sabato 26 maggio 2018

La prima volta in vetrina

Il 23 settembre 2012, una domenica, parlai per la prima volta sul mio blog di una vetrina settimanale. Allora era una vetrina su facebook e portata avanti grazie alla piattaforma di Mark Zuckerberg e pensavo di usare certi accorgimenti per promuovere libri ed eventi culturali e altre cose. Con il passare del tempo le cose sono cambiate e ho orientato la vetrina più che altro a progetti personali. Non ne sono pentito ma... 

Quando, poco meno di sei anni fa, pensai di creare una vetrina legata al blog su facebook, le cose andavano diversamente. Allora le pagine su facebook e anche su altri social erano viste in altro modo e i contenuti erano condivisi e certi progetti non erano campati in aria. 

Era proposte e idee che si potevano mandare avanti con certe strutture. Ma sono bastati un paio di anni per capire che la rotta da seguire andava continuamente corretta. 

Colpa in parte dell'inflazione delle pagine facebook che hanno decimato la visibilità dei post dapprima e colpa in seguito anche alla maggior parte delle persone che come al solito si sono accodate ma solo per spirito personale. 

Insomma non sempre ho avuto la giusta interazione da parti di chi ha usufruito delle vetrina. Una vetrina che magari, per colpa mia, è stata fraintesa. 

Naturalmente la vetrina continuerà. E continuerò a servirmi dei social finché avranno un barlume di vita

Approfitterò per proporre e pubblicizzare in primis i miei progetti, ma darò spazio ancora a chi vorrà essere propositivo. Voglio, però, che sia chiaro il discorso propositivo. 

Nel frattempo continuo a mandare avanti la mia piattaforma e permettetemi di tranquillizzare certi utenti anonimi che portano in giro il mio nome su altri blog e che forse mi vorrebbero vedere a terra. 

Il mio blog non risente cali di nessun tipo. 


E che il Gianola appena nessuno se lo fila 
inventa uno di questi ***** di post per 
aver visibilità

Vorrei dire a questi anonimi che la gente che in questi anni ho lasciato per strada non ha influito sulle mie scelte e sui miei progetti, vorrei dire anzi che non è servita proprio a nulla. 

Fare cultura non è un gioco e neppure un passatempo e quando questo non si capisce e non fa parte delle proprie corde fa bene a levarsi di torno e a presentarsi come anonimo. Se invece una persona la cultura vuole fare veramente è ben accetta ma deve avere lo spirito giusto. 

Ma sappiate che sono molto permaloso, sopratutto con chi si comporta in maniera vigliacca



"Ringrazio tutti per la lettura" 

P.S. - Sapete riconoscere il racconto che potete leggere nello screenshot d'immagine che ho usato per questo articolo? Dai, è facile! L'ho usato per dire a questo "anonimi" viscidi e senza spina dorsale cosa penso di loro.

15 commenti:

  1. Certa gentaglia si esaurisce da sola. Resto dell'opinione che meno spazio gli viene concesso (ed anche meno cassa di risonanza, anche solo per deprecarli), meglio sia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ma quel commento non era anonimo sul mio blog ma da un'altra parte. E poi sono convinto che questi pezzenti fingono di ridere e godere sotto certi punti di vista ma sotto sotto capiscono quanto sono vermi!

      Elimina
  2. Sono sempre stato contrario all'anonimato in internet. Non ho mai creduto che possa essere "fonte di verità", come qualcuno sostiene. Secondo me l'anonimato genera solo meschinità. Non a caso, il più delle volte questi inetti ne abusano, facendo in modo che questo "beneficio" della rete si trasformi in danno verso quegli utenti che si mettono in vista per le loro capacità. Sono soltanto degli incapaci che si credono intelligenti. Non si accorgono che nei loro commenti c'è acido anziché sagacia, cinismo al posto di arguzia.

    RispondiElimina
  3. Gli anonimi... tasto dolente! Sono frustrati che pensano di divertirsi mettendo in ridicolo e insultando gli altri. Non si rendono conto che agendo come fanno loro si qualificano da soli per gli sfigati che sono. Sfigati e vigliacchi.
    Io penso che la miglior strategia con questi "tizi" sia quelli di ignorarli oppure, come piacerebbe fare a me, prenderli per i fondelli e ridere di loro. A noi non verrebbe il mal di fegato. A loro, sì, però ahahahha
    Certo bisogna riuscirci. Magari ci facciamo insegnare da Mikimoz che per certe cose è mitico!

    Non credo che il togliere la possibilità di commentare in modo anonimo serva a tanto. Possono sempre farsi un profilo fake su g+ e poi commentare ugualmente.

    Te ne dico una, Ferruccio? Il tasto elimina funziona divinamente bene!

    Di certo non è quello loro il modo di interagire giusto, quello che incuriosisce e spinge a sapere altro, di più. Ma da individui simili che ci si può aspettare???
    Buon weekend e non prendertela.
    Uniamoci e mandiamoli tutti a... stendere!
    Ciao e buon weekend

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai io non li tollero più e mi piace fargli vedere che guadagno visite e commenti sulla loro "miseria"

      Elimina
    2. Ti dirò che tutto sommato anch'io ultimamente ho avuto una tendenza al rialzo.
      Porteranno bene? ahahhahahaha

      Elimina
    3. Da me ormai non possono nemmeno più commentare e se portano il mio nome in giro in maniera anonima su altri blog è perché stanno rosicando parecchio. Mi spiace in tutta sincerita

      Elimina
    4. Per te mi dispiace, per loro... si facciano furbi!

      Elimina
    5. Pe me questi sono spunti da sfruttare ogni tanto!

      Elimina
    6. La devo rivedere ma io ci ho fatto una filastrocca sopra ahhaahhah ho deciso che arrabbiarmi per loro non vale la pena. Mi diverto maggiormente a prenderli in giro hahahahahah

      Elimina
    7. Forse ieri nella confusione (di casa mia) ho dimenticato una cosa nel commento.
      Parlo così perchè per ora non mi sono ancora accorta che insultino me. Sul mio blog non lo hanno ancora fatto. Da altre parti...non so!
      Capisco però che chi viene tirato in ballo in quella maniera provi notevole.. fastidio. Chiamiamolo così!
      Buona domenica

      Elimina
    8. Buona domenica a te, e grazie!

      Elimina
  4. Ho perso il pulsante della condivisione su g+?????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia legato a tutto ciò che sta accadendo in questi giorni

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy