giovedì 5 aprile 2018

Il momento di Veronica Roth

Ogni giorno scopro il nome e l'attività di un nuovo scrittore. Oggi per essere più precisi è una scrittrice. Anche in questo caso siamo di fronte a una scrittrice diventata milionaria grazie ai suoi romanzi. Oggi è Il momento di Veronica Roth, l'autrice della trilogia di Divergent. 

Se siete come il sottoscritto il nome della protagonista del post odierno Veronica Roth, ahimè, non vi sarà molto famigliare. Sono andato a cercarla con il lanternino, detto in parole povere. Ho fatto una ricerca, come ho fatto in altri casi e per altri motivi, tra gli scrittori più ricchi del mondo e mi è uscito anche il suo nome. 

Confesso che non la conoscevo. E ora ne so poco più di prima che mi mettessi a scrivere il post. 

Sulle prime ho pure pensato in maniera peristaltica che fosse nipote o figlia di Philip Milton Roth. Ma non ho trovato nulla che suffragasse questa mia tesi. 

Perciò sono andato oltre. Ben oltre. 

Ora andando a informarmi un poco sulla sua narrativa mi pare di aver già sentito i titoli dei suoi romanzi. Non so dove ma li ho sentiti. 

Forse, ma in questo caso dico forse perché non ne sono sicuro, ho visto un film che aveva i personaggi con i caratteri tipici descritti nel suo primo romanzo Divergent, ovvero gli Abneganti, i Pacifici, i Candidi, gli Intrepidi e gli Eruditi, ma devo fermarmi qui.  

Ecco già questo basta a mantenere le distanze da una simile narrativa, ma confido anche in voi per poter cambiare parere. Dopotutto una scrittrice da milioni di copie vendute qualcosa da dire avrà pure. 

Io purtroppo sono piuttosto scettico, ma le cantonate le prendo pure io, quindi se avete qualcosa da dire in difesa della giovane autrice scrittrice newyorkése salite alla sbarra e prendete la parola, metaforicamente. 

Io abbandono la tenzone lasciandovi l'incipit e chiedendovi a quale tipo di carattere vi sentireste di appartenere... 

C'è solo uno specchio a casa mia, dietro un pannello scorrevole nel corridoio al piano di sopra. Secondo le regole della nostra fazione, mi è permesso starci davanti una volta ogni tre mesi, il secondo giorno del mese, quello in cui mia madre mi taglia i capelli. Mi siedo su uno sgabello e mamma, in piedi dietro di me, li accorcia con le forbici. Le ciocche cadono a terra formando un anello biondo cenere. 
Veronica Roth - Divergent 

Vi voglio bene. 

Grazie.

6 commenti:

  1. Ti confesso la mia profonda ignoranza sul tema. Non conosco l'autrice nè ho mai sentito parlare dei libri.
    Il fatto che abbia venduto milioni di copie può voler dire molto ma anche poco. Anche Monica Lewinsky ne aveva venduti molti sull'onda dello scandalo. Sul valore effettivo del suo libro però...ok, non l'ho letto assolutamente e quindi non posso giudicare.
    Non giudico nemmeno l'autrice di cui tu parli non conoscendola affatto e che sinceramente non mi attira.

    RispondiElimina
  2. Ah ecco, puttanate young-adult XD
    Non l'avevo mai sentita per questo motivo! XD

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Ho letto la trilogia di Divergent, carino il primo, gli altri insomma. Ho letto anche il primo della nuova trilogia, ma non m'è piaciuto per niente. E non la leggerò più :)

    RispondiElimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy