venerdì 8 settembre 2017

Tu, compreresti un mio libro?

Potrebbe accadere tra qualche mese. Potrebbe succedere verso Natale ed essere usato come strenna. Male che vada potrebbe essere per la fine del prossimo inverno, ma è in uscita una raccolta cartacea dei miei racconti. Allora, tra il serio e il faceto, svolgiamo una piccola inchiesta. Tu, compreresti un mio libro? 

Voi non immaginate quanto lavoro pronto per essere pubblicato ho da parte. Non sto scherzando. Ho due romanzi completi. Altri due romanzi da mettere a posto e almeno cinquanta racconti. Ho anche un saggio a buon punto. 

Continuo a tergiversare solo per una questione di carattere economico e alcune incertezza riguardo al marketing e alla promozione da usare. 

Per carattere economico intendo alcune questioni riguardo a quanto ci sarebbe da investire effettivamente e per marketing intendo invece se non sia il caso di tenere duro e cercare di rivolgermi a qualche grossa casa editrice invece di fare in proprio. In proprio a dire il vero sono stati scritti i lavori. 

Tutti. Mi sono servito di una correzione e di un editing esterno (esclusi un paio di lavori), anche se non ho lasciato in mano tutto ai secondi (sono piuttosto scettico sul modo di lavorare di molti editor, lo dico chiaramente). 

Ma credo anche che non sia più il caso di aspettare e tergiversare ancora. Vada come vada. 

Il materiale è lì, bello pronto. Impaginato e corretto e per cominciare pubblicherò una raccolta di racconti. 

Racconti che molti di voi hanno già letto, visto che si trovano sul mio blog e sono comparsi, con notevole successo anche sui social. Resteranno lì lo stesso. Non ho intenzione di rimuoverli. 

Chi vuole comprare il libro non si fermerà sicuramente dietro al fatto di averli già letti. 

Dopotutto, oltre a fare un bel regalo a me, potrebbe essere anche un segno di stima. 

Purtroppo non credo affatto nel formato digitale dei libri e non per una questione di costi. O possiedi una cricca di venti o trenta persone che ti fa il piacere di comprare e di spingerti o è del tutto impossibile e impensabile cercare di ottenere qualche risultato emergendo da una marea di roba spesso contraffatta da recensioni false

E poi c'è un altro fattore. 

C'è gente che mi ferma per strada e che continuamente mi chiede se non è possibile leggere miei lavori su carta. E non sono pochi in tutta verità. 

Quindi il problema ora sta solo nel trovare i lettori e gli acquirenti. Che sia la prima mossa marketing degna di nota utile per la mia narrativa? 

Vi voglio bene. 

Grazie.

30 commenti:

  1. Finalmente hai deciso di fare fai coming out, cioè, di uscire allo scoperto.

    Ebbene, ci sono almeno tre ottimi motivi per cui comprerò il tuo libro. Il primo è perché lo hai scritto tu, e su questo non ci piove; il secondo è perché un tuo libro arricchirebbe la mia biblioteca, facendomi apparire agli occhi dei miei amici e conoscenti una persona intelligente; terzo, non meno importante, se, sotto Natale, può essere un'idea brillante per un regalo. Infine (fuori lista), vuoi mettere il piacere di trovarci un refuso e fartelo notare?!

    Insomma, uno lo hai ipoteticamente già venduto.

    RispondiElimina
  2. Ahaha, posso quotare in toto il commento di Mister Langella?
    Io ci sono!
    poi tu però acquisti il mio? XD

    Moz-

    RispondiElimina
  3. È da tanto che aspetto una tua pubblicazione cartacea ... coraggio Ferruccio sono convinta che in tanti aspettano una tua pubblicazione! Di conseguenza la mia risposta è SI 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marina, me lo hai ricordato diverse volte

      Elimina
  4. Mi farebbe molto piacere leggere un tuo libro . Attendo notizie della pubblicazione.

    RispondiElimina
  5. Mi farebbe molto piacere leggere un tuo libro . Attendo notizie della pubblicazione.

    RispondiElimina
  6. SI....io comprerei molto volentieri un suo libro ma non riuscirei a vendere la mia libertà nell' acquistarlo forzatamente online!

    Potrebbe immaginarmi tra quelle persone che
    la fermano per strada e vorrebbero leggerla su carta....magari ci aggiunga di avere il piacere di cercare il suo nome tra il profumo inconfondibile di una libreria....

    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ho ancora la grande distribuzione

      Elimina
    2. Andiamo .....non ha ancora la grande distribuzione ma nemmeno una scarsa ispirazione!

      Io ho avuto già l'onore di leggere un suo prezioso libro...ha un intero blog e tantissimi post,in ogni post vi è un posto per accomodarsi e cogliere la profondità del suo animo...si sfogliano pagine e si leggono pensieri...si leggono i suoi pensieri più che quelli degli scrittori che menziona!

      Di cosa ha bisogno davvero per mettere su carta i suoi pensieri e distribuirli a chi ha fame di conoscenza e cultura pulita?

      Di cosa ha bisogno davvero,quando sento che ha tutto quello che ne è in potere?

      Mi dia un motivo per abbandonare definitivamente il suo blog,per smettere di pensare che è davvero lei la persona che risponde con un grande senso di umanità oltre che di autenticità!!

      Può non comprendere quel che le scrivo...ma so che sente...lei ascolta eccome!

      Coraggio,non comprero' online il suo libro ,ma sbaglia quando dice che "potrebbe essere un segno di stima"... perché io sono la testimonianza di una stima che non guarda chi acquista o meno ma chi ha acquisito o meno la capacità di trasmettere ...trasmettere qualcosa che non ha a che fare con il denaro...

      L.

      Elimina
    3. Be' cercare di guadagnare qualche spicciolo con i propri racconti, non credo sia un peccato!

      Elimina
    4. No,certo non è un peccato.... Forse è un peccato avere la certezza di pagare persino i nostri sogni,in fondo tutto passa attraverso la macchina del sistema in cui ci stiamo sempre più adattando...

      Buona giornata

      L.

      Elimina
  7. Ti leggo tutti i giorni sul blog. Un libro si potrebbe anche comprare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sol il fatto che leggi tutti i giorni il blog, mi fa sentire a debito :-D

      Elimina
  8. beh io ti leggo qui,
    quindi...
    può essere, certo che può essere

    RispondiElimina
  9. Ciao Ferruccio: ti dico quali sono le mie abitudini in fatto di libri. Quelli che trovo on line, li leggo on line, i cartacei li acquisto in libreria: vado lì e vedo cosa trovo che mi interessi. Non ho l'abitudine di comprare per corrispondenza: credo tu sia maturo per la distribuzione cartacea, in fondo preferisco i cartacei ^_^ In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, nessuna corrispondenza: è un sondaggio!

      Elimina
  10. Eccomi finalmente!
    La mattina scorsa col cellulare ho scritto il commento e poi non so perchè è sparito prima ancora di spedirlo.

    Ti ho detto che sì, lo comprerei di certo ma per parecchi motivi.
    Prima di tutto ho già avuto modo di leggere tuoi racconti qui sul blog e mi sono piaciuti. Mi hanno intrigato.
    Seconda cosa perchè quando entro in sintonia con un scrittore, metaforicamente parlando, cerco di leggere tutto quanto pubblica.
    Terzo perchè ho sempre voglia di nuovi autori. Nulla da togliere ai grandi nomi ma sono convinta che anche tra i nomi meno noti ci siano scritti notevoli e degni di essere letti. Quindi perchè non farlo e non far loro pubblicità?

    Quanto alla versione, sinceramente preferisco i cartacei ma per problema di spazio e anche costo, ultimamente ho acquistato parecchi ebook.
    Ecco! Se l'ebook è comodo perchè spazio fisico non occupa, perchè i libri costano meno, ha anche il grande problema collegato che costando meno se ne comprano di più. Io infatti compro e accantono ma i libri in attesa di lettura son sempre più del tempo a disposizione :)

    RispondiElimina
  11. Certo che lo compro.
    Quindi hai deciso per l'autopubblicazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcosa devo fare. Ma avevo intenzione di contattarti anche per altri motivi appena è tutto pronto

      Elimina