domenica 6 agosto 2017

Cucina letteraria da Gran Gourmet

Se per caso un giorno dovessi aprire una trattoria o un ristorante, per il menù, prenderei spunto dai miei duecento post dedicati alla cucina letteraria che ho pubblicato in questi anni. Certe cose fanno ridere e sono a mala pena commestibili, ma ci sono anche chicche da gran gourmet. 
Sfogliate la pagina statica Cucina letteraria per farvi un'idea! 

Mi sono accorto che i post, pubblicati sul mio blog, etichettati con Cucina, sono duecento. Duecento uno con questo. 

Un numero davvero notevole e non ho intenzione di fermarmi, anche se per questa prima domenica di agosto mi ha ispirato un altro genere di riflessioni. Difficilmente aprirò un ristorante. Non è mai stato nei miei progetti. 

Benché molti scrittori siano proprietari e gestiscano locali e ristoranti, penso sia un qualcosa non nelle mie corde. Ma se dovessi farlo state certi che gli darei un bel nome pomposo e letterario e non avrò dubbi nella scelta del menù da proporre. 

Mi basta attingere dai miei post della cucina domenicale per accontentare i palati più esigenti. Mi rendo conto delle presenza di piatti dozzinali nei miei articoli. 

Alcuni sono ridicoli. 

Ma allo stesso tempo la presenza di prelibatezze e pietanze create da grandi scrittori o presenti in determinati romanzi che ho citato fanno leccare i baffi ai buongustai più sopraffini. 

Non ho dubbi che in un ipotetico ristorante potrei deliziare il piacere e la ricerca del gusto a tavola anche alle persone più esigenti. 

Posso parlare di risotti. Una miriade i risotti comparsi sul mio blog, spesso associati ad autori di grande spessore culturale: Gadda, D'annunzio, Fogazzaro, Pascoli... Gianni Brera

Ma potrei anche inventami le serate a tema. Non so potrei creare la la serata con Addio alle armi a tavola o con Fiesta in tavola, quella con A pranzo con Il giovane Holden di Jerome David Salinger, oppure stasera Mangiamo su Le Vie dei Canti con Bruce Chatwin, ma possiamo anche andare a tavola Oltre il confine a mangiare con Cormac McCarthy

Be' le soluzioni sono tantissime. I menù che in teoria posso mettere sul piatto sono sterminati. E da tutto questo non sono esclusi i piatti semplici, i semplici panini. E poi i dolci. 

Ma per fare tutto questo bisogna avere una gran fame, sopratutto di cultura e poi trasformarla in una fame meno simbolica. Ma sono del parere che ci si potrebbe divertire moltissimo e imparare parecchie cose. 

Non è così? 

Vi voglio bene. 

Grazie.

Nessun commento:

Posta un commento