lunedì 23 aprile 2018

L'inventore del termine "Ucronia"

Settimana scorsa per i record culturali ho parlato di distopia, oggi vi cito un termine molto simile, l'ucronia. Dunque nell'articolo vado a menzionare L'inventore del termine "Ucronia".    

Non in tutte le lingue si usa il termine Ucronia, il mondo anglosassone tende a classificare i racconti e i romanzi costituiti da situazioni in cui uno o più eventi storici si verificano in modo diverso da come effettivamente sono andati come Storia alternativa

A volte sono abbreviati in AH

Ora questo genere di storie contengono solitamente scenari "e se..." che escono in punti cruciali dello sviluppo del racconto, tali da rendere diverso la storia che conosciamo. 

Per esempio è ucronico domandarsi come sarebbe l'Italia se ci fosse ancora il fascismo e se non ci fosse stata la seconda guerra mondiale. 

Sarebbe ucronico domandarsi come sarebbe l'America se fosse stato scoperta e colonizzata dalle legioni romane

Sarebbe ucronico domandarsi come sarebbero gli Stati Uniti se avessero vinto i confederati

Insomma i "se" che mette a disposizione la storia sono senza fine e potremo andare avanti molte volte e in svariati modi. 

Ora l'inventore del termine Ucronia, ovvero colui che lo ha coniato, utile per questo record letterario settimanale, è stato il filosofo francese Charles-Bernard Renouvier.

Ritornando sul tema, bisogna dire che  sono diverse le ucronie nella narrativa, anche tra grandi scrittori. 

Tra i maggiori scrittori di ucronie ricordiamo Philip K. Dick (La svastica sul sole, 1962), Harry Turtledove (i cicli di Invasione e Colonizzazione, 1994-2004), Robert Harris (Fatherland, 1992). 

Sotto certi aspetti credo sia ucronico anche questo mio breve racconto di qualche anno fa: 

Una mattina tre piccole navi gettarono l’ancora nella baia di fronte alla spiaggia. Dopo alcune ore, fecero sbarcare diversi uomini. Erano vestiti in modo sgargiante e con armature luccicanti. 
Alcuni di loro portavano delle strane croci e dei vessilli colorati. Sembravano senza paura. 
Gli andammo incontro impavidi. 
Il fatto di presentarci nudi e con tutte quelle piume in testa, li illuse e li rese presuntuosi. 
Uno di loro – il capo, credo – s’inginocchiò, baciò la sabbia e recitò una nenia in una strana lingua. 
Mio padre, probabilmente, li avrebbe accolti in pace e con accondiscendenza, ma uno degli uomini stranieri sguainò una spada per errore e dalle palme partì un raggio laser che disintegrò la testa dello sfortunato. 
Fu la scintilla. 
Nel parapiglia che ne scaturì, facemmo una strage e con le nostre armi superiori li uccidemmo tutti in pochi secondi. Le tre navi nella baia cercarono allora la fuga scegliendo un varco nella barriera corallina, ma furono affondate dal nostro sommergibile che controllava la costa. 
Tutto qui. 
- Dal diario di un indiano Taino: 12 ottobre 1492 


Vi voglio bene. 

Grazie. 

Fonti - Ucronia

4 commenti:

  1. Probabilmente la coniò in senso filosofico senza immaginare che poi alcuni scrittori l'avrebbero trasformata in genere letterario.

    RispondiElimina
  2. A dire il vero il termine fu indicato proprio per immaginare cose diverse dalla realtà, ricordiamoci che quella che vide per la prima volta Ucronia era l'epoca in cui Utopia di More andava per la maggiore e quindi si giocava con la Filosofia e la Storia.

    Inutile che ti dica che conosco il termine, perché come sai uno dei miei romanzi è ucronico!

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy