giovedì 4 agosto 2016

Il blog è mio e lo gestisco io

«Non faccio recensioni e parlo degli scrittori e dei libri che desidero. Io non ho bisogno di recensire libri per mandare avanti il blog. Posso decidere di fare favori a chi voglio e lavorare per chi piace a me. Ma non sono a disposizione di nessun scrittore.» 

Settimana scorsa mi è giunto un messaggio anonimo in cui il commentatore si lamentava per il fatto che dia spazio ad autori famosi e invece non prenda in considerazione autori emergenti, magari molto più bravi (sempre secondo la voce del commentatore). 

A parte il fatto che ho sempre lasciato spazio anche ad autori nuovi, la prima risposta che mi sento di dare è che Il blog è mio e lo gestisco io, ma so che una simile affermazione non dice nulla e allora invito a leggere il virgolettato con cui inizio questo post, preso da una mio articolo di qualche anno fa. 

In realtà vorrei che si capisse che il mio blog non è una piattaforma messa lì a disposizione a chiunque faccia comodo o ne abbia bisogno. 

Ora come ora, pubblicare un post che riguarda un autore famoso spesso mi porta in un giorno il traffico che un esordiente non mi manda neppure in un anno, senza contare il fatto che certi autori famosi non hanno difficoltà a darmi spazio in un altro modo, magari attraverso i loro canali diretti, cosa che molti esordienti non prendono neppure in considerazione, visto che il più delle volte ti negano addirittura il like alla pagina  che metti in firma alle email a cui neppure rispondono.

Insomma le cose da dire in merito sono molte. Sostanzialmente però mi sento di consigliare che non basta scrivere un libro per essere qualcuno e pretendere spazi che ci sembrano dovuti solo perché qualcuno c'ha detto che siamo dei geni. 

Purtroppo non è così che funziona il mondo: date e vi sarà dato. Abbiate pazienza e volate basso.

Vi voglio bene.

Grazie.


4 commenti:

  1. Bella la chiusura! Ci sono parecchie persone che dovrebbero seguire il tuo consiglio....
    Comunque concordo. Il tuo virgolettato è oro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un messaggio rivolto a tutti e a nessuno, ma c'è troppa gente giochicchia con i blog e con chi tiene i blog.

      Elimina
  2. Non solo lì Ferruccio. Due parole in rima, tre frasi e sono poeti o scrittori a cui Neruda o Hemingway fanno ridere..
    Ma! Il mondo è bello perchè è vario.. o avariato?
    Diciamo più che altro che la modestia sta sparendo ma l'autostima cresce di conseguenza. Spesso a vanvera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono i mali odierni, da una parte la falsa modestia e dall'altra la megalomania

      Elimina