domenica 28 maggio 2017

Gli spaghetti all'uovo fritto di Ezra Pound

Quando da bambino andavo al mare a Cesenatico sentivo raccontare che i tedeschi mangiavano gli spaghetti con la marmellata: un qualcosa di terribile. Qualche anno dopo in giro per il mondo mi è capitato di mangiare spaghetti conditi con il ketchup: un qualcosa di orribile. Nel nuovo secolo però non ho più avuto grosse sorprese e anche all'estero ho sempre trovato e gustato degli ottimi piatti di pasta. Poi mi capitano davanti Gli spaghetti all'uovo fritto di Ezra Pound e il tempo torna indietro. 

Sono un gran mangiatore e divoratore di pasta. Tengo alta la media del popolo italiano. Quasi tutti i giorni mangio pasta. Pasta in tutti i formati e con tutti i condimenti possibili. Pasta fresca e pasta secca. 

Ne ho anche parlato sul mio blog (ricordate Elogio della pasta, Il Romanzo della Pasta Italiana di Nunzio Russo, Pasta e letteratura e forse altro ancora). 

Ora, quando per qualche motivo mi trovo all'estero mi adatto anche alla cucina del luogo. Non vado a cercare il piatto di pasta o la pizza per nutrirmi. Ma se capita non mi tiro indietro. 

In realtà negli ultimi decenni non ho più avuto le sorprese che ho narrato nel paragrafo iniziale di questo articolo. Un buon piatto di pasta si può mangiare in quasi tutte le capitali europee, con ingredienti magari più freschi di quelli che trovo nel negozio di alimentari sotto casa. Inutile che vi ricordi il Ka.De.We di Berlino... 

Insomma certe cose erano dimenticate e sepolte, una volta per tutte. Almeno pensavo. 

Poi salta fuori Ezra Pound. Salta fuori l'amico di Hemingway e di Mussolini. Il poeta de I cantos. Salta fuori Ezra Pound con questa specie di carbonara ante litteram e mi scappa da ridere. 

Che lui fosse un gran mangiatore di pasta è evidente. Si dice che no mancasse mai dalla sua tavola, ma in effetti sembra un cultore della pasta di quelli che io guardo di traverso. 

Be' un uovo fritto sopra un piatto di spaghetti non me lo vedo per niente. Mi pare una carbonara un po' particolare. e non riesco a concepirla. Ma... 

Ma non conosco il buon Ezra Pound neppure dal punto di vista letterario. Non ho mai letto nulla della sua opera. 

E quindi non me la sento di muovere critiche sul suo piatto di spaghetti. Però voi potete farvi avanti e dirmi quello che sapete

Vi voglio bene. 

Grazie. 

Fonti - Ezra Pound: Spaghetti with Pancetta, Sage and Fried Egg

4 commenti:

  1. Non conosco l'autore che ci presenti nel post odierno ma conosco bene qualcuno che ama tanto la pastasciutta condita con la marmellata, un amico di mio fratello 😨... Non solo i tedeschi come vedi ma anche qualche sardo(un pochino strambo direi),lui però non condisce gli spaghetti ma i tortiglioni!!! Mi si accappona la pelle solo a pensarci😣

    RispondiElimina
  2. a me ricorda tanto la frittata di maccaroni (o la frittata di pasta come si chiama a casa mia) e ti dirò ... ottimo modo per scaldare la pasta avanzata a pranzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo immagino. Lo so che si usa in certe zone e deve essere squisita!

      Elimina