venerdì 9 settembre 2016

I racconti si vendono?

«Nessuno legge racconti in Italia, non siamo anglosassoni. Strano, eppure è molto più difficile la narrazione di un racconto, che deve essere perfetto come un orologio in ogni riga, piuttosto che quella di un romanzo, che ha alti e bassi inevitabili nel ritmo.» 

Durante il mese di agosto ho pubblicato diversi racconti sul mio blog (li potete leggere nei Racconti Brevi), un po' per curiosità e naturalmente un po' anche per vanità. Non è la prima volta. 

I risultati sono stati soddisfacenti, sia in termini di lettura, sia in termini di apprezzamento (anche se molti commenti sono sui social) e questi aspetti hanno stimolato il mio desiderio di proporli a una pubblico più vasto con una pubblicazione. 

Soltanto che - per restare nel business di ieri - I racconti si vendono? 

Questa domanda, in realtà, non è frutto del mio sacco ma è nata grazie alla discussione avuta in chat con lo scrittore Andrea B. Nardi, autore già comparso con un'intervista sul mio blog

Un autore e una persona che stimo parecchio. 

Ora il corsivo tra virgolette che trovate all'inizio di questo articolo e anche una sua considerazione in merito alla questione sollevata e cosa c'è di meglio che cercare di svolgere un'inchiesta coinvolgendovi. 

Da un certo punto di vista sono anch'io della tesi di Andrea. La sensazione che i racconti abbiano poco mercato la colgo anch'io, tuttavia vale anche la pena rimarcare certi exploit. 

Ovviamente il vostro parere sulla questione e ben accetto. 

Vi voglio bene. 

Grazie.

25 commenti:

  1. In realtà in Italia ha poco mercato qualsiasi cosa abbia a che fare con la lettura!
    Facendo un giro per le librerie si vedono tanti autori stranieri. Ho la sensazione che le medio-grandi case editrici preferiscano puntare su nomi stranieri già noti e famosi nel loro paese, così tanto per essere sicuri e non cerchino autori italiani per non rischiare... insomma a parte i soliti noti, si fa fatica a trovare qualcosa di nostrano da leggere.
    Ritornando ai racconti, in Italia è impensabile aprire una rivista e trovarci dentro un racconto (a parte rare eccezioni, tipo Intimità e Confidenze, ma che spacciano i racconti per storie vere...) ed è pure difficile trovare pagine/articoli dedicati a libri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che i libri vendono poco in generale. Forse con i racconti è ancora più difficile

      Grazie

      Elimina
  2. Discorso vecchio e triste: in Italia noon si legge. Ed è più facile vendere il tomo di millemila pagine, forse perché dà più "autorità", sembra più "libro", che un racconto. Parlando di vendere racconti singoli piuttosto che raccolte, è quasi obbligatorio rivolgersi al digitale, e sappiamo che l'ebook in Italia è visto dal grande pubblico come una strana bestia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro pensavo a raccolte, con il digitale ho già scritto come la penso. Non funziona per conto mio. Vendere 50 o 100 copie in digitale non ha senso

      Elimina
  3. Credo che i racconti abbiano dalla loro la forza della sintesi - condensare idee e personaggi in poche pagine non è un'impresa facile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo e poi ci sono situazioni che si prestano a racconti

      Elimina
  4. Secondo me sta tutto a come proponi i racconti al lettore. Con una buona strategia dietro si può fare. Basta capire quale... xD

    CervelloBacato

    RispondiElimina
  5. Io invece credo che siano i più adatti a un device digitale. Per cui credo che in futuro non potranno che essere portagonisti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so io continuo a essere scettico. Vedo pochissime persone che leggono con il telefono e il telefono copre una percentuale enorme di gente che usa internet

      Elimina
    2. Per leggere ebook serve un e-reader o almeno un tablet/Pc. Non ci piove.

      Elimina
    3. per questo sono scettico, ereader è troppo di nicchia e il popolo con il pc e il tablet ci fa dlel'altro

      Elimina
    4. Anche il "racconto" pare essere di nicchia eh :D (nel senso che è forse destinato a un mercato differente)

      Elimina
    5. Io penso che se sono un autore sfigato (ampio significato del termine) lo sono sia come romanziere sia come scrittore di racconti.

      Elimina
    6. Ok, ma questo ha poco a che vedere con le ragioni dell'editoria eh. Chi viene pubblicato non è detto sia migliore di chi incontra maggiori difficoltà, basta fare un giro sui siti che propinano i top del momento in quanto a vendite.

      Elimina
  6. Non discuto tra digitale e cartaceo ma a me personamente i racconti piacciono. Nome a caso? Carver... sì, ho capito, è un Nome. :)
    Mettiamola così, preferisco la carta stampata ma nn mi faccio problemi a comperare un libro di racconti E leggerlo ovviamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho idea, mi serve per avere risposte questo post e le ho!

      Elimina
  7. Ne ho parlato dove tu sai proprio di recente e facevo riferimento ad un post relativo alle difficoltà concrete di "vendere" i racconti scritto da una persona che nel mondo dell'editoria "ci sta". I racconti non si vendono, è così. Probabilmente il mercato del digitale sarà un buon canale alternativo.
    Le motivazioni del poco apprezzamento è che il racconto richiede un impegno maggiore, in quanto a coinvolgimento di chi legge, vs la storia che è predominante nella narrativa (non breve, ovviamente) e che è l'aspetto - purtroppo - maggiormente considerato. Un racconto spesso suggerisce, lasciando al lettore una grande parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai io credo che il mondo dell'editoria in generale goda a campare un sacco di scuse. A me pare che il marketing che c'è dietro la promozione di un libro non sia cambiata rispetto a 30 anni fa. Io penso ci vogliono idee e creatività, poi scopri in amazon tizi che un'ora dopo essere stati pubblicati hanno recensioni a cinque stelle. Ci vuole serietà e creatività e idee per far conoscere i lavori

      Elimina
    2. Su Amazon non si fanno recensione, più spesso sono marchette, altrimenti opinioni di dilettanti :D

      Elimina
    3. Il problema è che molta gente compra lì

      Elimina
    4. Come dico spesso, bisognerebbe far capire a chi legge che ci sono altre fonti cui far riferimento per SCEGLIERE. Ma la "comodità" ha vinto su tutto e tutti e chi vende lo sa bene.
      La questione è che se si vuol vendere, come scopo primo, per me si deve allora scrivere per quel tipo di pubblico che compra a criticamente. Sono scelte che io non discuto, ognuno facesse come meglio è per lui. Però, poi non si offendessero determinati autori quando ricevono critiche da chi non si accontenta della "recensione" Amazon, tutto lì.

      Elimina
    5. Il problema noi scrittori siamo ipocriti vogliamo scrivere un capolavoro che piace alla critica e anche vendere, anzi vendere sopratutto

      Elimina
  8. mah , non conosco le statistiche del mercato, ma credo che i racconti vadano offerti alla grande da parte degli editori al pubblico. Per quanto mi riguarda ne leggo sempre (ma non più che i romanzi) e devo dire che di certi autori classici, prima di leggere le grandi opere mi sono invogliata con delle raccolte di racconti brevi

    RispondiElimina