martedì 14 febbraio 2017

Il cracker di Twitter

Negli ultimi tempi twitter sta perdendo il mio apprezzamento. Sulla piattaforma c'è un invasione di personaggi capricciosi e pieni di sé. Inoltre, mi sono trovato a seguire profili in maniera del tutto inconsapevole. Profili che mai avrei pensato di seguire. Che mi abbiano craccato? 

Nel mio articolo pubblicato nella giornata di sabato, menzionavo il mio disappunto e il mio disamore nei confronti della piattaforma di twitter, la sensazione però e che pure qualche mio amico blogger, dai commenti lasciati nel form apposito, la possa pensare come me. 

"Giuro che anche per me Twitter è calato un po', devo rivedere un po' come usarlo al meglio^" 

Ora non so se Moz viva davvero il mio stesso disappunto e magari sia in linea con le mie considerazioni seguenti o se il suo commento sia soltanto un'esternazione frutto di qualche contingenza momentanea. 

Per me, tuttavia, non c’è nessuna contingenza momentanea, il fastidio è maturato in un arco di tempo molto vasto e ho deciso di elencare alcuni punti che hanno influito su tale deprezzamento. Il tutto per verificare se il mio malumore possa essere considerato nella norma o soltanto un‘idiosincrasia personale. 

1 - Non sopporto i defollowatori seriali 
Da qualche anno seguo solo chi mi interessa e chi in qualche modo interagisce in maniera attiva. Non restituisco il follow in automatico, non seguo account fasulli, non attivi e senza qualche forma. Detto questo, non tollero chi ti followa solo per avere la controparte e defollowarti nel giro di poco tempo. 

2 - Gli amici vanno via 
Benché sui social (non solo twitter) non si possa parlare apertamente di amicizia, mi provoca qualche perplessità quando qualche amico se ne va (mi defollowa). Tutto perché il più delle volte non hanno delle motivazioni serie alla base e mi fanno pensare solo a una specie di rivalsa e di rancore difficile da capire. La cosa mi infastidisce ancora di più se questi soggetti poi li trovo ogni giorno nelle statistiche delle visite relative al blog. Un atteggiamento molto ipocrita. 

3 - Rischio di cracker 
Twitter è il profilo che nel tempo mi ha provocato più fastidi. A parte il fatto che ogni tanto mi trovo a seguire qualche account che non ho mai neppure visto, in un paio di occasioni mi sono ritrovato a cambiare la password perché il profilo era compromesso. Mi sembra un ambiente più sottoposto ad hacker e cracker più degli altri social network

4 - Non porta frutti 
Per ultimo devo confessare che twitter non porta nessun tipo di risultato. Se Linkedin e facebook offrono delle potenzialità e mi hanno dato dei riscontri pratici, così non è per twitter… 

Vi voglio bene. 

Grazie.

12 commenti:

  1. Sono assolutamente convinto che twitter sia solo una tana di troll - ho vissuto sulla mia pelle quanto hai citato nel post, amplificato per mille però; alla fine mi sono cancellato e tanti saluti a quel covo di vipere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'ultimo anno anch'io sto verificando dinamiche poco piacevoli

      Elimina
  2. Non seguo Twitter per un motivo base molto semplice: non ho capito dinamiche e contatti, ho provato più volte e, nonostante inviti e rassicurazioni di amici abitualmente frequentanti, è un format che non riesce ad acchiapparmi.

    RispondiElimina
  3. Mi spiace molto per Twitter - tante potenzialità sprecate...

    RispondiElimina
  4. Ogni tanto Twitter mi fa guadagnare qualche nuovo lettore, ma effettivamente si ha l'impressione che metà degli utenti siano spambot automatizzati...

    RispondiElimina
  5. Eccomi qui: ribadisco quel che ti ho scritto.
    Twitter lo usavo molto, mi piaceva. Oggi ricondivido solo i miei articoli e di fatto lo utilizzo poco per dialogare.
    La sua utilità è quella dei trend topic e delle notizie che passano prima da lì, su questo non ci piove.
    Però è vero che è pieno di personaggi che se la tirano: ho visto gente followarti e followare centinaia di persone per poi toglierti l'amicizia e quindi fare la twitstar con tot seguaci e che non segue nessuno.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sua utilità è quella dei trend topic e delle notizie che passano prima da lì, su questo non ci piove.

      sotto questo aspetto è il top e grazie per lo spunto

      Elimina
  6. Non puoi avere un dialogo, esprimere un pensiero con soli e miseri 140 caratteri. Questa oltre quelle elencate da te è una delle ragioni per cui di fatto io su twitter, nonostante sia iscritto, non ci metta quasi mai piede. Anche perché, guarda solo questo mio commento, su twitter non ci sarebbe stato ovviamente ed io amo essere libero di parlare e scrivere senza limiti di caratteri o altri vincoli.

    RispondiElimina