giovedì 15 aprile 2010

Il vizio di bruciare libri


Forse non tutti sanno che Ray Bradbury, nato a Waukegan nell’Illinois il 22 agosto 1920, autore di racconti e romanzi di genere fantascientifico spesso considerati di stampo sociologico e creatore, tra l’altro, di antologie epiche come Cronache marziane o libri leggendari al pari di Fahrenheit 451 (per citarne alcuni, ovvio); oltre ad aver cullato per tutta la sua adolescenza il sogno di diventare “il più grande mago del mondo”, abbia addirittura dato fuoco, all’inizio della sua carriera letteraria, a qualcosa come due milioni di parole, ovvero l’equivalente di circa cinquemila cartelle dattiloscritte.

1 commento:

  1. ora lo so
    si vede che facevano proprio cagare...

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy