mercoledì 3 gennaio 2018

Mai letto Via col vento?

Ci sono film che mia madre non voleva mai perdersi in televisione. Uno di questi era Via col vento. Mi raccontava che una volta, da piccolina, era scesa dall'alpeggio estivo per poterlo vedere al cinema in parrocchia. Roba da tempi subito dopo la fine della guerra. Credo sia stato uno dei primi film che abbia visto. Con Piccole donne di Louisa May Alcott il romanzo di Margaret Mitchell è anche uno dei libri che ha letto e che rientravano tra i suoi libri preferiti. Peccato, io non sono mai riuscito a leggerlo. 

Se fossi un produttore cinematografico e se naturalmente ne avessi le possibilità e le facoltà realizzerei un remake cinematografico di Via con vento. Sono sicuro che attualizzato, togliendoli di dosso certi doppiaggi ridicoli e certi barocchismi inutili usati allora, ne uscirebbe un capolavoro che farebbe ancora la sua bella figura. 

Certo dico questo riferendomi al film di Victor Fleming, perché io purtroppo il romanzo, al contrario della mamma, non l'ho mai letto

Però se mi baso su quello che ricordo del film e sono più che mai sicuro di quello che scrivo. 

In Via col vento c'è la lotta tra il bene e il male. C'è la guerra e c'è la pace. C'è la povertà e c'è la ricchezza. C'è l'amore e c'è la passione. C'è il dolore e c'è la sofferenza. C'è il tradimento e c'è la miseria. C'è l'alterigia e c'è l'ingordigia della gente. Insomma c'è tutto ciò che rende straordinaria una storia e la vita stessa

Ora non so se con il libro, con la parola scritta, si coglie lo stesso. Per come la vedo io credo di sì, visto che solitamente i libri offrono qualcosa in più a livello emotivo e catartico. Ma è solo una mia supposizione siccome ho già scritto che non l'ho mai letto. 

In realtà, devo ammettere, che fino a poco tempo fa non mi sarebbe mai passato per la testa di leggerlo ma con la morte di mia madre anche questi particolari assumono una certa importanza e valgono come ricordi. 

Perciò se volete, aiutatemi. Se avete letto il libro lasciatemi il vostro contributo in un commento. 

Ditemi se la pensavate come la mia mamma o se siete dell'opinione che Via col vento sia soltanto uno di quei mattoni di cui si può fare a meno. Il mio permesso ce l'avete! 

Scarlett O'Hara non era bella, ma gli uomini che ne subivano il fascino, come i gemelli Tarleton, di rado se ne rendevano conto. Margaret Mitchell - Via col vento 

Vi voglio bene. 

Grazie.

8 commenti:

  1. Ah, le mamme, anche la mia ama vedere questo genere di film, mentre mio padre è innamorato perso di Rossella O'Hara. Il libro non l'ho letto, ma sono d'accordo con te riguardo al film. "Liposuzionato (si può dire?)" un paio di quintali di bigottismo, potrebbe continuare ad essere un capolavoro anche in questa epoca, poiché, secondo me, riesce a rendere perfettamente l'idea di cos'era la guerra e la schiavitù.

    RispondiElimina
  2. OK io ho letto "Via col Vento" molti anni fa ma lo ricordo bene. Beh in sintesi è un bel mattonazzo, credimi se dico che il film è stato snellito, e di molto, da personaggi, trame secondarie ecc. Ed è anche molto più incisivo rispetto al libro, merito soprattutto degli attori, Leigh e De Havilland in testa. Questa almeno è la mia opinione... ci sono libri che non sentono assolutamente lo scorrere del tempo, in questo caso direi proprio che è invecchiato male (è stato pubblicato nel 1936). Spero di esserti stata utile. Sonia

    RispondiElimina
  3. Ero una bambina quando vidi la prima volta via col vento,non ricordo bene però i dettagli del film,avrei bisogno magari di rivederlo,ma ricordo molto bene la passione che travolgeva i miei...

    Mai letto il libro però..

    Io credo che nulla sia un "mattone" in questa vita se ci poniamo nell'atteggiamento di chi vuol sempre coglierne un insegnamento!

    Ancora grazie,mi ha messo nella condizione di rivedere il film o cercare questo libro..

    L.

    RispondiElimina
  4. L'ho letto due volte!! Amo Rossella!! Un mattone? Secondo me no, si ci sono piu' personaggi rispetto al film, ma secondo me questo non lo rende pesante. Trovo che la guerra civile,e il personaggio di Rhett li si comprendano meglio nel libro, pur essendo raccontati benissimo anche nel film.E' lento come erano lente e pigre le giornate delle ricche famiglie del sud. Ferruccio a me è piaciuto. Ciao Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anche io penso non sia un mattone. Dovrò leggerlo perché sembra molto ricco!
      Grazie Anna

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy