lunedì 25 dicembre 2017

L'inventore della Greguería

Oggi per Natale vi regalo un record culturale davvero originale. Però devo premettere, con tutta la sincerità possibile, che neppure sapevo ci fosse questo genere letterario spagnolo. Ma il mondo è pieno di sorprese. Magari non esiste Babbo Natale ma esiste la Greguería ed esiste il suo inventore: è Ramón Gómez de la Serna Puig. 

Avevo questo record già pronto da un paio di settimane e anche se si tratta del giorno di Natale lo pubblico lo stesso per la mia rubrica del lunedì dedicata ai Record Culturali

Spero vi piaccia e sia di vostro interesse. Io non posso non ammettere che mi era del tutto sconosciuto. Prima della preparazione del post non sapevo nulla dell'esistenza sia dell'autore sia del genere letterario preso in considerazione. 

Si parla dell'inventore della Greguería. Ma cos'è 'sta Greguería

A quanto si racconta i greguerías sono brevi testi simili agli aforismi e generalmente consistono in una singola frase espressa in una singola riga. Di solito esprimono, in modo acuto e originale, pensieri filosofici, umoristici, pragmatici, lirici o di qualsiasi altro tipo e genere e campo. 

C'è qualche dubbio riguardo a chi li ha inventati. Lo scrittore argentino Jorge Luis Borges attribuisce l'invenzione al francese Pierre-Jules Renard, ma pare che il merito proprio del nome sia da riservare a Ramón Gómez de la Serna Puig

Ramón Gómez de la Serna Puig (Madrid, 3 luglio 1888 – Buenos Aires, 13 gennaio 1963) è stato uno scrittore, giornalista, aforista, saggista, drammaturgo e biografo spagnolo. Di solito è generalmente ascritto alla generazione del '14, nota anche come Novecentismo. 

La sua opera letteraria è piuttosto vasta ed è ricordato come un autore che andava contro le convenzioni e amante delle avanguardie. Ha scritto più di cento libri durante la sua vita. È lui tuttavia a essere considerato l'inventore del genere letterario conosciuto come greguería, appena menzionato:    

Le greguerías hanno qualcosa dell'indovinello, evitano l'aspetto del colmo e non devono mai essere barzellette o facezie, per quanto lo possano sembrare. Non devono somigliare a nulla che sia già stato detto. Non sono riflessioni né hanno niente a che vedere con esse, giacché bisogna diffidare delle riflessioni, che sono come quelle palle di neve che fabbricano i monelli cattivi nascondendo una pietra dentro la neve. La greguería non è nemmeno aforistica. L'aforisma è enfatico e sentenzioso. Io non lo pratico. 
Ramón Gómez de la Serna - Mille e una greguería 

Vi voglio bene e buon Natale. 

Grazie. 

Fonti: Ramón Gómez de la Serna

2 commenti:

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy