venerdì 1 aprile 2016

Pièce teatrale con un mio racconto

«Encendí el ordenador, así por casualidad, sólo para hacer algo diferente. Lo hubiera hecho de no pasar el día festivo para observar las nubes impulsadas por el viento en el aire; pero en realidad no me importaba un repollo frito. Trata de comprenderme, que no estaba en mis planes la idea de pasar mi tiempo como un geek de la computadora. Sin embargo, cuando se navega por la web, que había cargado en el vídeo a la página de contacto que estaba batido idea en el cerebro como las verduras en una licuadora...» 

Avete riconosciuto l'incipit di questo racconto? 

No? 

Be' non è famoso, vi posso capire. 

L'originale in lingua italiana lo trovate qui nella mia vetrina. L'autore sono io e vi confesso che sono estremamente fiero di questa traduzione che ho trovato nel web in lingua spagnola. 

Ma lo sono ancora di più per il fatto che è in previsione, sempre in lingua spagnola, una Pièce teatrale con un mio racconto

La storia un po' rimaneggiata è sempre la stessa, quella del tizio che viene contattato dall'alieno tramite social... 

Vederlo a teatro sarà semplicemente fantastico, anche dovrò se coglierne tutte le sfumature in una lingua diversa non sarà una barzelletta.

Ma questo è solo il primo passo, perché è probabile che ci facciano pure un film... insomma cose molto in grande, se solo non fosse il primo aprile. 

Vi voglio bene. 

Grazie.

7 commenti:

  1. Hahaha non mi viene la parola, com'era? Para stinco? Para flutti? Vabbè, il racconto l'ho letto ed è molto molto carino. Non scherzi mica quando scrivi.
    Cavoli, oggi è il 1° aprile, speriamo in bene.

    RispondiElimina
  2. Il racconto mi era piaciuto, lo avevo paragonato a Bradbury. Ti dirò che ho cominciato a sospettare lo scherzo solo un istante prima del finale, quando sono arrivato alla parola "film".

    RispondiElimina
  3. Cavolo c'ero cascato in pieno. E sai perché? Perché cose del genere possono accadere. Il mio racconto "i Capricci del giro fusiforme, vincitore del premio dell'Istituto Superiore di Sanità, è stato drammatizzato, ovviamente ampliato, con il titolo Rari per caso, con la prima al Gemelli di Roma. E io non ci sono potuto andare per via della messa in suffraggio di mio padre.
    E non è un pesce d'aprile. Puoi controllare usando i titoli

    RispondiElimina
  4. Anche io fino a "film" non avevo dubbi :P

    RispondiElimina
  5. WOW!!!!!!!
    ma questa del primo aprile è uno scherzo che fai a noi o temi sia uno scherzo per te?!
    Ti auguro sia verissimo!!!!!

    RispondiElimina