domenica 30 ottobre 2016

Il Romanzo della Pasta Italiana di Nunzio Russo

La pasta è nata in Sicilia, e il suo luogo d’origine è una zona compresa tra Termini Imerese e Trabia, in provincia di Palermo. I ricercatori ci comunicano notizie di questo prodotto unico nella storia della scienza alimentare fin dal 1154. Questo avvenne cento anni prima della nascita di Marco Polo, per centinaia d’anni considerato l’esploratore che – scopertala in Cina – la fece poi conoscere in Occidente. 

Il brano che avete appena letto lo trovate ne Il Romanzo della Pasta. Un lavoro su cui da mesi ho buttato l'occhio visto la possibilità di integrarsi che ha con la mia rubrica dedicata alla cucina e che pure la Giornata Mondiale della pasta del 25 ottobre scorso mi ha ricordato. 

Non potevo perciò non segnalare il prezioso lavoro dello scrittore siciliano Nunzio Russo, discendente, tra l'altro, da entrambi i rami delle antiche famiglie di produttori di pasta alimentare siciliana: la “Russo” di Termini Imerese e la “Messineo” di Trabia

Un'opera che presenta lo sviluppo della pasta secca attraverso un affascinante percorso storico. 


Un'etnostoria della pasta alimentare, piena di suggestioni e di informazioni che dettano verità su uno degli alimenti principi della dieta mediterranea e della cucina mondiale. 

Un libro accompagnato inoltre da una cinquantina di immagini e impreziosito dalla prefazione di luminari come il prof. Carlo Clerici docente all’Università di Perugia e direttore dell’unità di gastroenterologia dell’Ospedale di Santa Maria della Misericordina di Perugia e il prof. Kenneth Setchell, direttore della Clinica Mass Spectometry del Children Hospital

Il Romanzo della Pasta Italiana lo trovate disponibile in formato cartaceo e anche in ebook.

Vi voglio bene.  

Grazie.

4 commenti:

  1. Sicuramente un ottimo lavoro da leggere,non sapevo che la pasta è nata in sicilia, anzi a dir la verità non mi ero mai posta la domanda😊 Grazie Ferruccio per averci presentato il lavoro del sig. Russo!

    RispondiElimina
  2. una ricostruzione storica che mi ha emozionato, la consiglio così come consiglio il bellissimo romanzo "La voce del maestrale"

    RispondiElimina