giovedì 19 aprile 2018

Mai letto un libro di sport

Nino di Mei
Tra i numerosi libri che ho in casa non sono presenti biografie di sportivi o romanzi e saggi dedicati al mondo dello sport. Insomma non ho mai letto un libro di sport. Ora non so se si tratta di una lacuna, visto il successo che molte di queste opere ottengono. Me ne sono stati consigliati a bizzeffe in passato ma per ora sono ancora fermo al palo. 

Anni fa, dopo aver letto alcuni romanzi di David Foster Wallace ed essendomi informato un po' sulla sua biografia, fui quasi motivato e interessato ad acquistare alcuni testi, o meglio alcune biografie di carattere sportivo. La biografia di Agassi e quella di Federer per l'esattezza. 

Ero molto incuriosito dal successo che questi libri di sport ottenevano tra la gente. Vi confesso che per qualche tempo pensai davvero di recarmi in una libreria ad acquistarli, anche perché diversi miei conoscenti me ne consigliarono la lettura, ma stranamente non ci sono ancora riuscito. 

Purtroppo credo sia un qualcosa che non sento e che non mi interessa. 

Sono un grande appassionato di sport e sono pure uno sportivo dilettante, visto che se capita mi posso ancora dilettare nel fare una partita a calcio o nel mettermi a correre sui sentieri di montagna, ma da questo a leggere libri che trattato le gesta di un tennista o di un calciatore ma anche di un maratoneta ce ne passa.. 

Ora mi è capitato di leggere e di cogliere spezzoni e brani di molti uomini sportivi. A volte sono rimasto anche impressionato per la carica motivazione che alcuni di essi sanno trasmettere, ma non posso andare oltre. 

Forse perché ho la netta sensazione che questi libri siano scritti a tavolino e raccolgano un po' tutti i trucchi del mestiere dello scribacchino, avete capito no, cosa intendo? 

Perciò l'unico e vedo modo in cui mi sento di partecipare consiste nel coinvolgere voi in questa particolare inchiesta. 

Sempre che ne abbiate voglia. 

Apro gli occhi e non so dove sono o chi sono. Non è una novità: ho passato metà della mia vita senza saperlo. Eppure oggi è diverso. È una confusione più terrificante. Più totale. 
Alzo lo sguardo. Sono disteso sul pavimento accanto al letto. Adesso ricordo. Sono passato dal letto al pavimento nel cuore della notte. Lo faccio quasi tutte le notti. Giova alla mia schiena. Troppe ore su un materasso morbido sono un'agonia. Conto fino a tre, poi inizio a tirarmi su: un processo lungo e difficile. Con un colpo di tosse e un mugolio rotolo sul fianco, poi mi raggomitolo in posizione fetale, infine mi giro a pancia sotto. Adesso rimango in attesa che il sangue inizi a circolare. 
Andre Agassi - Open. La mia storia 

Vi voglio bene. 

Grazie.

11 commenti:

  1. Ecco...ancor prima di leggere il post - solo dal titolo -, mi era venuta in mente la biografia di Agassi. Decisamente caso anomalo e da non perdere.

    RispondiElimina
  2. Anche io avevo sentito dire che quello di Agassi era atipico e che era piaciuto anche (forse sopratutto) ai non tennisti.
    In generale nemmeno a me attirano libri di sport o di sportivi. Anche quando vengono intervistati, gli sportivi parlano solo di sport, a differenza di altri personaggi famosi che parlano di cose più varie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un libro interessante da quello che si sente

      Elimina
    2. Sì perché mi pare di aver capito che in definitiva lui odiava il tennis e ci giocava perché "costretto" dal padre.

      Elimina
  3. Non è il mio genere di libri però da fanciullina, e parlo di decenni e decenni fa, vevo comperato in edicola un libretto sul mio grande amore sportivo. Dino Zoff :)
    Da qualche parte ci sarà ancora

    Di tennis ne so nulla. Mi sono fermata agli interminabili incontri Borg McEnroe ahhahaahha
    Comunque no, ora come ora non comprerei un libro così. Con tutti il rispetto, però preferisco altro

    Ciaoooo

    RispondiElimina
  4. Nemmeno io, è un argomento che proprio non mi attira.
    Al massimo, leggerei qualcosa sul wrestling :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Pur essendo un drogato di sport, ne ho letto pochini anche io. Agassi sembra andar forte, e pure una mia amica e un mio amico (lettori forti) me ne hanno parlato in termini entusiastici. L'offerta è variegata. Oltre alle biografie sportive ci sono le storie alla Zanardi, alla Vio, sportive e ispirazionali insieme. Una serie di coaching (Mourinho, Guardiola e forse anche qualcun altro) scritto da esperti di marketing sulla falsariga dei vari Shakespeare per manager, Gesù come manager, Dante per manager. Alcuni di questi suggerimenti sportivi, motivazionali e manageriali li ho letti, altri no.
    Ma se dovessi indicarti un paio di titoli mi sentirei di consigliarti storie mondiali di Buffa e Pizzigoni, e l'ultimo rigore di Farouk di Riva. In entrambi il calcio si ibrida con altre realtà. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono drogato di sport pure io, ma c'è qualcosa che non mi ispira

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy