sabato 26 agosto 2017

In vetrina con Francis Scott Fitzgerald

Nino di Mei
Dopo Hemingway e Faulkner era più che naturale che proponessi il meglio anche di Francis Scott Fitzgerald. Ci sono più di una dozzina di post sul mio blog. Non è detto che dovete leggerli tutti, ma questi cinque assolutamente sì. 

Francis Scott Fitzgerald è spesso raffigurato come uno scrittore dal talento naturale. Ernest Hemingway lo descrive in questo modo nel libro Fiesta Mobile: "Il suo talento era naturale come il disegno tracciato dalla polvere sulle ali di una farfalla." Fitzgerald la pensava diversamente e la vedeva in un’ottica completamente diversa e lo spiega con queste sette piccole regole che lui utilizzava per scrivere: 
---> Sette consigli di scrittura da Francis Scott Fitzgerald 

Chi visita il mio blog è al corrente della mia passione per Francis Scott Fitzgerald. Credo sia l’autore che preferisco dopo Ernest Hemingway, ma non ho dubbi nello scrivere e nell’affermare che per quanto riguardi la pura scrittura, lasciando perdere quindi l’aspetto umano e biografico, lo trovi addirittura superiore. Ora, come ho fatto con i consigli di lettura per Hemingway, per King, per Wallace, e per molti autori e personaggi importanti non potevo trascurare la possibilità di segnalare quali siano stati per lui i libri considerati essenziali. 
---> Consigli di lettura di Francis Scott Fitzgerald 

Dopo Ernest Hemingway credo che l’autore da me preferito sia Francis Scott Fitzgerald. Appare del tutto chiaro anche a un lettore che dà un’occhiata distratta alle etichette del blog. Noterà che il nome dello scrittore di Saint Paul e il suo libro per eccellenza Il grande Gatsby siano presenti numerose volte. Questo particolare deve avermi condizionato e deve avermi convinto del fatto di aver già postato un’inchiesta del tipo Mai letto Francis Scott Fitzgerald?
---> Mai letto Francis Scott Fitzgerald? 

«Quando ti viene voglia di criticare qualcuno, ricordati che non tutti a questo mondo hanno avuto i vantaggi che hai avuto tu.» Molti di voi avranno riconosciuto il brano tra virgolette e sapranno che non è che una delle prime frasi contenute nel romanzo Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald
---> La mediocrità di chi critica 

Non so quante volte ho parlato sul mio blog de Il grande Gatsby e di Francis Scott Fitzgerald. Potete provare a cliccare sul titolo del libro stesso oppure sul nome dell’autore per vedere cosa succede. In ogni caso le etichette non sono corrette. Ho saltato sicuramente il tag di qualche articolo e di qualche citazione nel passato. 
---> Il grande Jay Gatsby di Francis Scott Fitzgerald in tavola 

Vi voglio bene. 

Grazie.

3 commenti:

  1. Il grande Gatsby lo lessi anni fa. non so perchè ma ricordo solo l'amaro che mi lasciò in bocca. Forse lo lessi in un momento non adatto.
    Ora ho comperato Tenera è la notte. Poi ti dirò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un libro amaro... Tenera la notte è bello, ma incompiuto

      Elimina
    2. Incompiuto in che senso Ferruccio? Poteva finire diversamente o l'autore è morto prima di concluderlo? Confesso che so ben poco di lui

      Elimina

Chi commenta su questo sito lo potrà fare solo da loggato con Google. Deve quindi essere consapevole che il suo username resterà inserito nella pagina web e sarà cliccabile. Potrà portare al Profilo di Blogger o a quello di Google+ a seconda della impostazione che si è scelta.
Info sulla Privacy