulla a loro del progetto che avevo in mente. Sono spariti dal mio blog così come sono spariti come blogger. 

Insomma se speravo di fare e creare cultura in questo strada non posso fare a meno di ammettere di aver preso una cantonata. 

Ora a molti anni di distanza sono più che mai convinto che fare cultura e divulgare un certo tipo di contenuto con il blog sia difficile ma il modo migliore per farlo consiste dal non farsi condizionare da certe dinamiche ed essere pienamente responsabili di ciò che si scrive. 

Molte cose sono cambiate. 

Ho tolto il blogroll e non commento in giro per i blog sperando di essere commentato. Ci sono blog che hanno una tale personalità e identità che... 

Ci sono dei blog che veicolano così tanta cultura che ti viene spontaneo passare da loro ed così che voglio diventi anche Otium. Ma ce ne sono molti di fasulli

Non tollero i "ti commento se mi commenti" e li riconosco al volo ormai. Non li tollero di fondo perché non può dare del valore aggiunto a un contenuto un simile modo di ragionare. 

Preferisco quasi che viene a commentare con il proposito di fare polemica. Preferisco l'apprezzamento su una piattaforma social all'ipocrisia.     

Non posso fare cultura se il tornaconto è fasullo



"Grazie a tutti per la lettura"

6 commenti:

  1. Io vengo se tu vieni... è moda. Richiesta di attenzione. Forse perché chi lo scrive sa o non è sicuro di postare qualcosa di valido.
    Quando un blog dà quel qualcosa di più ci si ritorna comunque anche se non commenta e quindi non sai se "ricambia".
    Purtroppo anche in questa vita virtuale succede come in quella reale. Dare per avere. Basta.
    Io controllo il numero di visite, rispondo ai commenti ma poi non ne faccio un dramma se commenta un blogger che posta cose che non mi interessano e quindi dppo la prima "occhiata" a casa sua non torno più.
    Qui torno... uhm.. chissà come mai 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, forse è sempre stato così. I primi tempi non me ne accorgevo o forse era soltanto perché ero dentro un giro...
      Vero anche che bisognerebbe dare per avere, ma bisognerebbe conoscere cosa si dà... il post di ieri mi ha portato su linkedin una lunga fila di commenti e di apprezzamenti, oltre che una bella discussione.

      Elimina
    2. Lo scopo di condividere è quello no? Una bella discussione, possibilmente civile ma da come ne parli direi di sì.
      E' anche così che si fa cultura. Con la discussione nata a seguito di un articolo pubblicato. Come si dice: da cosa nasce cosa e se i semi son buoni... :)

      Elimina
  2. Do la precedenza agli articoli che mi interessano di più, ma è anche vero che la cultura a ogni costo mi rende sempre più indigeribili certi blog. Meglio spaziare e variare, secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sono d'accordo, meglio spaziare ma non bisogna "cadere troppo in basso" :-D

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy