lunedì 30 maggio 2016

Il primo poema eroicomico della storia

Può darsi benissimo che non siate d'accordo, dopotutto siete liberi di pensarla come volete. Ma, per me, uno degli aspetti più interessanti relativi alla raccolta di Record culturali, da mettere nella mia vetrina, è legato al fatto che quasi ogni settimana imparo qualcosa di nuovo. 

Questo lunedì, per esempio, sono andato a prendere Il primo poema eroicomico della storia: un genere del tutto nuovo per conto mio, un genere di cui ignoravo l'esistenza... 

Il bello è che il poema di 303 versi, creato come parodia dell'epica eroica, nel quale si racconta di una immaginaria guerra combattuta tra topi e rane, è attribuito ad Omero

Parliamo de il Batracomiomachia: lavoro che Omero avrebbe scritto, mentre si trovava a Bolisso, città dell'isola di Chio, dopo aver concluso l’Iliade e di iniziare prima l’Odissea

Be' magari voi ne siete al corrente. Io però lo ignoravo del tutto e detto tra noi mi spiace perché la storia pare affascinate e curiosa. Magari potrebbe fungere da spunto a tutti quei geniacci incompresi che sono molto di moda oggi nella letteratura e che inventano tutti qui sottogeneri ridicoli! 


Grande impresa disegno, arduo lavoro: 
O Muse, voi dall'Eliconie cime 
A me scendete, il vostro aiuto imploro: 
Datemi vago stil, carme sublime: 
Antica lite io canto, opre lontane, 
La Battaglia dei topi e delle rane. 

Vi voglio bene. 

Grazie.

8 commenti:

  1. Ahaha! La Batracomiomachia la conoscevo di nome (e di fama). Mai a immaginare, però, che fosse un poema del genere eroicomico... Chi ne è il protagonista?

    RispondiElimina
  2. Stavolta conoscevo entrambi: testo e record ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non mi stupisce questo aspetto? LOL

      Elimina
  3. Non fornire spunti ai geniacci incompresi XD

    RispondiElimina
  4. È bellissimo, l'ho studiato alle medie ed è stato questo che mi ha spinto poi a scegliere il liceo classico 😀

    RispondiElimina