martedì 3 gennaio 2017

Il destino nel nome

Un paio di settimane fa mi è capitato di avere un visitatore entrato sul mio blog attraverso la voce di ricerca "Ferruccio". Non è la prima volta che capita. È accaduto in diverse occasioni. Così sono andato a controllare nella Serp e anche negli strumenti di Web Master e ho così scoperto che il mio blog con questa ricerca si trova nella prima pagina di google in una posizione che varia dal quinto al sesto posto tra circa 5.790.000 risultati. Come dire: Il destino nel nome

A parte ciò che ho scritto nella premessa, a nessuno, o quasi, per ora, forse, viene in mente di cercare in rete e sul web il nome "Ferruccio". Detto tra noi lo trovo un nome di persona purtroppo piuttosto brutto e poi per cosa bisognerebbe cercarlo? 

Ora vi confesso che a volte penso che mi sarebbe piaciuto di più essere chiamato Luca come voleva la mia mamma prima che nascessi. Ma questa particolare ricerca si presta molto bene a una piccola analisi di ordine tecnico legato al mondo SEO e a suggerirmi che il nome Luca, in effetti, mi avrebbe lasciato in mezzo al mazzo per quanto riguarda il mondo della rete. 

Mi sembra del tutto chiaro che la scelta di un nome di dominio, per un sito o per un blog che sia, debba essere ben ponderato. Nel mio caso la fortuna ha voluto che un semplice nome e cognome sia quasi unico consentendomi di essere molto presente e facilmente rintracciabile (lo stesso accade con il cognome). 

In realtà sin da subito l’orientamento che avevo scelto per il mio blog verteva solo sul mio nome e cognome

Tolto qualche sottotitolo presente nel blog frutto di improvvisazione l’idea di puntare su Ferruccio Gianola non è mai venuta meno e ora queste ricerche mi fanno sì sorridere ma allo stesso tempo mi fanno bene sperare. Voglio trasmettere quello che è dentro il mio spirito senza barare, perché solo quello che si ha dentro può essere vero. Sono io dietro quel nome e non mi devo nascondere come non ho mai fatto. 

Ora appare evidente che il consiglio valga per tutti coloro che vogliono intraprendere un’avventura in rete. Puntate su un nome che vi identifichi e non lo abbandonate. Sceglietelo bene e che sia un qualcosa che porti avanti il vostro credo. Non generalizzate e neppure banalizzate.  

Voi non immaginate come è bello essere chiamati per nome da google stesso

Vi voglio bene.

Grazie.

6 commenti:

  1. E pensare che non sei nemmeno l'unico Ferruccio che conosco, e non parlo del grande Amendola :p
    Hai ragione, comunque, nomen omen :)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Io ho optato per il nome reale anche se prima usavo il nome del folletto di casa, Lampur, che ancora smargiassa su Film.Tv...
    Sicuramente come folletto avrei avuto più followers..anzi..follettiwers... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono partito da subito con Ferruccio gianola, semplice ispirazione

      Elimina
  3. Il mio nick è.. un rimaneggiamento del mio nome (che ho sempre odiato) e del cognome del marito.
    Oramai non mi stupisco più se qualcuno mi chiede se ho origini inglesi o americane. :))
    Togliete quella c e mettete una z e troverete una italianissima blog... ehm.. pasticciona del web! ahhahah

    RispondiElimina