martedì 9 gennaio 2018

Respet, respeto, rispetto!

Leggo diversi blogger che di solito iniziano l'anno sulla loro piattaforma con un post dal titolo: 3 parole per il 20..., un "meme" creato dallo scrittore e giornalista americano Chris Brogan sei o sette anni fa. Dopo il 2016 con Solo tre parole: azione, determinazione e umiltà, anche per il 2018, benché non ami troppo questa tipologia di articoli, ho deciso di ri-partecipare anch'io con tre parole, anzi una: Respet, respeto, rispetto

Come ben sapete non amo molto queste tipologie di articoli (meme, catene...) ma in alcuni casi riescono a trasmettere un determinato pensiero o una particolare emozione che magari è lì sotto pelle e così capita che seguendo la falsariga di diversi blogger e blog che leggo, anch'io non mi sottraggo per la seconda volta e anche quest'anno partecipo alla regole delle tre parole, anche se in verità è una sola: Respet, respeto, rispetto! 

Una sola parola, scritta in tre lingue, che potrebbero essere 150 o ancora di più, perché quello che manca maggiormente al giorno d'oggi è il rispetto. Il rispetto verso noi stessi prima di tutto e di conseguenza verso gli altri... 

Non immaginate come cambierebbero le cose se la gente avesse più rispetto, ma purtroppo... 

La sensazione che il rispetto sia un atteggiamento e una qualità morale in disuso non me lo toglie nessuno. 

Sia nel mondo virtuale sia nel mondo reale non è passato giorno, lo scorso anno, in cui non abbia evidenziate questa carenza da parte di qualcuno. 

Arroganza, superficialità, ignoranza, e tutte le altre cose che hanno come denominatore comune la mancanza di rispetto. Per questo, oggi, lo grido addirittura in tre lingue e ci faccio un post che rimarrà sulla mia piattaforma. Se non si capisce in Italiano, lo capirete in inglese o in spagnolo...

Non perdonate la mancanza di rispetto a nessuno, se potete. Lo so che a volte è dura a magari con certe persone si ha addirittura paura, ma "facciamoci" coraggio e non perdoniamola. 

Esigete il rispetto. "Esigiamolo" in qualsiasi posto notiamo ci sia la carenza. 

Date e porte rispetto. "Diamo" e "Portiamo" rispetto alle persone che incontriamo sulla nostra strada, per motivi importanti o futili che siano. Esaltate il rispetto. "Esaltiamo" il rispetto e diamogli il giusto valore. 

Bramate il rispetto. "Bramiamo" il rispetto sempre e dovunque, indipendentemente da tutto il resto. Curate il rispetto. "Curiamo" il rispetto e coltiviamolo fino a trasformarlo in qualcosa di naturale dentro di noi.  

Vi voglio bene. 

Grazie.

9 commenti:

  1. Prendendo in prestito un pensiero di Aristotele, direi che: le radici del rispetto sono amare, ma dolci i suoi frutti.

    RispondiElimina
  2. "Il rispetto verso noi stessi prima di tutto e di conseguenza verso gli altri..."


    Uno dei primi "comandamenti" di cui spesso ci si dimentica pensando che non rispettando l'altro si rispetta di più se stessi!

    Non è forse vero che subire una mancanza di rispetto non ci piace così come non potrebbe piacere a chi la facciamo subire?

    Se davvero conoscessimo e sentissimo allo stesso modo tutti ,cosa è l'amare...potremmo mai essere a conoscenza del "non rispetto"?

    Buona giornata

    L.

    RispondiElimina
  3. Rispetto? Sì, ma da ottenere, a breve sarò dittatore :)

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Ciao Ferruccio,
    rispetto... parola obsoleta nella vita reale di tutti i giorni dove ci si vede in faccia. Nel mondo virtuale anora peggio in certi casi.
    Per fortuna, nel mio "giro" sul web ho trovato un cafone una sola volta e l'ho bloccato. Altri non ne ho ancora incontrati. Mai dire ai però...
    Chiedere il rispetto dagli altri equivale a dare rispetto agli altri. Non si può pretendere di ricevere se si prendono a pesci in faccia le altre persone.
    Pretenderlo e difendersi nel caso in cui questa forma basilare di vivere civile viene a mancare. Per noi stessi e per gli altri.

    ps anch'io avrei messo tre parole a inizio anno. Forse qualcosa di attinente alle tue ce l'hanno pure. Farmi furba!
    Peccato che non ci sia ancora riuscita ahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia stare la "furbizia", da piccoli vantaggi, non grandi... Se ne può fare a meno!

      Elimina
  5. Riscrivo perchè mi ha dato errore inviando il commento

    Non mi sono spiegata😊
    Con farmi furba intendevo imparare a dire qualche no. Farmi valere un po' di più

    RispondiElimina