martedì 11 ottobre 2016

Mai letto Giorgio Manganelli?

Avete mai letto Giorgio Manganelli? Neppure sapete chi sia, un po' come il sottoscritto? Vale la pena fare la sua conoscenza? Saranno domande senza risposta? 

Speriamo di no! 

Tutto è cominciato pochi giorni fa, quando in un commento su facebook sotto il post Libri culto o prese per il culto? il blogger di PostoDiBloggo, Franco Battaglia ha lasciato questo commento: 


"Io ho un solo libro culto: "Centuria" di Giorgio Manganelli" 

Tanto è bastato per suscitare il mio interesse e mettermi alla ricerca di rete di informazioni sullo scrittore, traduttore, giornalista, critico letterario italiano di origine milanese Giorgio Manganelli. Uno tra i teorici della neoavanguardia: movimento letterario italiano del Novecento caratterizzato da una forte sperimentazione formale. 

Trascurando però per il momento questo aspetto (vedremo se potremmo riparlarne in uno dei prossimi Record culturali) torno a ribadire che non conoscevo l'esistenza di Giorgio Manganelli e lo scrivo con un certo imbarazzo perché da quel poco che ho trovato mi pare di essermi perso qualcosa. 

Come al solito chiedo il vostro aiuto. Magari avete un parere da darmi. Magari ne conoscete vita, morte e miracoli. Io di mio aggiungo questo piccolo capitoletto o raccontino trovato trovato nelle citazioni di Wikipedia

Mi pare geniale

Una donna ha partorito una sfera: si tratta di un globo del diametro di venti centimetri: il parto è stato facile, senza complicazioni. Si ignora se la donna sia o meno sposata; un marito avrebbe supposto una relazione col demonio, e l'avrebbe cacciata o forse uccisa a martellate. Dunque non ha marito. Si dice sia vergine. In ogni caso è una buona madre: è molto affezionata alla sfera. 

Vi voglio bene. 

Grazie.

6 commenti:

  1. Grazie per la citazione intanto!... consiglio vivamente Centuria a ogni genere di lettore, ma soprattutto al lettore con velleità di scrittore. Un libro che spalanca un mondo... 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo l'esempio aggiunto dice tante cose. Grazie a te!

      Elimina
  2. Mi unisco a te nel dire che non so chi sia ma che quel breve paragrafo ha un qualcosa di particolare. E' decisamente d'effetto

    RispondiElimina
  3. Conosco bene Manganelli di nome perché pubblicava con Adelphi, che è la casa editrice che seguo di più. Se non erro ho letto una sua introduzione ai racconti di Lovecraft, una vita fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente non c'ho mai pensato, ma forse dipende anche dal tipo di catalogazione dell'autore. Ecco un altro spunto su cui lavorare!

      Elimina