giovedì 28 luglio 2016

PokemonGo e i libri intelligenti del futuro

«Non sono mai stato un patito di videogiochi e non lo sono di ‪#‎PokemonGo‬, ma siamo di fronte a una rivoluzione. Tra non molto con un'app dello Smartphone si potrà fare un safari, si potrà pescare un tonno o un marlin ai Caraibi, si potrà giocare a calcio con Leo Messi o con Cristiano Ronaldo, si potrà uscire con l'attrice/attore da urlo del momento e si potrà guidare una‪#‎Ferrari‬ rimanendo al posto di guida di una ‪#‎Panda‬. Insomma stiamo diventando sempre più deficienti e soggiogati.» 

Quando pochi giorni fa parlavo di libri intelligenti del futuro pensavo che certe tecnologie potessero essere studiate in modo tale da rendere più accattivante e intelligente un libro digitale. 

Pensavo a cose del tipo che se una persona si mette lì a leggere Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway potesse nel frattempo sentirsi in riva al mare e annusare l’odore della salsedine. Oppure, il lettore,  potesse respirare e provare delle sensazioni fisiche leggendo un libro d’avventura o dell’orrore: emozioni e sensazioni comunicate con la lettura.

Ora devo confessare che PokemonGo ha preceduto, come concetto, i miei libri intelligenti, perché come ho scritto nello status su facebook che poi ho usato in questo post tra virgolette, piaccia o meno, si voglia o meno, siamo davvero di fronte a una rivoluzione e non dubito affatto che si avvereranno in parte quelle cose che ho scritto. 

Certo vorrei che certe tecnologie ci rendessero davvero la vita migliore più che viziarcela maggiormente ma è la massa a decidere.  
Vi voglio bene. 

Grazie.

10 commenti:

  1. Tutto il mondo gioca a Pokemon Go. Dicono che i cartoni animati da catturare siano 151, ma secondo me sono più dei cinesi.

    Tra qualche giorno ce li ritroveremo anche in casa. A proposito, hai guardato sotto il letto? Buongiorno Ferruccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha, adesso guardo! Buongiorno!

      Elimina
    2. Purtroppo, vexo imiei figli rapiti dai video giocchi e non ultimo Pokemok go sembra non esista altro che il mondo virtuale

      Elimina
  2. PorchemonGo non è minimamente un gioco intelligente. Hanno trasformato una gran massa di umani in imbecilli totali, impegnati a correre dietro a mostricciattoli virtuali magari facendosi tirare sotto da qualcuno per la strada. Non è stata una rivoluzione, ma un'involuzione totale: ha creato una serie di amebe decerebrate dove una volta c'erano esseri umani. Meglio nella maniera più assoluta NON paragonare PorchemonGo a qualsiasi libro, tradizionale, intelligente, elettronico che sia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è affatto intelligente, come dici. Purtroppo, però, ho la netta sensazione che queste applicazioni saranno il futuro e invaderanno una miriade di campi

      Elimina
  3. Io non ho bisogno di tecnologia per sentire il profumo del mare mentre leggo Moby Dick, quello delle brughiere in compagnia di Jane Eyre e via così. Si chiama immaginazione, è gratis e la abbiamo tutti ma va esercitata ;)
    Sui Pokemon Go: si tratta di un gioco, se le persone utilizzano male un mezzo qualsiasi ne hanno responsabilità. Non penso che tutti quelli che ne sono appassionato siano imbecilli senza cervello, ché mi pare molti di questi siano impegnati in altre cose.
    Io ho un cellulare che va a carbonella, non penso male di chi ha smartphone ecc. Penso male dell'uso stupido e inconsapevole che si fa della tecnologia tutta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che la tecnologia, se fosse usata bene. potrebbe far miracoli e migliorare notevolmente la vita di tutti. Sciuparla per sciocchezze mi lascia molte perplessità

      Elimina
  4. Sono molto triste. Vedo una massa di analfabeti funzionali che hanno sviluppato competenze tecnologiche fini a se stesse. Mi spiace, non vedo nulla di positivo in questo nuovo corso. Milioni di automi forniti di apparato digerente e organi escretori. Chi ancora ama la cultura, la letteratura, l'arte in generale, dovrebbe rifugiarsi ad Alamo e vendere cara la pelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricordatevi di Alamo: già. Tra un po' urleremo questa frase per le strade

      Elimina