martedì 5 dicembre 2017

Mai letto Dean Koontz?

Settimana scorsa un mio post su linkedin ha avuto più di trentamila visualizzazioni e ha raccolto più di centocinquanta commenti e ancora non è finita. Questo suffraga sempre di più la mia opinione che ci sia un'altro tipo di comportamento degli utenti su questa piattaforma. Devo inoltre aggiungere che anche i commenti sono sempre ben misurati e in linea e sopratutto sono in grado di ispirare altre inchieste. Un po' come questa che riguarda Dean Koontz

Questo post mi è stato suggerito da Luca Polidori e dello scrittore Armando Lazzarano. Merito delle discussione che hanno avviato commentando uno status pubblicato su linkedin settimana scorsa. 

Ancora non mi sono fatto un'idea dei risultato che mi sta portando questo status, visto che non mi stupirei se tra una settimana i commenti fossero duecento e le visualizzazioni cinquantamila. Ma intanto grazie alle interazioni e ai contenuti che mi sono giunto sono in grado di redigere un altro post inchiesta. 

Questa volta, l'inchiesta riguarda lo scrittore Dean Koontz

Uno scrittore che in un primo momento mi ha messo davanti agli occhi un vuoro abissale, perché confesso di non aver mai avuto in mano un suo libro e neppure ne avevo sentito parlare. 

Poi, indagando un attimino, ho scoperta che della sua produzione fa parte il titolo Generazione Proteus e da lì le cose sono cambiate. 

Ricordo benissimo, a distanza di molti anni, il film tratto da questo romanzo. Un film che mi inquietò parecchio e che per qualche notte turbò i miei sogni. 

Forse basterebbe questo particolare per spingermi ad acquistare qualche romanzo dello scrittore americano, ma considerando anche i suggerimenti delle due persone citate all'inizio di questo articolo sovvengo che ci sia molto da apprendere dalla sua produzione. Perciò se volete contribuire con i vostri suggerimenti, lo spazio dei commenti è a vostra disposizione. 

Ho notato che Dean Koonts si è avvalso anche di molti pseudonimi nella scrittura dei suoi romanzi e dei suoi racconti, ma nel mio caso continua a essere latitante. Mi sembra chiaro che confido molto nel vostro contributo. 

«Nel complesso, il terribile incidente può essere considerato la genesi di un moderno mito sociosessuale. Aveva tutti gli elementi necessari: la bella addormentata e la bestia, una prigione di dimensioni gotiche, un dio ed una donna e la creazione di un semidio. Questo, naturalmente, è un giudizio retrospettivo. Sul momento, non avevo la presenza di spirito necessaria per una contemplazione distaccata.» 
Dean Koontz - Generazione Proteus 

Vi voglio bene. 

Grazie.

8 commenti:

  1. Buongiorno e grazie per aver citato un altro di quegli scrittori di cui non conoscevo esistenza fino a pochi minuti fa.

    Ammetto di averlo un po'cercato in rete per avere una conoscenza più mirata del suo genere.

    Sono stata anche su Linkedin nei giorni scorsi ,cercando questo nome:Ferruccio Gianola!

    Quello che di lei si dice è l'aspetto che più mi ha colpito...."capace di una straordinaria intelligenza emotiva" ,poi c'è altro ancora che non mi stupisce sul suo lato prettamente umano.

    Sa cosa penso Gianola?

    Penso che questo scrittore che lei cita nel post sia il genere che ispira anche lei sotto certi aspetti!

    Cosa voglio dire senza tanti giri di parole,rubandole del tempo nel leggere qualcosa che non si capisce ancora dove vada a parare?

    L'aspetto prettamente umano!!...è tutto ciò che fa muovere le mie ispirazioni e aspirazioni....Ispirazione e Aspirazione!

    Che cosa le dicono queste due belle parole?
    Credo che le conosca benissimo, se non venisse ispirato da qualcuno o qualcosa (come in questo caso
    il post di oggi) potrebbe mai aspirare a scrivere o farci leggere qualcosa oggi...domani..in futuro?

    Ispirazione e aspirazione ....hanno un senso preciso, ma diverso in ognuno di noi...questo è molto bello perché ci stimola tutti in un modo o nell'altro a crescere..

    L.

    RispondiElimina
  2. Ho letto alcuni libri di Kuntz e mai dimenticherò "mostri"
    una storia meravigliosa , specialmente per chi ama i cani come me.
    Ti voglio bene!
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. Buongiorno, La ringrazio per la citazione Ferruccio è un vero piacere esserci. Buona giornata

    RispondiElimina
  4. E' dal 1998, dai tempi della naja, dove c'era un commilitone che me ne parlava bene, che son sempre stato lì lì per prendere qualcosa di suo, ma per adesso ancora niente.
    So che, al pari di King, ha iniziato da adolescente o anche prima a vendere le sue storie, e chi inizia così di solito ha una grande immaginazione.
    E' uno che prima o poi vorrei leggere, come vorrei leggere di Aravind Adiga, del quasi omonimo Coonts, di Tess Gerritsen, di Grangè e di tanti altri...
    Ciao ciao
    Ciao

    RispondiElimina