venerdì 20 ottobre 2017

Elogio dei mediocri

Non fatevi ingannare dall'immagine di oggi, quella che ritrae i Bravi de' I promessi sposi. L'ho scelta prima di scrivere il post, perché avevo un altro titolo in mente. Non voglio discutere su questi personaggi di Alessandro Manzoni, anche se c'è qualcosa di attuale nell'immagine (sta a voi capirlo) con l'articolo di oggi. Perciò se volete e se lo desiderate, continuate la lettura di questo Elogio dei mediocri e capirete dove voglio arrivare. 

La sensazione che al giorno d'oggi sia nocivo e controproducente essere troppo bravo, non me la toglie nessuno. Lo vedo tutti i giorni e lo noto un po' in tutti i campi che conosco e che per un motivo o per l'altro mi trovo a frequentare per stare al mondo. 

Se è difficile emergere dalla mediocrità essendo mediamente superiori a un mediocre, lo è molto di più se si è particolarmente dotati. Credo sia un dato di fatto e non me ne vorrete, anche se ciò che ho appena scritto sembra un gioco di parole. 

Ma non c'è nessun gioco, sono molto serio, lo confesso. 

Sono più vicino al sarcasmo che all'ironia

Perciò ho deciso che da ora in avanti ce la metterò tutta per non essere troppo bravo. Credo sia essenziale non esserlo. Cercherò di essere il più possibile vicino e simile alla gente brava ma non troppo brava. Cercherò di impegnarmi per non spezzare questo piccolo equilibrio tra l'essere bravo e l'essere troppo bravo. 

Oh, non pensate sia facile. Credo sia molto più difficile di quello che si pensa. Magari mi farò consigliare e spero che questo post mi sia di aiuto. Mi farò aiutare da chi vorrà aiutarmi. Mi farò guidare da chi vorrà guidarmi. 

Insomma farò di tutto per essere bravo ma non troppo bravo. 

Cercherò di distinguermi dal vertice della massa ma cercherà di non distinguermi troppo. Cercherà di mettere il naso in tutte le cose che interessano il branco ma cercherò di non metterlo troppo, questo naso. Farò di tutto per essere come quelli che si fanno seguire sui social ma cercherà di non essere seguito troppo. 

Inventerò poesie belle ma non troppo belle. Creerò composizioni belle ma non troppo belle. Canterò canzoni belle ma non troppo belle. Guarderò film belli ma non troppo belli. 

Leggerò libri belli ma non troppo belli. Cercherò di eccellere ma cercherò anche di non eccellere troppo! Essere troppo bravo porta a pestare i piedi a chi è troppo bravo senza esserlo. Magari basta essere dei bravi mediocri per stare bene e fare bene

Vi voglio bene. 

Grazie.

13 commenti:

  1. I mediocri hanno SEMPRE criticato chi è più bravo di loro. Se non sei un mediocre, continua a non esserlo e continua ad andare a muso duro contro la mediocrità; non abbandonarti a divenire un mediocre anche tu.

    RispondiElimina
  2. Ferruccio, "bravi mediocri" lo vedo come un luogo. Una tana da cui i "bravi bravi" perlustrano i mondi prima di uscire allo scoperto. È strategico. A volte, necessario. Tanto efficiente, quanto permeabile: basta un'intuizione o una risposta intelligente e gli "ombrosi" intorno vengono illuminati! Costoro non amano le luci, agiscono nell'ombra di qualcun altro, e se scoperti attaccano. I "bravi bravi" sono moderni Ulisse, poiché in cuor loro NON vogliono uccidere le loro qualità, sceglieranno sempre di deviare l'aratro. Ogni volta.

    RispondiElimina
  3. Eheh, è vero che oggi la livella ci ha appiattiti, ma si può fingere mediocrità per dare colpi atomici ogni tanto, e quindi stupire^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Ciao Ferruccio, comprendo molto bene questo tuo sfogo perché è da quando frequentavo la scuola che mi sento sgridare perché sono "troppo divergente" o perché "mi impegno troppo".
    Beh, mi dispiace, io non accetto la mediocrità.
    Meglio emergere e andare là dove nessuno è mai stato, e che gli altri stiano a guardare.
    Un abbraccio, Franny.

    ps: ti seguirò con piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca: "Meglio emergere e andare là dove nessuno è mai stato, e che gli altri stiano a guardare."
      Non potevi dirlo in modo migliore :-D

      Elimina
  5. "Lei non ha capito niente perché è un uomo medio.Un uomo medio è un mostro,un pericoloso delinquente,razzista conformista,schiavista,qualunquista" (Pasolini)....

    Ecco cosa ci ha lasciato ....le risposte spesso le troviamo nei tempi andati,e manco a farlo apposta proprio andando indietro di un giorno ,con un post a lui dedicato,ci siamo ritrovati..

    Il mio pensiero ?Credo che se la mediocrità fosse sinonimo di onestà saremmo tutti dei Bravi mediocri!

    Buon pomeriggio Gianola

    L.

    RispondiElimina
  6. grande! sottoscrivo in pieno il tuo sarcasmo. Mi sono amareggiata troppe volte nel constatare come il livello sia basso in certi ambienti e, per non farsi disprezzare, si è costretti a scendere dal proprio livello per poter essere anche solo un minimo partecipi della conversazione

    RispondiElimina